Obbligo di pagamento degli oneri fiscali delle bollette dei morosi per gli utenti in regola - Come inviare la diffida all'Arera

In merito alla recente decisione dell'Autorità dell'Energia (Arera) di far pagare gli oneri di sistema per le fatturazioni elettriche, non onorati dagli utenti morosi, ai cittadini in regola, in bolletta, se ne sono dette tante: poi l'iniziale protesta, come al solito in Italia, non ha fatto passi avanti.

Io non mi sono dimenticato e vorrei partecipare attivamente per ostacolare, prima che comincino le riscossioni, la delibera dell'Arera.

C'è qualcosa che possiamo fare noi cittadini per contrastare lo strapotere delle compagnie che forniscono energia?

Con la delibera del 01 febbraio 2018, 50/2018/R/eel, l'Autorità dell'Energia (Arera), aveva stabilito la ripartizione, tra tutti gli utenti del servizio elettrico, degli oneri generali di sistema, una parte parafiscale della fattura elettrica, non pagati dai consumatori morosi.

La delibera obbliga le società che offrono servizi energetici a riscuotere dai clienti in regola le bollette arretrate a partire dal 1 gennaio 2016 degli altri clienti, ancora non saldate.

L'Arera, che ha spiegato di essere stata costretta a tale decisione da una sentenza del Consiglio di Stato (2182/2016), chiarisce che le bollette morose sarebbero oneri generali di sistema e, in quanto tali, a carico del cliente, non dell'impresa.

Dopodiché, sono partite le prime smentite, a confondere i consumatori.

E' circolata una catena su whatsapp che avvertiva i cittadini dei costi esorbitanti (35 euro in più a bolletta) da pagare nei prossimi mesi.

Si è alzato subito un polverone ed è arrivata la smentita: si tratta di una bufala.

Ma bufala non è, almeno a metà.

La fake news riguarda soltanto i famigerati 35 euro in più a bolletta, il resto, purtroppo, è tutto vero.

Si tratta comunque di 200 milioni di euro di bollette elettriche, non pagate dagli utenti morosi, che finiranno con l'essere onorate da tutti gli altri italiani, quelli che, invece, le bollette le pagano.

Il buco, inoltre, sembra essere molto più esteso e dunque, probabilmente, si tratta soltanto di un amarissimo assaggio.

Pertanto, anche se le compagnie ci assicurano che si tratterà di costi irrisori per famiglia (dobbiamo fidarci?) c'è chi si è attivato per fare qualcosa in contrasto alla solita tassa imposta.

L'Adusbef (Associazione Difesa Utenti Servizi Bancari Postati e Assicurativi) ha redatto un facsimile di modulo per Arera (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente) e per la Procura della Repubblica, onde fermare l'addebito in bolletta degli oneri di sistema non pagati dagli utenti morosi.

E' possibile scaricarlo qui, controfirmarlo, e inviarlo agli indirizzi e-mail indicati.

Ecco il modulo per la diffida ad adempiere:

7 marzo 2018 · Giovanni Napoletano

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

morosità fornitura gas e luce
tutela consumatore gas acqua luce

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Tutela degli utenti dei servizi bancari e finanziari - Come segnalare scorrettezze o irregolarità degli intermediari
Il cliente che vuole segnalare alla Banca d'Italia un problema nella propria relazione con una banca o un intermediario finanziario può farlo in modo semplice e diretto utilizzando il modulo per l'esposto disponibile sul sito dell'Istituto di emissione. Il modulo aiuta il cliente a rappresentare in modo sintetico e completo ...
Vendita dell'immobile e debiti condominiali - L'obbligo per il pagamento degli oneri di manutenzione straordinaria dell'edificio è a carico del soggetto che riveste la qualifica di condomino al momento in cui vengono approvati i lavori e non quando vengono ripartite le spese
Una volta perfezionatosi il trasferimento della proprietà di un'unità immobiliare, l'alienante perde la qualità di condomino e non è più legittimato a partecipare alle assemblee (potendo far valere le proprie ragioni sul pagamento dei contributi solo attraverso l'acquirente che gli è subentrato). Pertanto, non può essere chiesto ed emesso nei ...
La nuova prescrizione biennale delle bollette per la fornitura di luce e gas e acqua e la possibilità di sospendere il pagamento
Nei contratti di fornitura di energia elettrica e gas, il diritto al corrispettivo delle bollette si prescrive in due anni. In caso di emissione di fatture a debito nei riguardi dell'utente per conguagli riferiti a periodi maggiori di due anni, qualora l'Autorità garante della concorrenza e del mercato abbia aperto ...
Rateizzazione bollette gas e luce e messa in mora clienti morosi - nuove regole
L'Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico (AEEG) ha previsto, con una delibera approvata nei primi giorni di giugno 2015, la possibilità di richiedere la rateizzazione delle bollette di elettricità e gas anche dopo la scadenza di pagamento, con un allungamento dei tempi a disposizione, e il ...
Prescrizione biennale per i conguagli relativi a consumi di luce e gas - Ma, alla fin fine, si dovrà comunque pagare il conguaglio ultra biennale e ricorrere al Giudice per ottenere il rimborso della pretesa prescritta
In passato, le associazioni di consumatori hanno spesso segnalato le gravi anomalie emerse nel sistema di fatturazione all'utenza di energia elettrica e gas, consistenti in particolare nell'addebito di conguagli derivanti dalla mancata lettura del misuratore (contatore) che portano alla rilevazione delle cosiddette rettifiche tardive dei dati di misura da parte ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca

Forum

Domande