Problemi con ammistratore condominio - Mi fa causa: è lecito?

L'anno scorso ho avuto una controversia con il condominio, ed in particolare con l'amministratore, per dei disguidi in merito a spazi comuni, secondo lui occupati illecitamente da me, ed inoltre per delle piccole quote non pagate.

A gennaio il signore in questione mi ha fatto causa senza neanche interpellare l'assemblea condominiale e senza delibera.

Può farlo? Non serve almeno una discussione e l'approvazione degli altri condomini?

La giurisprudenza di legittimità ha più volte chiarito quali sono gli obblighi dell'amministratore condominiale in caso di regolamento di condominio non rispettato.

Ebbene, il legale rappresentante del condominio (amministratore) potrà certamente agire in via stragiudiziale per dissuadere il comproprietario dalla prosecuzione della violazione regolamentare.

Infatti, la Corte di Cassazione, con sentenza 21841/10, ha precisato che curare l'osservanza del regolamento di condominio è compito precipuo affidato dal codice civile all'amministratore, il quale pertanto può agire in causa – o eventualmente resistere a un giudizio intentato da altri – senza che occorra un'apposita autorizzazione da parte dell'assemblea.

Pertanto, mi dispiace, ma il comportamento dell'amministratore è legittimo.

6 febbraio 2018 · Gennaro Andele

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

condominio

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Condominio » Se tutti gli aventi diritto non sono stati convocati alla riunione la delibera è ileggitima
E' da considerarsi nulla la delibera condominiale se non risulta la convocazione di tutti gli aventi diritto. Qualora non risulti che che tutti gli aventi diritto sono stati inviati alla riunione, la delibera condominiale è da ritenersi illegittima. Inoltre, la dimostrazione della corretta spedizione della convocazione a tutti gli aventi ...
Separazione fra coniugi ed assegnazione alla moglie della casa familiare di proprietà esclusiva del marito - Chi deve pagare le spese per i lavori di ristrutturazione del condominio?
Nell'ipotesi che, in seguito a separazione giudiziale fra coniugi, la casa familiare di proprietà esclusiva del marito venga assegnata alla moglie affidataria dei figli minori (con conseguente costituzione di un diritto di abitazione) e che l'assemblea condominiale deliberi l'esecuzione di importanti lavori sull'edificio, comprendente l'immobile assegnato, la domanda che ci ...
Assemblea condominiale
(Articolo 1132 - 1135 - 1136 - 1137 - Cod. Civ.) L'assemblea dei proprietari (condomini) è l'organo sovrano in un condominio. Delibera su tutti i problemi e garantisce una corretta gestione, controlla e organizza una pacifica e funzionale comunità di proprietari. Le deliberazioni prese sono vincolanti per tutti, anche per ...
Il termine per l'impugnazione delle delibere condominiali da parte del condomino assente decorre dalla data del recapito al suo indirizzo del verbale dell'assemblea
La contestazione di una delibera condominiale, da parte del condomino assente ai lavori dell'assemblea, va esperita con citazione notificata al condominio nel termine perentorio di 30 giorni. Infatti, il condomino assente che intende procedere in sede giudiziale per impugnare la delibera adottata dall'assemblea condominiale è innanzitutto obbligato a tentare preventivamente ...
Il conto consuntivo
Bilancio preventivo e conto consuntivo condominiali sono regolati dall'articolo 1124 del codice civile. L'Amministratore è tenuto a presentare alla fine di ogni esercizio il rendiconto del suo operato (si veda articolo 1130 - comma 4 - cod. civ.). Se per due anni non ha reso il conto della sua gestione, ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca