Segnalazione reiterata in Centrale Rischi Banca d’Italia – Faccio ricorso?

A causa di problemi nel 2009 interrompo i pagamenti di un finanziamento: di recente faccio una visura che dice questo Unicredit nel 2010 apposta la sofferenza per 9106 euro e nel 2014 la cede a un recupero crediti che continua a segnare la sofferenza. Ad una raccomandata con la quale contesto a entrambi il mancato preavviso UNICREDIT mi invia una copia di una raccomandata (mai ricevuta) dove mi avvisano della chiusura del c/c e mi richiede 395 euro pena segnalazioni nei sic e il recupero mi dice che sta solo continuando a segnalare la sofferenza di UNICREDIT.

Per inquadrare correttamente i termini della questione, va detto che UNICREDIT è obbligata a segnalare il cliente (si tratta di un adempimento di legge) alla Centrale Rischi della Banca d’Italia se l’esposizione debitoria non è inferiore ai 30 mila euro e, per i crediti in sofferenza, per qualsiasi importo. La segnalazione, dovuta, viene poi classificata “a sofferenza” se il creditore ritiene il debitore, sulla base di una autonoma valutazione della situazione economico patrimoniale complessiva, irreversibilmente incapace di saldare il proprio debito.

La segnalazione non deve essere periodicamente reiterata quando l’indebitamento complessivo del cliente scende al di sotto dei 30 mila euro euro.

E’ certo che le segnalazioni in CR Bankitalia possono essere effettuate solo da banche e finanziarie vigilate dal nostro istituto di (ex) emissione: pertanto una semplice società di recupero crediti non può reiterare la segnalazione in CR. Se ne ricava, pertanto, che il credito residuo non è stato ceduto, ma, semplicemente, il suo recupero è stato solo affidato a qualche società di recupero crediti, restandone titolare UNICREDIT; oppure che è stato ceduto ad una cessionaria vigilata anch’essa da Bankitalia.

I 395 euro richiesti, con minaccia di ulteriore iscrizione in centrale rischi (privata, evidentemente), si riferiscono esclusivamente alle spese di chiusura del conto e la segnalazione non potendo essere effettuata in CR (dal momento che si tratta di un importo inferiore ai 30 mila euro e nemmeno di un credito) molto probabilmente, è stata registrata in qualche altra centrale rischi privata (CRIF, CTC, Experian Cerved).

La segnalazione in CR è incontestabile dal momento che la classificazione a sofferenza è frutto di libera valutazione del creditore, a maggior ragione giustificata dal suo persistente inadempimento. Si può anche disquisire sul mancato preavviso (ammesso che UNICREDIT non sia in possesso di valide attestazioni postali), ma ormai l’orientamento giurisprudenziale concorda sul fatto che, anche in assenza di preavviso al debitore, la segnalazione in centrale rischi è legittima quando sussistano una pluralità di indici, concordanti gravi e precisi che inducano a ritenere razionalmente che l’informazione di preavviso sia comunque pervenuta a conoscenza del ricorrente, anche se non nella forma di comunicazione effettuata tramite raccomandata e/o quando il cliente segnalato insista su aspetti meramente formali del preavviso, i quali possono indurre a ritenere che egli abbia ragionato in termini di inopponibilità delle comunicazioni ricevute, piuttosto che in sul versante di una effettiva mancata informazione.

La segnalazione relativa all’omesso pagamento delle spese di chiusura del conto, poi, è stata preceduta dall’invio di un preavviso di iscrizione, invio attestato da una ricevuta postale, che non può essere semplicemente liquidato con una dichiarazione, di parte, circa il fatto che il documento non risulta essere pervenuto al destinatario. Per legge è sufficiente che il preavviso sia stato spedito.

In conclusione, non si ravvisano motivi validi per poter ricorrere contro le segnalazioni di UNICREDIT.

22 Novembre 2017 · Simone di Saintjust

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Tempi di permanenza in centrale rischi CR della Banca d'Italia
Nel 2017 aprile mi viene inoltrato una raccomandata di preavviso di iscrizione in centrale rischi: io ero fuori regione per lavoro e mio padre non mi ha avvisato del suo contenuto. Alla fine, per ritardo nel rimborso di una carta revolving venivo segnalato a sofferenza con relativo chiusura del mio conto corrente. Nel mese di luglio ho la chiusura del mio conto corrente e solo in quel momento scopro il tutto. Il debito viene ceduto a una società di recupero credito di circa 930 euro. Contatto la società e porto a pagamento 750 come da loro informato. Chiedo se la ...

Segnalazione a sofferenza in Centrale rischi della Banca d'Italia - Quando sarà cancellata?
Una finanziaria ha inoltrato una segnalazione a sofferenza a mio nome: alla banca d'Italia risulta tale segnalazione, quanto rimane prima che venga cancellata? ...

Ho saputo di essere stato censito in centrale rischi - Come faccio a sapere il motivo della segnalazione?
In seguito ad una richiesta di surroga del mutuo scopro che sono stato segnalato alla centrale del rischio per dei debiti che non sapevo di avere. Come posso informarmi su chi ha fatto segnalazione? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Segnalazione reiterata in Centrale Rischi Banca d’Italia – Faccio ricorso?