La prescrizione degli indebiti INPS percepiti dal pensionato deceduto e richiesti agli eredi

Ricevo ieri da INPS una lettera (datata 23 maggio 2019) con la quale comunica che la mia suocera, deceduta a fine 2011, ha percepito somme che non le spettavano nel periodo 1/1/2008 – 31/05/2011. Questo non è da imputare alla suocera (maestra elementare) che ha sempre dichiarato tutto e in modo corretto, ma ai calcoli INPS e, forse, modifiche alle soglie di reddito. Ovviamente, pagheremo il dovuto.

La sola domanda che vi pongo è: nel periodo indicato 17 mesi sono oltre 10 anni, gli altri 24 entro i 10. Vale la prescrizione decennale per i primi 17. Se è così cosa possiamo o dobbiamo fare?

Il diritto alla restituzione degli indebiti soggiace al termine ordinario di prescrizione decennale: tuttavia, la prescrizione del credito può decorrere dal giorno in cui è stato effettuato il pagamento della prestazione indebita (errore di valutazione dell’INPS) o dal giorno in cui l’Istituto ha avuto conoscenza dell’insorgenza del credito (ovvero ha accertato il maggiore importo versato al pensionato e non dovuto, riconducibile ad una dichiarazione omessa oppure resa con dati mendaci).

In altre parole, qualora l’indebito sia da ricollegare a situazioni che avrebbero dovuto essere (e non sono state) comunicate all’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale dal pensionato, il termine di prescrizione decorre dalla data di accertamento d’ufficio dell’indebito, in conformità all’articolo 2935 del codice civile, secondo il quale la decorrenza del termine prescrizionale dal giorno in cui il diritto può essere fatto valere.

Si rende pertanto necessario l’accesso agli atti presso la sede territorialmente competente dell’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale per verificare, puntualmente, la decorrenza della prescrizione relativa ai 17 indebiti che sembrerebbero, ad una prima analisi – poggiata esclusivamente sulla mera data di erogazione – cadere al di fuori della finestra decennale di prescrizione.

Dai dati riportati nell’avviso di addebito notificato agli eredi, dovrebbe essere comunque possibile ricostruire queste informazioni, anche con il supporto di un professionista del settore.

5 Giugno 2019 · Rosaria Proietti

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Prescrizione di indebito INPS per gli eredi del pensionato deceduto
Una volta che il pensionato riceve dall'inps la comunicazione d'indebito e l'inps comincia il graduale recupero sui ratei di pensione, se il pensionato muore l'obbligo si ripetizione si trasmette agli eredi? Se si, la prescrizione è sempre decennale? Da quando decorre la prescrizione nei confronti degli eredi? Nel caso specifico il pensionato è deceduto da oltre 8 anni e l'inps ha scritto ora agli eredi per ottenere il recupero in unica soluzione. ...

Recupero indebiti pensionistici INPS a carico degli eredi - Cosa dobbiamo fare?
Ho ricevuto una raccomandata ar da parte dell'inps in qualità di erede: l'inps mi informa che dal 01 giugno 2010 al 30 aprile 2013 sulla pensione di mio padre eliminata per decesso, è stata corrisposta la somma di euro 417,08 non spettante per i seguenti motivi: sono state riscosse rate di prestazione in misura superiore a quella spettante; è stata corrisposta la maggiorazione sociale o l'aumento sociale della pensione non spettante a causa del possesso di redditi di importo superiore ai limiti stabiliti dalla legge. Scrive ancora che l'istituto per legge, deve procedere al recupero della predetta somma rivolgendosi anche ...

Recupero crediti Inps su eredi del pensionato deceduto
Quando l'indebito percepito dal pensionato deceduto risulti conseguente alla omessa o incompleta segnalazione, da parte dell'interessato, di fatti incidenti sul diritto o sulla misura della pensione, che non siano già a conoscenza dell'Istituto, L'INPS procede al recupero delle somme indebitamente percepite, senza alcuna limitazione temporale, in quanto la omissione viene in sostanza equiparata dal legislatore al dolo, il che ne consente in ogni caso la recuperabilità. Ed infatti, i termini di prescrizione decennali del credito decorrono, qualora l'indebito sia da ricollegare a situazioni che devono essere comunicate dal pensionato, dalla data della comunicazione stessa. Vengono ricompresi nel comportamento doloso - ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic La prescrizione degli indebiti INPS percepiti dal pensionato deceduto e richiesti agli eredi