Problemi con ammistratore condominio – Mi fa causa: è lecito?

Argomenti correlati:

L’anno scorso ho avuto una controversia con il condominio, ed in particolare con l’amministratore, per dei disguidi in merito a spazi comuni, secondo lui occupati illecitamente da me, ed inoltre per delle piccole quote non pagate.

A gennaio il signore in questione mi ha fatto causa senza neanche interpellare l’assemblea condominiale e senza delibera.

Può farlo? Non serve almeno una discussione e l’approvazione degli altri condomini?

La giurisprudenza di legittimità ha più volte chiarito quali sono gli obblighi dell’amministratore condominiale in caso di regolamento di condominio non rispettato.

Ebbene, il legale rappresentante del condominio (amministratore) potrà certamente agire in via stragiudiziale per dissuadere il comproprietario dalla prosecuzione della violazione regolamentare.

Infatti, la Corte di Cassazione, con sentenza 21841/10, ha precisato che curare l’osservanza del regolamento di condominio è compito precipuo affidato dal codice civile all’amministratore, il quale pertanto può agire in causa – o eventualmente resistere a un giudizio intentato da altri – senza che occorra un’apposita autorizzazione da parte dell’assemblea.

Pertanto, mi dispiace, ma il comportamento dell’amministratore è legittimo.

6 Febbraio 2018 · Gennaro Andele

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Separazione fra coniugi ed assegnazione alla moglie della casa familiare di proprietà esclusiva del marito - Chi deve pagare le spese per i lavori di ristrutturazione del condominio?
Nell'ipotesi che, in seguito a separazione giudiziale fra coniugi, la casa familiare di proprietà esclusiva del marito venga assegnata alla moglie affidataria dei figli minori (con conseguente costituzione di un diritto di abitazione) e che l'assemblea condominiale deliberi l'esecuzione di importanti lavori sull'edificio, comprendente l'immobile assegnato, la domanda che ci si pone è se le spese di ristrutturazione debbano essere poste a carico del proprietario esclusivo del bene oppure del titolare del diritto di abitazione. Secondo il consolidato indirizzo dei giudici di legittimità, le spese necessarie per la conservazione ed il godimento delle parti comuni costituiscono l'oggetto di un'obbligazione reale ...

Convocazione assemblea condominiale - Raccomandata semplice o con avviso di ricevimento?
Vorrei impugnare la delibera condominiale perché non sono mai stato convocato all'assemblea che ha deliberato: l'amministratore del condominio mi ha mostrato una raccomandata senza avviso di ricevimento che non mi è stata mai recapitata e afferma che per la convocazione dell'assemblea condominiale non è richiesta la raccomandata con avviso di ricevimento, ma basta una raccomandata semplice. ...

Parcheggio scooter fronte condominio - Rimosso da amministratore: è lecito?
Per andare a trovare un amico ho parcheggiato lo scooter davanti all'entrata del portone condominiale, anche se c'era scritto che non si poteva fare. Avendo dormito lì, la mattina dopo non ho trovato lo scooter: dapprima ho pensato a un furto, ma poi mi è stato riferito che lo scooter l'aveva portato via un carrattrezzi. Ho chiamato il numero dalla municipale, che però, cadeva dalle nuvole: il mio numero di targa non lo conoscevano proprio. Ho allora, richiesto informazioni al portiere e li la sorpresa: il mio scooter era stato fatto portare via, su indicazioni dell'amministratore, da carrattrezzi privato, che ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Problemi con ammistratore condominio – Mi fa causa: è lecito?