Prescrizione di indebito INPS per gli eredi del pensionato deceduto


Una volta che il pensionato riceve dall’inps la comunicazione d’indebito e l’inps comincia il graduale recupero sui ratei di pensione, se il pensionato muore l’obbligo si ripetizione si trasmette agli eredi? Se si, la prescrizione è sempre decennale? Da quando decorre la prescrizione nei confronti degli eredi? Nel caso specifico il pensionato è deceduto da oltre 8 anni e l’inps ha scritto ora agli eredi per ottenere il recupero in unica soluzione.

La prescrizione per gli eredi del pensionato deceduto, afferente i ratei di pensione indebitamente percepiti in vita è decennale e decorre dalla data in cui l’eredità del pensionato è stata formalmente accettata dopo la dichiarazione di successione (anche con beneficio di inventario), o dalla data in cui l’eredità è stata accettata tacitamente, per fatti concludenti.

Tuttavia si ricorda che se l’erede non ha accettato esplicitamente l’eredità e se non è entrato in possesso di beni appartenenti al defunto (accettazione tacita), può rinunciare formalmente all’eredità entro dieci anni dalla morte del pensionato: così potrà non rispondere degli indebiti pensionistici a carico del de cuius.

2 Settembre 2020 · Ornella De Bellis



Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Prescrizione di indebito INPS per gli eredi del pensionato deceduto