Recupero crediti vuole cambializzare il debito e minaccia di pignorare lo stipendio a mio marito non debitore - Mi conviene accettare?

Ho un debito con la banca ma purtroppo io ho perso il lavoro e sta lavorando solo mio marito che ha già una cessione del quinto in busta paga e un affitto da pagare. Non ho proprietà. Da giorni mi contatta un recupero crediti: vuole fare le cambiali.

Oggi ancora mi hanno contattato ancora. Vogliono che firmi le cambiali a tutti i costi entro il 22 ma io non voglio firmare e mi hanno detto che ci citeranno in tribunale.

Poi mi ha aggiunto che se non pago, faranno il prelievo sullo stipendio di mio marito.

Se i coniugi hanno adottato il regime di comunione legale dei beni, il debito del coniuge debitore può essere richiesto al coniuge non debitore.

Se i coniugi hanno adottato il regime di separazione legale dei beni, il debito del coniuge debitore può essere richiesto al coniuge non debitore se il creditore dimostra che il prestito è servito a soddisfare esigenze familiari. Ma l'azione esecutiva finalizzata ad escutere il coniuge non debitore non è affatto semplice.

Comunque, non bisogna firmare cambiali se non si ha la certezza di poterle onorare: in caso di mancato pagamento il creditore potrebbe pignorare lo stipendio di suo marito senza chiedere un decreto ingiuntivo al giudice, ma solo sulla base delle cambiali protestate. Insomma, firmando le cambiali e non pagandole non si guadagna tempo come potrebbe sembrare, ma, al contrario, si rende più rapida e agevole l'azione esecutiva promossa dal creditore.

Infine, non è detto che la società di recupero crediti proceda giudizialmente. Spesso si tratta solo di minacce: perché bisogna anticipare le spese legali e di solito le società di recupero crediti cessionarie (quelle che hanno acquistato il credito dalla banca - non incaricate solamente di gestirlo) non sono sempre disposte ad instaurare un contenzioso in tribunale.

Concludendo, nel caso esposto, giocano un ruolo fondamentale la propensione al rischio del debitore, il regime legale di separazione o comunione dei beni, il sapere se la società di recupero crediti è cessionaria o solo affidataria.

16 novembre 2017 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cambiale protestata
cambializzazione del debito residuo
pignoramento dei beni ricadenti nel regime coniugale di comunione e separazione
pignoramento stipendio

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pignoramento dello stipendio o della pensione come consolidamento debiti
Vorrei illustrarvi la mia attuale situazione debitoria alquanto complessa: praticamente ho una cessione del quinto e un prestito delega sullo stipendio.   Poi in virtù di investimenti sbagliati e bisogni economici impellenti ho stipulato vari rid bancari. Di cui tre particolarmente onerosi. Riesco a pagare facendo i cosidetti salti mortali. ...
Mantenimento » Coniuge obbligato deve contribuire al mutuo dell'ex casa
Il coniuge obbligato al mantenimento è tenuto a pagare la metà della rata del mutuo della casa familiare. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione la quale, con la pronuncia 20139/13, ha sancito che: Il coniuge separato tenuto al versamento dell'assegno può essere condannato d'ufficio dal giudice a corrispondere la ...
Quando il recupero crediti asserisce che non serve esibire un estratto conto cronologico del debito
Avevo scritto pochi giorni per una questione di un finanziamento che ho fatto 3 anni fa con la Santander di 10.000 euro purtroppo da piu di un anno e mezzo che ho perso il mio lavoro tempo indeterminato m sono trovata in difficolta per pagarlo . Adesso la banca inizialmente ...
Equitalia » Inutile vendere casa al marito per sfuggire al debito
Disfarsi in extremis della proprieta` del bene fingendosi incapiente, non e` un rimedio valido che salva da quanto dovuto a Equitalia per non aver pagato la cartella esattoriale notificata. L'agente della riscossione, ai sensi dell'articolo 49, comma 1, del Dpr 602/1973, può mettere in pratica ogni azione cautelare e conservativa ...
Conto corrente cointestato? » Non implica che il marito abbia regalato alla moglie la metà del deposito
Il conto cointestato non implica che il marito abbia regalato alla moglie la metà dei soldi depositati. La cointestazione di un conto corrente, infatti, attribuendo agli intestatari la qualità di creditori o debitori solidali dei saldi del conto sia nei confronti dei terzi, che nei rapporti interni, fa presumere la ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca