Segnalazione reiterata in Centrale Rischi Banca d'Italia - Faccio ricorso?

A causa di problemi nel 2009 interrompo i pagamenti di un finanziamento: di recente faccio una visura che dice questo Unicredit nel 2010 apposta la sofferenza per 9106 euro e nel 2014 la cede a un recupero crediti che continua a segnare la sofferenza. Ad una raccomandata con la quale contesto a entrambi il mancato preavviso UNICREDIT mi invia una copia di una raccomandata (mai ricevuta) dove mi avvisano della chiusura del c/c e mi richiede 395 euro pena segnalazioni nei sic e il recupero mi dice che sta solo continuando a segnalare la sofferenza di UNICREDIT.

Per inquadrare correttamente i termini della questione, va detto che UNICREDIT è obbligata a segnalare il cliente (si tratta di un adempimento di legge) alla Centrale Rischi della Banca d'Italia se l'esposizione debitoria non è inferiore ai 30 mila euro e, per i crediti in sofferenza, per qualsiasi importo. La segnalazione, dovuta, viene poi classificata "a sofferenza" se il creditore ritiene il debitore, sulla base di una autonoma valutazione della situazione economico patrimoniale complessiva, irreversibilmente incapace di saldare il proprio debito.

La segnalazione non deve essere periodicamente reiterata quando l'indebitamento complessivo del cliente scende al di sotto dei 30 mila euro euro.

E' certo che le segnalazioni in CR Bankitalia possono essere effettuate solo da banche e finanziarie vigilate dal nostro istituto di (ex) emissione: pertanto una semplice società di recupero crediti non può reiterare la segnalazione in CR. Se ne ricava, pertanto, che il credito residuo non è stato ceduto, ma, semplicemente, il suo recupero è stato solo affidato a qualche società di recupero crediti, restandone titolare UNICREDIT; oppure che è stato ceduto ad una cessionaria vigilata anch'essa da Bankitalia.

I 395 euro richiesti, con minaccia di ulteriore iscrizione in centrale rischi (privata, evidentemente), si riferiscono esclusivamente alle spese di chiusura del conto e la segnalazione non potendo essere effettuata in CR (dal momento che si tratta di un importo inferiore ai 30 mila euro e nemmeno di un credito) molto probabilmente, è stata registrata in qualche altra centrale rischi privata (CRIF, CTC, Experian Cerved).

La segnalazione in CR è incontestabile dal momento che la classificazione a sofferenza è frutto di libera valutazione del creditore, a maggior ragione giustificata dal suo persistente inadempimento. Si può anche disquisire sul mancato preavviso (ammesso che UNICREDIT non sia in possesso di valide attestazioni postali), ma ormai l'orientamento giurisprudenziale concorda sul fatto che, anche in assenza di preavviso al debitore, la segnalazione in centrale rischi è legittima quando sussistano una pluralità di indici, concordanti gravi e precisi che inducano a ritenere razionalmente che l'informazione di preavviso sia comunque pervenuta a conoscenza del ricorrente, anche se non nella forma di comunicazione effettuata tramite raccomandata e/o quando il cliente segnalato insista su aspetti meramente formali del preavviso, i quali possono indurre a ritenere che egli abbia ragionato in termini di inopponibilità delle comunicazioni ricevute, piuttosto che in sul versante di una effettiva mancata informazione.

La segnalazione relativa all'omesso pagamento delle spese di chiusura del conto, poi, è stata preceduta dall'invio di un preavviso di iscrizione, invio attestato da una ricevuta postale, che non può essere semplicemente liquidato con una dichiarazione, di parte, circa il fatto che il documento non risulta essere pervenuto al destinatario. Per legge è sufficiente che il preavviso sia stato spedito.

In conclusione, non si ravvisano motivi validi per poter ricorrere contro le segnalazioni di UNICREDIT.

22 novembre 2017 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cattivi pagatori - iscrizione in centrale rischi
centrale rischi
centrale rischi banca d'italia
segnalazione centrale rischi

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Segnalazione alla Centrale Rischi Bankitalia - Illegittima se effettuata per mero ritardo nel pagamento del debito
E' certamente illegittima la segnalazione alla Centrale Rischi della Banca d'Italia, quando è stata effettuata a sofferenza per un mero ritardo nel pagamento del debito. Come si trae dalle relative istruzioni emanate al riguardo dalla Banca d'Italia, nella categoria di censimento sofferenze va ricondotta l'intera esposizione per cassa nei confronti ...
Preavviso di segnalazione in Centrale Rischi - Se omesso la segnalazione è illegittima
Ai fini della liceità e della correttezza delle segnalazioni in Centrale Rischi gestite da società private, in tema di crediti al consumo, affidabilità e puntualità nei pagamenti, è necessario che il preavviso di segnalazione sia non solo inviato, ma altresì pervenuto all'indirizzo del debitore al quale è destinato. Nel caso ...
Cattivi pagatori e preavviso di segnalazione con posta ordinaria - non sempre illegittima l'iscrizione in Centrale Rischi
Secondo la normativa vigente i requisiti di legittimità della iscrizione di un nominativo in una Centrale Rischi, sono due: la veridicità sostanziale dei fatti di inadempimento segnalati; il rispetto delle garanzie procedurali che impongono al segnalante di preavvisare il segnalando della prossima sua iscrizione in una centrale rischi. Tuttavia circa ...
Risarcimento danni da segnalazione illegittima in Centrale Rischi - il debitore deve dimostrare di non essere un cattivo pagatore
Secondo la normativa vigente, la giurisprudenza civile e quella dell'Arbitro Bancario Finanziario, i requisiti di legittimità della iscrizione di un nominativo in una Centrale Rischi privata (CRIF, Experian, CTC) sono due: la veridicità sostanziale dei fatti di inadempimento segnalati; il rispetto delle garanzie procedurali che impongono al segnalante di preavvisare ...
Segnalazione alla Centrale Rischi di un credito in sofferenza - quando è legittima e quando determina il risarcimento del danno
Ai fini dell'obbligo di segnalazione in centrale rischi che incombe sulle banche, il credito può essere considerato in sofferenza allorché sia vantato nei confronti di soggetti in stato di insolvenza, anche non accertato giudizialmente o che versino in situazioni sostanzialmente equiparabili, nozione che non si identifica con quella dell'insolvenza fallimentare, ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Tassonomie

Cerca