Prescrizione di indebito INPS per gli eredi del pensionato deceduto


Una volta che il pensionato riceve dall’inps la comunicazione d’indebito e l’inps comincia il graduale recupero sui ratei di pensione, se il pensionato muore l’obbligo si ripetizione si trasmette agli eredi? Se si, la prescrizione è sempre decennale? Da quando decorre la prescrizione nei confronti degli eredi? Nel caso specifico il pensionato è deceduto da oltre 8 anni e l’inps ha scritto ora agli eredi per ottenere il recupero in unica soluzione.

La prescrizione per gli eredi del pensionato deceduto, afferente i ratei di pensione indebitamente percepiti in vita è decennale e decorre dalla data in cui l’eredità del pensionato è stata formalmente accettata dopo la dichiarazione di successione (anche con beneficio di inventario), o dalla data in cui l’eredità è stata accettata tacitamente, per fatti concludenti.

Tuttavia si ricorda che se l’erede non ha accettato esplicitamente l’eredità e se non è entrato in possesso di beni appartenenti al defunto (accettazione tacita), può rinunciare formalmente all’eredità entro dieci anni dalla morte del pensionato: così potrà non rispondere degli indebiti pensionistici a carico del de cuius.

2 Settembre 2020 · Ornella De Bellis



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Prescrizione di indebito INPS per gli eredi del pensionato deceduto