Pignoramento di beni indivisi su cui grava diritto di usufrutto - Quale la procedura?

A proposito della precedente risposta quindi, se ho ben capito, la banca potrebbe pignorare l'intero immobile e metterlo in vendita,sempre se non ci sia accordo tra i proprietari e la banca creditrice. E se, per ipotesi venisse venduta per 100.000 euro, la banca potrebbe trattenere solo 1/6 di tale somma, e comunque l'eventuale acquirente non potrebbe venirne in possesso finché ha diritto di usufrutto mio padre. In questo modo però la banca avrebbe solo un importo di circa 16.600 euro: E' corretto?

Anche per quanto riguarda il diritto di usufrutto la questione viene decisa dal giudice: il quale potrebbe disporre la vendita dell'intero bene pignorato, libero dal vincolo di usufrutto, se tale scelta fosse ritenuta (anche con il supporto di Consulenze Tecniche d'Ufficio) la più conveniente per la maggior parte dei soggetti coinvolti (creditore, comproprietario debitore, comproprietari non debitori). Come è facile immaginare, è molto più semplice e remunerativo vendere un immobile senza gravami che non la sola nuda proprietà.

A tale proposito, vale la pena osservare che la vendita all'asta di un bene gravato da usufrutto potrebbe comportare una eccessiva penalizzazione per i comproprietari della nuda proprietà, siano essi debitori o meno.

In altre parole, il ricavato della vendita del bene (nuda proprietà più usufrutto) epurato del valore da assegnare all'usufruttuario espropriato del diritto (valore che, lo ricordiamo, può essere precisamente determinato in base a tabelle attuariali, tenuto conto del valore commerciale dell'immobile nonché dell'età dell'usufruttuario) potrebbe portare ad una maggiore soddisfazione per il creditore e per i comproprietari non debitori ed un minore debito residuo per il comproprietario debitore.

Insomma, la procedura di espropriazione di un bene indiviso, laddove solo uno dei comproprietari è debitore, per di più gravato da un diritto di usufrutto a favore di un soggetto non debitore è faccenda assai complicata e nulla si può dire circa i suoi possibili sviluppi.

2 marzo 2018 · Piero Ciottoli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

casa - pignoramento espropriazione e vendita all'asta
pignoramento beni indivisi

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Risoluzione del preliminare di compravendita per inadempimento del promissario acquirente - Il promittente venditore ha diritto al risarcimento del danno per il mancato pagamento del prezzo e per l'eventuale illegittima occupazione dell'immobile
La somma di denaro che, all'atto della conclusione di un contratto preliminare di compravendita, l'acquirente consegna al venditore a titolo di caparra confirmatoria, assolve la funzione, in caso di successiva risoluzione del contratto per inadempimento, di preventiva liquidazione del danno per il mancato pagamento del prezzo, mentre il danno da ...
Conto corrente su cui è disposto pignoramento presso terzi » L'imposta di bollo alla banca è comunque dovuta
Conto corrente sottoposto a pignoramento presso terzi: l'istituto di credito è legittimato a trattenere l'imposta di bollo per dei soldi che, ormai, non sono più nella disponibilità del titolare? Chiariamo subito la questione: il presupposto dell'imposta di bollo sui conti correnti bancari non risiede nel fatto che il correntista abbia ...
Effetti dell'inadempimento del fornitore di beni e servizi sul contratto di credito collegato - Sussistono anche se acquirente e debitore sono soggetti diversi
La concessione di un finanziamento per la fornitura di un bene o di un servizio individuati esplicitamente nel contratto di credito, attuata attraverso il pagamento diretto del fornitore da parte del creditore, dà vita ad un collegamento negoziale tra il contratto di credito e quello di fornitura, a nulla rilevando ...
Giroconto invece di un bonifico - Il cliente perde il diritto alle agevolazioni fiscali per ristrutturazione edilizia
Volevo sapere se ciò che mi è accaduto potrebbe essere portato di fronte all'Arbitro Bancario Finanziario. La mia banca online ha ricevuto da me l'ordine di disporre un bonifico per ristrutturazione edilizia. il 16 dicembre. Dopo svariate telefonate effettuava il bonifico il 24 dicembre. ma annullava la mia disposizione e ...
Trattenute sulla pensione per il recupero di pagamenti non dovuti - L'INPS può prelevare il 20% solo sull'importo che eccede il minimo vitale
In tema di indebito previdenziale, l'Inps, salvo il diritto di chiedere la restituzione del pagamento non dovuto, può recuperare gli indebiti e le omissioni contributive anche mediante trattenute sulla pensione, in via di compensazione, col duplice limite che la somma oggetto di cessione, sequestro, pignoramento o trattenuta non superi la ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca

Forum

Domande