Contratto di comodato d'uso di mobili a favore di mio marito debitore - Possono pignorare i miei mobili?

Ho registrato presso l'agenzia delle entrate circa un anno fa un contratto di comodato d'uso dei mobili in favore di mio marito che possiede il diritto di abitazione nella mia casa.

A causa della precaria situazione economica mio marito smetterà di pagare un prestito personale, possono pignorare i miei mobili anche in presenza del suddetto comodato registrato un anno fa e con il pagamento regolare di tutte le rate a tutt'oggi.

Va premesso che difficilmente il creditore professionista (banca o finanziaria che sia) ricorre al pignoramento presso la residenza, o il domicilio, del debitore, nel tentativo di recuperare il residuo del rimborso non versato dal debitore inadempiente.

Infatti, per il creditore è complicato piazzare all'asta mobili usati ed occorre anticipare, comunque, le spese legali, di trasporto e custodia (anche se il più delle volte la custodia dei beni pignorati viene affidata al debitore stesso).

La banca, o la finanziaria, che ha erogato il prestito non integralmente rimborsato, preferisce sicuramente avviare azioni esecutive più incisive ed efficaci, quali il pignoramento del conto corrente e/o della pensione del debitore. O, al massimo, cede il credito a terzi (società di recupero) beneficiando di sgravi fiscali a certe condizioni.

Così, il pignoramento presso la residenza del debitore viene, di solito, effettuato solo quando il creditore presume di poter rinvenire mobili di antiquariato, gioielli e/o accessori di valore, quadri e sculture d'autore, arredi di pregio.

Fatta questa doverosa premessa, va aggiunto che l'ufficiale giudiziario intervenuto nel pignoramento, non può desistere o sospendere le operazioni a cui è preposto a fronte dell'esibizione di un contratto di comodato registrato attestante che la proprietà dei beni rinvenuti presso la residenza, o il domicilio, del debitore appartengono, in realtà a terzi.

L'ufficiale giudiziario non può decidere sulla legittimità e valenza probatoria della documentazione prodotta ed esibita dal terzo proprietario dei beni pignorati: egli deve esclusivamente uniformarsi al principio di presunzione legale di proprietà, vigente nel nostro ordinamento, secondo il quale il bene che si trova nell'appartamento in cui dimora il debitore è di proprietà del debitore stesso.

E' il terzo proprietario a doversi far carico, in tempi successivi, di adire il giudice dell'esecuzione, presso il Tribunale del circondario competente, e con il necessario supporto tecnico legale di un avvocato, per dimostrare l'effettiva proprietà dei beni, esibendo il contratto di comodato registrato e provvedendo alla loro "liberazione".

Attenzione, però: se il terzo proprietario è il coniuge del debitore sottoposto ad azione esecutiva ed il regime patrimoniale familiare adottato in sede di matrimonio è di comunione dei beni, non basta il contratto di comodato registrato presso Agenzia delle Entrate per liberare i beni pignorati dall'ufficiale giudiziario.

Infatti, bisognerà convincere il giudice che i beni pignorati furono acquistati dal coniuge non debitore prima del matrimonio o che furono a questi donati, o pervennero in eredità, in costanza di matrimonio.

23 ottobre 2018 · Carla Benvenuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

contratto di comodato in previsione di pignoramento presso residenza debitore
pignoramento presso residenza debitore e presunzione legale di proprietà – problematiche e possibili precauzioni

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Contratto di comodato di immobile a favore di un nucleo familiare - Non cessa con l'eventuale crisi coniugale
Ove il comodato di un bene immobile sia stato stipulato senza limiti di durata in favore di un nucleo familiare, già formato o in via di formazione, si versa nell'ipotesi del comodato a tempo indeterminato, caratterizzato dalla non prevedibilità del momento in cui la destinazione del bene verrà a cessare. ...
Valenza giuridica di un contratto di comodato dei beni presenti presso la residenza del debitore in caso di pignoramento
In occasione di un pignoramento presso la propria residenza, il debitore esibisce all'ufficiale giudiziario un contratto di comodato, registrato in data anteriore al pignoramento, dal quale risulta che tutti i beni mobili, ivi presenti, appartengono ad un terzo. L'ufficiale giudiziario, alla luce della sentenza della Corte di Cassazione numero 23625 ...
Contratto di comodato di un immobile - Non è opponibile all'acquirente
Il contratto di comodato di un bene stipulato dall'alienante in epoca anteriore al rogito non è opponibile all'acquirente del bene stesso. L'acquirente a titolo particolare del bene concesso in precedenza dal venditore in comodato non può, quindi, risentire alcun pregiudizio dall'esistenza di tale comodato e ha, pertanto, il diritto di ...
Comodato d'uso di un immobile » il proprietario può risolvere il contratto se la destinazione del bene è dubbia
Il proprietario dell'immobile può risolvere il contratto di comodato d'uso se la destinazione del bene non è chiara. Con il contratto di comodato, il proprietario concede gratuitamente a terzi il diritto di uso del bene proprio e, quindi, soprattutto quando si tratti di un immobile, la sussistenza di una effettiva ...
Il comodato a tempo determinato, a tempo determinabile ed il comodato precario senza determinazione di durata
Il codice civile disciplina due forme del comodato, quello propriamente detto, regolato dagli articoli 1803 e 1809 e il cosiddetto comodato precario, al quale si riferisce l'articolo 1810 del codice civile, rubricato come comodato senza determinazione di durata. Nel caso di comodato precario, connotato dalla mancata pattuizione di un termine ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca