Omessa comunicazione dati del conducente » Ricorso rigettato dal Prefetto nonostante evidente buona fede - Mi conviene ricorrere al Giudice di pace?

Nel mese di febbraio 2018, mi è stata notificata una multa per eccesso di velocità che ho pagato entro i 5 giorni per usufruire dello sconto del 30% e risparmiare circa 50 euro. Nei mesi successivi, purtroppo, ho dimenticato di comunicare i dati del conducente, e quindi mi sono stati comminati 250 euro di multa che ovviamente mi hanno lasciato di stucco in quanto avevo pagato subito per risparmiarne 50.

Ho provato a fare ricorso al Prefetto spiegando che la mia era semplicemente una dimenticanza in buona fede visto che i miei punti della patente sono tanti più del 22 avendo ricevuto i vari bonus e che quindi il solo fatto della velocità delle giornate e degli impegni familiari e lavorativi mi aveva indotto a tale dimenticanza.

Ma niente mi ha raddoppiato la multa. La mia domanda è: vale la pena fare ricorso al GdP con l'attenuante della assoluta buona fede"? quanto costerebbe? Comunque, sottolineo che questa legge è fatta per ingannare e prendere soldi dai poveracci come me, poiché chi vuole evitare di perdere i punti pagando, e sono fondamentalmente quelli benestanti, non hanno problemi a farlo.

Purtroppo la Corte di cassazione si è più volte occupata della questione da lei sollevata (da ultimo sentenza 9555/2018) asserendo che resta in ogni caso sanzionabile la condotta di chi semplicemente non ottemperi alla richiesta di comunicazione dei dati personali e della patente del conducente.

L'unico caso in cui la giurisprudenza si è orientata a lasciare al giudice di merito la valutazione e la verifica delle motivazioni, addotte dal soggetto obbligato a comunicare i dati del trasgressore, per giustificare l'omessa comunicazione degli stessi, è quando la comunicazione viene comunque fornita, sebbene in termini negativi (esempio, non ricordo chi conduceva quel giorno e a quell'ora il veicolo di mia proprietà").

Nella vicenda discussa dai giudici di legittimità, è tuttavia bene precisare, tra la data dell'infrazione contestata e quella della richiesta di informazioni erano decorsi più di tre mesi.

Personalmente, le suggerirei di evitare ulteriori aggravi di spese legali.

31 agosto 2018 · Giuseppe Pennuto

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Altre discussioni simili nel forum

omessa comunicazione dati conducente
ricorso multa

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca