E' possibile un ulteriore pignoramento dello stipendio se ho già due trattenute?

Una finanziaria, a cui purtroppo non riesco a pagare le rate, dopo i vari tentativi di recupero credito stragiudiziale, ha affidato la pratica ad un ufficio legale: mi hanno scritto tramite raccomandata di pagarle la somma dovuta entro 8 giorni. Altrimenti daranno corso come da mandato alle azioni monitorie ed esecutive.

Se non ho capito male vuol dire che avvieranno la richiesta di un decreto ingiuntivo e vorrei sapere, dato che io sul mio stipendio ho già due trattenute, se il giudice nella richiesta di pignoramento dello stipendio prende in considerazione questo.

Lei non precisa la tipologia delle trattenute che gravani sul suo stipendio: dobbiamo necessariamente ipotizzare che si tratti di una cessione del quinto e di un prestito delega.

Ebbene, del prestito delega il giudice non ne può tenere conto: ma, poiché la cessione del quinto impegna al massimo il 20% dello stipendio netto del debitore, resta sufficiente capienza per un pignoramento ordinario in ragione di un ulteriore 20%.

La regola di cui il giudice deve garantire il rispetto è la seguente: cessione del quinto e pignoramenti in corso non possono complessivamente superare il 50% dello stipendio percepito dal debitore, calcolato al lordo di cessione del quinto, prestito delega, ritenuta ex articolo 8 legge 898/1970 o ordine di pagamento diretto del Tribunale ex articolo 156 codice civile, e al netto degli oneri fiscali e contributivi.

25 agosto 2017 · Loredana Pavolini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento stipendio

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pignoramento dello stipendio - Le nuove norme per crediti di natura esattoriale
La conversione in legge del decreto per la semplificazione degli adempimenti fiscali, contiene importanti novità in tema di pignorabilità di stipendi e pensioni. Il decreto introduce un limite di pignorabilità presso terzi per stipendi, salari o altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego parzialmente derogando, per la ...
Pignoramento dello stipendio o della pensione come consolidamento debiti
Vorrei illustrarvi la mia attuale situazione debitoria alquanto complessa: praticamente ho una cessione del quinto e un prestito delega sullo stipendio.   Poi in virtù di investimenti sbagliati e bisogni economici impellenti ho stipulato vari rid bancari. Di cui tre particolarmente onerosi. Riesco a pagare facendo i cosidetti salti mortali. ...
Cessione del quinto dello stipendio e pignoramento
La legge disciplina l'ipotesi del cumulo della cessione con uno o più eventuali pignoramenti della retribuzione. Il cumulo può verificarsi in due distinte ipotesi, in relazione alle quali il legislatore fissa precisi limiti quantitativi. Qualora la retribuzione del lavoratore sia già gravata da una trattenuta a titolo di pignoramento e ...
Riscossione coattiva dei crediti – Decreto ingiuntivo e precetto
Il decreto ingiuntivo, così come la cartella esattoriale, l'assegno o la cambiale, sono titoli esecutivi. Dopo la notifica del decreto ingiuntivo si hanno a disposizione 40 giorni per impugnarlo. In assenza di opposizione, verrà notificato un precetto con il termine ultimativo di 10 giorni per il pagamento. Decorso tale termine, ...
Pignoramento dello stipendio con cessione e separazione - a volte conviene
Sono un lavoratore dipendente su cui incombono azioni esecutive promosse da Equitalia e da altri creditori. Attualmente percepisco circa 1700 euro netti al mese. Anni fa ho ceduto il quinto dello stipendio per far fronte ad una grave malattia che mi ha colpito all'improvviso (fanno tutte così) e per la ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca

Forum

Domande