Pignoramento stipendio gravato da disposizione di ritenuta su busta paga e da cessione

Mi collego alla risposta avuta in precedenza. Mi spiego meglio.la cessione di 1/5 dello stipendio è avvenuta prima del pignoramento per alimenti. In realtà il giudice tramite accordo transattivo ha disposto ritenuta su busta paga, non ho ricevuto un decreto ingiuntivo. Quindi in questo caso non essendo un pignoramento altri creditori possono aggredirmi e mettersi in coda?

Innanzitutto grazie per il feedback che aiuta a chiarire una discussione che altrimenti, senza il suo nuovo intervento, avrebbe generato solo confusione nell’eventuale lettore.

Dunque, sul suo stipendio non insiste alcun pignoramento dello stipendio per crediti alimentari: ne discende che c’è ancora un 30% pignorabile (tenuto conto del 20% già impegnato dalla cessione del quinto).

Solo di questo 30% residuo potranno beneficiare creditori procedenti per debiti di natura ordinaria (banche, finanziarie e privati), di natura esattoriale (Equitalia o agenti locali della riscossione), di natura alimentare (il coniuge separato o parenti che versano in stato di indigenza).

Naturalmente, il primo creditore procedente per ciascuna tipologia di credito (e fino ad una quota complessiva del 30% per tutti i creditori procedenti) potrà ottenere il prelievo: gli altri, come lei peraltro anticipa, dovranno mettersi in coda.

In soldoni, se una banca ottenesse dal giudice il pignoramento presso il datore di lavoro di un quinto dello stipendio percepito dal debitore, in seguito ad un affidamento in conto corrente non rientrato, la finanziaria che ha concesso un prestito non rimborsato allo stesso debitore e che intendesse anch’essa procedere in via giudiziale per il recupero del dovuto, dovrà attendere che il pignoramento mensile serva il credito vantato dalla banca, fino ad integrale soddisfacimento della pretesa azionata.

29 Settembre 2016 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pignoramento ordinario dello stipendio gravato da mantenimento e cessione in busta paga
Ho un netto in busta paga di 1950 euro dal quale vengono detratte le seguenti voci: assegno di mantenimento forzoso permanente con decreto del tribunale di 730 euro e cessione del quinto di per 186 euro. Nel frattempo ho subito un pignoramento ordinario presso il mio datore di lavoro con una trattenuta provvisoria di 194,00 €. Sono in attesa della sentenza. Il giudice in questo caso accoda per raggiunto limite di soglia minima (50% dello stipendio) o calcola la quota del 20%? In più volevo sapere se c'erano i presupposti per un annullamento del pignoramento dato che, in attesa del ...

Pignoramento stipendio gravato da cessione del quinto e prestito delega
Sono una lavoratrice dipendente, ho una busta paga di 1200 euro su cui vengono trattenute 240 cessione quinto e 230 cessione per prestito delega e quindi con uno stipendio netto di 730 euro. I creditori di una finanziaria possono pignorare ulteriormente il mio stipendio e il giudice può autorizzargli la coda? ...

Pignoramento dello stipendio nella misura di un quinto laddove preesistono cessione del quinto e prestito delega - Non dovrebbe esserci capienza solo per un prelievo di un decimo dalla busta paga?
Ho appena ricevuto un pignoramento in busta paga pari a un 1/5, avendo già da prima contratto una cessione del quinto ed una delega di pagamento anch'esse pari ad 1/5 ciascuna, per cui mi ritrovo adesso con 3/5 dello stipendio trattenuto cioè pari al 60% della retribuzione netta. La mia domanda è: per legge non dovrebbero lasciare un minimo del 50% dello stipendio? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pignoramento stipendio gravato da disposizione di ritenuta su busta paga e da cessione