Pagamento della multa dopo ricorso al giudice di pace e al prefetto

I vigili del comune di Roma mi hanno fatto una multa contro la quale ho fatto ricorso al Prefetto che lo ha respinto: contro il giudizio del Prefetto ho fatto ricorso al Giudice di Pace di Roma che mi ha di nuovo respinto il ricorso. Cosa devo fare ora per pagare la multa? Devo attendere la notifica del giudice del pace che contenga gli estremi del pagamento o devo procedere in altra maniera? Ad esempio pagando secondo quanto indicato dal Prefetto? In questo modo non rischio che il pagamento venga considerato come eseguito oltre i 30 giorni indicati da questo all'atto di ingiunzione del pagamento?

L'opposizione al GdP e/o al Prefetto non sospende automaticamente l'esecuzione del provvedimento: è necessario richiedere esplicitamente, nel ricorso, la sospensione della sanzione comminata ed addurre a fondamento dei gravi motivi.

Qualora non sia stata richiesta la sospensione della sanzione ed il relativo importo non sia stato versato entro i 60 giorni dalla notifica del verbale di contravvenzione, arriverà, purtroppo, al trasgressore (o al coobbligato) una cartella esattoriale maggiorata con interessi semestrali del 10%, aggio per l'esattore e importo della sanzione commisurato alla metà del massimo previsto per l'infrazione commessa.

11 luglio 2018 · Giuseppe Pennuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pagamento multa
ricorso multa

Approfondimenti e integrazioni dal blog

La multa ed il ricorso al prefetto e al giudice di pace
Nel linguaggio comune con il termine  "multa" o "contravvenzione" si intende la sanzione amministrativa pecuniaria camminata per un'infrazione al codice della strada. L'iter della multa inizia con l'accertamento dell'infrazione, cui segue l'emissione di un verbale di contestazione che può essere notificato contestualmente - se il conducente viene fermato - o ...
Multa per violazione del codice della strada – il ricorso al giudice di pace
E' sempre possibile, in alternativa al ricorso al Prefetto, il ricorso al Giudice di pace del luogo in cui è stata commessa la violazione al Codice della Strada. Il ricorso va presentato entro 30 giorni dalla contestazione su strada o dalla notifica della multa, sempre che non sia stato effettuato ...
Multa - Il ricorso inibisce la possibilità di ottenere lo sconto
In caso si pensi di aver subito una multa ingiustamente, ci sono due alternative. La prima è il ricorso al prefetto competente per territorio entro 60 giorni dalla data di contestazione o di notifica del verbale. Va presentato al comando dal quale dipende l'agente accertatore o inviato per raccomandata a/r. ...
Ricorso a verbale di multa - per il Giudice di Pace il termine è di trenta giorni
Il 1° settembre 2011 il consiglio dei ministri ha approvato in maniera definitiva il decreto legislativo recante disposizioni complementari al codice di procedura civile in materia di riduzione e semplificazione dei procedimenti civili, decreto che riduce a 30 (trenta) giorni il termine concesso per presentare al Giudice di Pace un ...
Assegni a vuoto - ricorso al Giudice di Pace contro l'ingiunzione di pagamento del Prefetto
L'emissione di assegni senza autorizzazione e senza provvista (a vuoto) è un illecito amministrativo che viene punito con sanzioni pecuniarie e accessorie. Il Prefetto del luogo di pagamento dell'assegno, alla ricezione del rapporto o dell'informativa da parte del notaio, del segretario comunale o della banca che ha sollevato protesto, provvede ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca