Mobili vecchi di trent'anni - Al creditore conviene pignorarli?

Ho un contratto di locazione a me intestato dal 2006: nel 2015/2016 ho ospitato e autorizzato la residenza a una persona che allora era il mio compagno e che era stato mandato via dalla sorella con cui ha abitato dal 2000 dopo il suo divorzio.

Ora lui ha avuto un atto di precetto e sicuramente faranno un pignoramento presso la residenza del debitore inadempiente. Noi non siamo più insieme, abita qui perché non sa dove andare e ha una pensione minima.

i mobili sono tutti miei, io mi sono sposata nel 1988 e tutti i mobili sono di mia proprietà. Mi aiutate? Ci sono tanti testimoni che possono provare ciò. Qualche fattura la possiedo, ma sono passati più di trent'anni dall'acquisto dei mobili.

Stia pure tranquilla, il creditore del suo ex compagno inadempiente non ha alcun interesse a pignorare mobili vecchi di trent'anni: il ricavato di una eventuale vendita all'asta non coprirebbe le spese di procedura che deve comunque anticipare.

Comunque, per rendere un pochino più complicate le cose all'ufficiale giudiziario, nel caso venisse a farvi visita, può recarsi presso gli uffici anagrafici insieme al suo ex compagno e chiedere la formazione di due distinte famiglie anagrafiche conviventi nella medesima unità abitativa dal momento che fra lei ed il suo ex compagno non intercorrono più vincoli affettivi.

13 aprile 2018 · Ornella De Bellis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento presso residenza debitore e presunzione legale di proprietà – problematiche e possibili precauzioni

Approfondimenti e integrazioni dal blog

I diritti del coniuge superstite ed il calcolo della massa ereditaria
Al coniuge superstite, anche quando concorra con altri chiamati, sono sempre riservati i diritti di abitazione sulla casa adibita a residenza familiare e di uso sui mobili che la corredano, se di proprietà del defunto o comuni. Infatti, la ricerca di un nuovo alloggio per il coniuge superstite potrebbe essere ...
Pignoramento presso la residenza del debitore – se il valore dei beni pignorati non copre il debito
Se i mobili non coprono l'intero debito il pignoramento mobiliare non va a buon fine? Il creditore, tramite decreto ingiuntivo e precetto, può chiedere all'ufficiale giudiziario di eseguire un pignoramento presso la residenza del debitore. Non rileva che il valore dei mobili non copra l'intero debito. Il ricavato del pignoramento ...
Al coniuge superstite non può mai essere conferita la qualità di possessore dei beni ereditari in conseguenza dell'esercizio del diritto di abitazione e di uso dei mobili che corredano la casa familiare
La permanenza del coniuge superstite dopo il decesso dell'altro coniuge nell'abitazione familiare appare qualificabile come esercizio del diritto di abitazione e di uso dei mobili che la corredano. Questo vale sia qualora il coniuge superstite sia legatario (successione per testamento) sia nell'ipotesi di successione legittima: pertanto deve escludersi che il ...
Rintraccio debitori - Come complicare le ricerche anagrafiche del creditore
Quando un soggetto, ed in particolare un debitore, si rende irreperibile presso la propria residenza anagrafica nel Comune A, tanto da essere cancellato da quei registri anagrafici e si trasferisce successivamente in altro Comune B, acquisendovi la residenza, il creditore si trova nell'impossibilità di risalire, consultando i registri anagrafici del ...
Il diritto di abitazione non spetta al coniuge superstite separato
Al coniuge superstite è riservata, a titolo di legittima, una quota pari alla metà del patrimonio del coniuge defunto, salvo le disposizioni dettate dal concorso con eventuali figli. In breve, nel caso di un solo figlio, al coniuge superstite spetta una quota pari ad un terzo, mentre si arriva ad ...

Dove mi trovo?



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca