Coperto dai debiti del padre

Ho un padre che è talmente egoista da avermi riempito di debiti: mio padre aveva una ditta individuale di montaggio di arredi che ha chiuso per fallimento nel 2000.

All'età di 18 anni mi ha intestato una ditta per poter lavorare, ditta gestita completamente da lui poichè io ero in quinta liceo e facevo solo da prestanome.

Dopo circa un anno è stata chiusa ma non per fallimento. Dopo circa un paio d'anni sono iniziate ad arrivare cartelle esattoriali di tasse e contributi mai pagati e multe prese con la macchina che gli ho dovuto comprare per poter lavorare. Lui ha sempre preso tutti i documenti dicendo che li avrebbe pagati subito.

Circa un anno fa arriva il fermo amministrativo sulla auto a me intestata, ma che non ho mai usato poichè non guido, per euro 11000; dopo varie insistenze (andavo all'università) sono riuscita a “convincere” mio padre a rateizzare il tutto e pagarmi le rate (non le paga lui ma tocca a mia madre e spesso a me).

Circa un mese fà è stata venduta la casa di mia madre che aveva firmato delle cambiali per la vecchia ditta di mio padre (e quindi mai pagate).

Inoltre mi è stato pignorato il quinto dello stipendio per un debito che mio padre aveva contratto quando gestiva una ferramenta (10000 euro.

Mi aveva chiesto a suo tempo di mandare un fax al creditore dicendo che io sarei diventata la nuova titolare e che avrei provveduto a pagare il tutto io, cosa assurda perchè non sono mai diventata titolare della ditta a nome di mio padre!!

Così è arrivato il decreto ingiuntivo dove il giudice affermava che io con quel fax riconoscevo il debito. Mio padre mi disse che sarebbe andato dall'avvocato per fare opposizione ma non l'hai mai fatto.

Quindi ad oggi mi trovo con circa 10-15000 euro di debiti verso l'erario, il quinto dello stipendio pignorato tutto per debiti fatti da mio padre a nome mio!

Posso dimostrare che all'epoca ho fatto solo da prestanome?? Inoltre, dato che mio padre non ha assolutamente intenzione di pagarmi un solo euro dei suoi debiti, dato che arriverà nel giro di qualche mese la somma della differenza della vendita della casa (valore della casa – valore del debito) posso costringere mia madre a pagarmi il debito dato che sono sempre sullo stato di famiglia?

Altrimenti io mi sono rovinata la vita dai debiti per aiutare colui che doveva essere la prima persona a tutelarmi.

Lei non può obbligare sua madre a pagare debiti che - almeno formalmente - sono Suoi.

Per valutare la possibilità di agire nei confronti di Suo padre, deve rivolgersi ad un legale, sarà lui a dirLe se ne ricorrono gli estremi (io ne ho il sospetto fondato).

6 settembre 2011 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cartella esattoriale
multa
opposizione a decreto ingiuntivo

Approfondimenti e integrazioni dal blog

In mezzo ad una strada per i debiti di mio padre
Trovandomi nel bel mezzo di una procedura di pignoramento immobiliare complicata da tortuose vicende familiari frammiste a quelle aziendali del comproprietario, avviata tramite citofonata e successivo deposito di lettera nella mia cassetta postale, devo esporre il mio caso per chiedere lumi agli esperti del forum. In sostanza, la casa con ...
Risarcimento danni al proprietario dell'appartamento sottostante - Ma se poi questi viene indennizzato dall'assicurazione condominiale?
Chi, senza una giusta causa, si è arricchito a danno di un'altra persona è tenuto, nei limiti dell'arricchimento, a indennizzare quest'ultima della correlativa diminuzione patrimoniale. Costituiscono elementi costitutivi di tale fattispecie l'arricchimento a favore di un soggetto, l'impoverimento subito da un altro soggetto, il nesso di correlazione tra i predetti ...
Accertamento della paternità - Rifiuto del presunto padre di sottoporsi ad indagini ematologiche
Nel giudizio promosso per l'accertamento della paternità, il rifiuto di sottoporsi ad indagini ematologiche costituisce un comportamento valutabile da parte del giudice di così elevato valore indiziario, da poter da solo consentire la dimostrazione della fondatezza della domanda. Secondo i giudici di legittimità (sentenza 16226/15), nel giudizio diretto ad ottenere ...
Diritto di abitazione » Alla morte del padre la madre comproprietaria può far cacciare di casa il figlio che non contribuisce alle spese
Diritto di abitazione: morto il padre, la madre comproprietaria può far cacciare di casa la figlia che non contribuisce alle spese. In questi casi scatta, infatti, l'ordine di rilascio dell'immobile: se è intollerabile la convivenza, il diritto del coniuge superstite prevale sul compossesso della figlia che ha già redditi propri. ...
Aprire una nuova ditta in quanto la vecchia è oberata dai debiti
da Nicofor Ho una ditta edile artigiana, ormai senza dipendenti, con debiti nei confronti di Inps, Inail, Iva, ecc. maturati a causa di mancati pagamenti da parte di alcuni clienti, ed inoltre sono indietro con la denuncia dei redditi. Ora avrei parecchi lavori da iniziare, ma, non sono in grado, ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca