Problemi con ammistratore condominio – Mi fa causa: è lecito?


Argomenti correlati:

L’anno scorso ho avuto una controversia con il condominio, ed in particolare con l’amministratore, per dei disguidi in merito a spazi comuni, secondo lui occupati illecitamente da me, ed inoltre per delle piccole quote non pagate.

A gennaio il signore in questione mi ha fatto causa senza neanche interpellare l’assemblea condominiale e senza delibera.

Può farlo? Non serve almeno una discussione e l’approvazione degli altri condomini?

La giurisprudenza di legittimità ha più volte chiarito quali sono gli obblighi dell’amministratore condominiale in caso di regolamento di condominio non rispettato.

Ebbene, il legale rappresentante del condominio (amministratore) potrà certamente agire in via stragiudiziale per dissuadere il comproprietario dalla prosecuzione della violazione regolamentare.

Infatti, la Corte di Cassazione, con sentenza 21841/10, ha precisato che curare l’osservanza del regolamento di condominio è compito precipuo affidato dal codice civile all’amministratore, il quale pertanto può agire in causa – o eventualmente resistere a un giudizio intentato da altri – senza che occorra un’apposita autorizzazione da parte dell’assemblea.

Pertanto, mi dispiace, ma il comportamento dell’amministratore è legittimo.

6 Febbraio 2018 · Gennaro Andele



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Problemi con ammistratore condominio – Mi fa causa: è lecito?