DSU/Isee corrente – Bisogna indicare il reddito percepito negli ultimi dodici mesi o quello introitato nell’ultimo bimestre (che sarà moltiplicato per sei)?


A fine giugno del 2019 ho terminato contratto di lavoro a tempo determinato e da Luglio 2019 a settembre 2020 ho percepito la Naspi, non avendo trovato lavoro avrei esigenza di aggiornare l’isee (che con riferimento al 2018 non fotografa la mia attuale situazione) e soprattutto sapere se nel mio caso il calcolo viene effettuato andando a ritroso per 12 mesi o moltiplicando per 6 gli introiti degli ultimi due mesi. Ho trovato riferimenti a riguardo discordanti.

L’articolo 4 (Indicatore della situazione reddituale), comma 2, del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) 159/2013 (Regolamento concernente la revisione delle modalità di determinazione e i campi di applicazione dell’Indicatore della situazione economica equivalente), specifica che al reddito di ciascun componente il nucleo familiare contribuiscono, fra gli altri, i trattamenti assistenziali, previdenziali e indennitari, incluse carte di debito, a qualunque titolo percepiti da amministrazioni pubbliche, laddove non siano già inclusi nel reddito complessivo IRPEF.

Per chi abbia fruito di trattamenti assistenziali, previdenziali e indennitari, percepiti nei 12 mesi precedenti a quello della richiesta della prestazione, il calcolo dell’ISEE corrente viene effettuato sulla base di tale reddito complessivo.

Solo nel caso in cui si sia verificata (negli ultimi dodici mesi) un’interruzione dei trattamenti indennitari (NASpI), ovvero di lavoratore dipendente a tempo indeterminato per cui sia intervenuta una risoluzione del rapporto di lavoro o una sospensione dell’attività lavorativa o una riduzione della stessa, è possibile indicare in alternativa i redditi ed i trattamenti percepiti negli ultimi 2 mesi. In tal caso i redditi ed i trattamenti saranno moltiplicati per 6.

Nel caso specifico, essendosi interrotto il trattamento indennitario nel settembre 2019, il dichiarante deve necessariamente indicare il reddito complessivamente percepito negli ultimi dodici mesi.

In altre parole, presentando la DSU/ISEE corrente nel mese di novembre 2020, il dichiarante deve indicare l’importo percepito nei dodici mesi decorrenti, a ritroso, dalla data di presentazione (comprensivo dei mesi in cui l’introito è stato nullo).

Se, invece, l’indennità di disoccupazione fosse stata erogata fino a settembre 2020, allora il dichiarante avrebbe potuto anche indicare, se più conveniente, il reddito complessivamente percepito nei mesi di agosto e settembre 2020 e poi moltiplicato per sei.

31 Ottobre 2020 · Tullio Solinas



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic DSU/Isee corrente – Bisogna indicare il reddito percepito negli ultimi dodici mesi o quello introitato nell’ultimo bimestre (che sarà moltiplicato per sei)?