Condominio » Tutti aventi diritto non convocati? Delibera illegittima

E’ da considerarsi nulla la delibera condominiale se non risulta la convocazione di tutti gli aventi diritto.

Qualora non risulti che che tutti gli aventi diritto sono stati inviati alla riunione, la delibera condominiale è da ritenersi illegittima.

Inoltre, la dimostrazione della corretta spedizione della convocazione a tutti gli aventi diritto spetta all’amministratore condominiale e non al singolo proprietario che, non potrebbe mai fornire una tale prova negativa.

Questo, in sintesi, l’orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 22685/14.

Da quanto si evince dalla suddetta pronuncia, è illegittima la delibera del condominio se non risulta che tutti gli aventi diritto sono stati inviati alla riunione.

Tuttavia, a parere degli Ermellini, l’omessa verifica della convocazione di tutti, da parte dell’assemblea in sede di riunione, non è ragione sufficiente per far dichiarare invalida la delibera.

In tale fattispecie, infatti, non si può assimilare l’omesso controllo al vizio di mancata convocazione di tutti gli aventi diritto.

Pertanto, nel caso in cui il singolo condomino contesti al condominio la mancata regolarità degli avvisi di convocazione, grava sul condominio l’onere di provare che tutti i condomini sono stati tempestivamente convocati.

Dunque, se non basta la mancata verifica preliminare della convocazione di tutti i condomini per invalidare la delibera, è anche vero che l’assemblea non può deliberare se non consta che tutti i condomini sono stati invitati alla riunione.

Da ciò ne deriva, concludono i giudici di piazza Cavour, che, se il singolo condomino contesti la validità della delibera dell’assemblea, spetta invece al condominio dimostrare che tutti i condomini siano stati tempestivamente avvisati della convocazione.

Al contrario, si finirebbe per porre a carico di un soggetto una prova negativa che sarebbe impossibile da raggiungere.

27 Ottobre 2014 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Astensione dal voto per conflitto di interessi nell'assemblea condominiale - Le delibere vanno comunque approvate con riferimento alla maggioranza millesimale di tutti i condomini
Ci si chiede se, nel condominio negli edifici, nel caso di conflitto di interessi tra il condominio e taluni partecipanti, le maggioranze costituenti il quorum deliberativo debbano essere calcolate con riferimento a tutti i condomini ed al valore dell'intero edificio; ovvero soltanto ai condomini ed ai millesimi facenti capo ai singoli partecipanti, i quali non versano in conflitto di interessi relativamente alla delibera. In altri termini, ci si chiede se dal numero dei condomini e dal valore dell'intero edificio (1000 millesimi) debba essere detratta la quota, personale e reale, rappresentata dai condomini in conflitto di interessi per ciò che concerne ...

Condominio - Le delibere e i lavori assembleari
Constatato la regolarità di convocazione dell'assemblea e che l'assemblea può deliberare,si nomina un presidente che a sua volta incarica il verbalizzante. Il verbale dell'assemblea dovrebbe essere redatto nel corso della riunione e sottoscritto dal presidente e dal segretario subito dopo la sua conclusione. Delibere importanti, per le quali è richiesta l'unanimità, richiedono la firma di tutti i condomini ( per es. accordi contrattuali che eccedono l'ordinaria amministrazione). È buona uso rileggere il verbale prima dello scioglimento dell'assemblea. Se l'assemblea in prima convocazione non può deliberare , occorre annotarlo nel libro verbale, anche per dare validità alla seconda convocazione con le ...

Per contestare gli oneri condominiali posti a proprio carico, iInutile opporsi al decreto ingiuntivo, bisogna impugnare la delibera assembleare di approvazione e ripartizione della spesa
La delibera dell'assemblea di condominio che approva la spesa e la ripartisce tra i condomini costituisce titolo di credito del condominio e, di per sé, prova l'esistenza di tale credito e legittima non solo la concessione del decreto ingiuntivo, ma anche la condanna del condomino ricorrente a pagare le somme nel giudizio di opposizione che quest'ultimo proponga contro tale decreto. Le censure avverso le delibere dell'assemblea del condominio possono essere proposte e sono esaminabili dal giudice soltanto nel giudizio che segue all'impugnativa della delibera stessa e non anche in sede di giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo in cui il ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su condominio » tutti aventi diritto non convocati? delibera illegittima. Clicca qui.

Stai leggendo Condominio » Tutti aventi diritto non convocati? Delibera illegittima Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 27 Ottobre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 23 Agosto 2020 Classificato nella categoria il condominio

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)