Successione e rinuncia eredità - La disposizione di un bonifico dal conto corrente del defunto può comportare accettazione tacita dell'eredità?

Mio padre è venuto a mancare il 3 gennaio in Francia: non abbiamo ancora potuto agire in nessuna maniera. Gli eredi sono io figlio e mia madre, che ha casa in comunione dei beni e conto cointestato. La banca in funzione del fatto che non ha avuto alcuna carta ufficiale italiana e per burocrazia risulta essere in lavorazione ha deciso d lasciare la possibilità di manovra a piacimento sul conto. Di recente mi dice mia madre ha disposto vari prelievi privati e bonifici tra cui a me. Io vorrei rinunciare all'eredita questo può pregiudicare qualcosa?

Sua madre, in quanto cointestataria del conto, può disporre per la metà delle disponibilità giacenti in conto corrente alla data del decesso. Pertanto, i bonifici e altre disposizioni a favore del figlio, disposte dalla genitrice, non implicano accettazione tacita dell'eredità. Paradossalmente, se il figlio accettasse l'eredità, potrebbe contestare alla madre le disposizioni eccedenti la convenzionale quota del 50%.

25 gennaio 2018 · Annapaola Ferri

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Altre discussioni simili nel forum

accettazione tacita eredità
eredità e successione
rinuncia eredità

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca