Prima casa, a rischio pignoramento se si vive all'estero?

Ho ereditato un 1/3 di casa da mia mamma deceduta: all'interno vive il marito con diritto di usufrutto a vita mentre gli altri 2/3 sono di proprietà di mia sorella. Io ho preso la residenza li in quanto ho un debito con Agenzia Entrate (Ex Equitalia) di circa 70.000 prevalentemente Irpef (è una storia lunga..). Essendo residente, secondo normativa sotto 120.000 non possono procedere al pignoramento. Al momento vivo fuori Italia, nella comunità europea, ed essendo disoccupato ho necessità di farmi assumere qui all'estero. Per quanto riguarda i documenti qui non ci sono problemi. Non voglio iscrivermi all'AIRE e quindi sono consapevole che eventualmente dovrò pagare in Italia le tasse per differenza.
La domanda è la seguente: posso vivere e lavorare all'estero mantenendo la residenza attuale e contemporaneamente avere un "domicilio" estero senza che mi venga pignorata la mia parte di casa in quanto non fisicamente presente? So che è complicata.. Grazie mille.

Sono obbligati ad iscriversi all'AIRE (Anagrafe degli Italiani Residenti all'Estero) i cittadini italiani che si recano all'estero per un periodo di tempo superiore (o pari) ad un anno.

L'articolo 76 del DPR 602/1973 (Espropriazione immobiliare) dispone che il concessionario della riscossione (Agenzia delle Entrate Riscossione - ADER) non dà corso all'espropriazione se l'unico immobile di proprietà del debitore, con esclusione delle abitazioni di lusso (categorie catastali A8 e A9) è adibito ad uso abitativo e lo stesso vi risiede anagraficamente.

La stessa norma aggiunge che se, invece, il debitore non risiede nell'immobile di proprietà, ADER può procedere all'espropriazione immobiliare solo se l'importo complessivo del credito per cui procede supera i centoventimila euro.

Possiamo anche aggiungere che, in ogni caso, sarebbe molto difficile piazzare all'asta la quota di 1/3 di proprietà indivisa di un immobile su cui grava anche un diritto di abitazione a favore di un terzo.

Fatte queste precisazioni, se ne ricava che seppure lei si iscrivesse all'AIRE, il terzo della casa ereditata non sarebbe soggetto ad espropriazione immobiliare qualora l'ammontare del debito risultasse inferiore (come sembra essere, da quanto riferisce) ai 120 mila euro.

24 agosto 2018 · Carla Benvenuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

AIRE - Anagrafe Italiani Residenti Estero
casa - pignoramento espropriazione e vendita all'asta

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Recupero crediti e rintraccio del debitore all'estero – AIRE Anagrafe Italiani Residenti Estero
L'AIRE rappresenta, in pratica, l'unico anello di congiunzione fra ultimo comune italiano di residenza e il nuovo domicilio del debitore italiano all'estero. Le società di recupero crediti, pertanto, contattano l'anagrafe della residenza registrata sui moduli di richiesta prestito. Risalgono via via ai comuni dove il debitore si è eventualmente trasferito ...
Mantenimento » Figlia vive sola? Madre perde assegno e casa familiare
In tema di separazione, nel caso il figlio affidato andasse a vivere da solo, la madre affidataria perderebbe l'ex casa familiare e il mantenimento della ragazza corrisposto dall'ex coniuge obbligato. Questo importante principio è stato stabilito dalla Corte di Cassazione la quale, con la pronuncia 24510/2013, ha stabilito che: L'avvenuta ...
Agevolazione fiscale prima casa » Non perde i benefici il cittadino che si deve trasferire all'estero per ragioni di lavoro
L'agevolazione fiscale per la prima casa resta valida anche se non si abita nell'immobile: chi risiede all'estero, infatti, non perde il beneficio se vende e ricompra l'abitazione. Non decade dall'agevolazione prima casa il contribuente che venda la casa prima del decorso del termine di cinque anni dall'acquisto e ne compri ...
Agevolazioni prima casa - Possibile fruire dell'imposta di registro ridotta al 2 per cento anche per l'acquisto di una seconda casa a condizione che entro un anno si alieni la prima
Com'è noto, ai fini dell'applicazione dell'aliquota del 2 per cento dell'imposta di registro agli atti traslativi a titolo oneroso della proprietà di case di abitazione non di lusso e agli atti traslativi o consuntivi della nuda proprietà , dell'usufrutto, dell'uso e dell'ambientazione relativi alle stesse, devono ricorrere le seguenti condizioni: che ...
Agevolazioni fiscali per acquisto prima casa da parte di coniugi in comunione legale - Se uno dei coniugi non trasferisce la residenza anagrafica nell'immobile acquistato è necessario dimostrare la coabitazione
Per quanto riguarda l'imposta di registro e i relativi benefici per l'acquisto della prima casa da parte di coniugi in comunione legale, il requisito della residenza va riferito alla famiglia, per cui ove l'immobile acquistato sia adibito a tale destinazione non rileva la diversa residenza di uno dei due coniugi ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca