Assegni a vuoto - Perché la prefettura mi intima di pagare se l'ho già fatto?

Ho perso la liberatoria di un assegno del 2012 e non so come posso fare per recuperarla: mi è arrivata di nuovo la stessa lettera dalla prefettura che mi intima di pagare la sanzione. Io sono sicuro di aver già provveduto a dimostrare il pagamento effettuato.

Quando si emette un assegno privo di copertura in conto corrente, ci si espone ad sanzioni accessorie irrogate successivamente dal Prefetto.

La sanzione accessoria prefettizia non si applica se chi ha emesso l'assegno (traente), entro sessanta giorni dalla data di scadenza del termine di presentazione del titolo, effettua il pagamento tardivo dell'assegno, gravato dagli interessi legali, da una penale del 10% (del valore nominale - indicato anche come valore facciale) e dalle eventuali spese per il protesto o per la constatazione equivalente.

La prova dell'avvenuto pagamento deve essere fornita mediante quietanza del beneficiario con firma autenticata ovvero, in caso di pagamento a mezzo di deposito vincolato, mediante attestazione della banca comprovante il versamento dell'importo dovuto (articolo 8 legge 386/1990).

Questo documento è la liberatoria a cui si riferisce la lettera della prefettura. Non è sufficiente aver corrisposto al beneficiario il solo importo facciale portato dall'assegno scoperto.

30 gennaio 2018 · Simonetta Folliero

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

assegni a vuoto
assegno scoperto
CAI - segnalazione per assegni privi di copertura

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assegni a vuoto - ricorso al Giudice di Pace contro l'ingiunzione di pagamento del Prefetto
L'emissione di assegni senza autorizzazione e senza provvista (a vuoto) è un illecito amministrativo che viene punito con sanzioni pecuniarie e accessorie. Il Prefetto del luogo di pagamento dell'assegno, alla ricezione del rapporto o dell'informativa da parte del notaio, del segretario comunale o della banca che ha sollevato protesto, provvede ...
Emissione di assegni a vuoto e archivio CAI della Banca d'Italia
Cosa è un assegno a vuoto, cosa comporta l'emissione di assegni a vuoto e quali sono le sanzioni comminate dopo la depenalizzazione intervenuta con il decreto legislativo 507/99. Informazioni chiare e concise tali da consentire una scelta consapevole al lettore che si appresta a rilasciare un assegno senza avere la ...
Iscrizione in CAI - Illegittima se il pagamento tardivo dell'assegno viene comunicato oltre i termini di legge ma prima che sia stata attivata la procedura di segnalazione
Può accadere che il pagamento tardivo di un assegno scoperto avvenga entro i 60 giorni previsti e che la comunicazione dell'avvenuta regolarizzazione (quietanza liberatoria) giunga alla banca dopo tale termine, ma prima che sia stato dato avvio alla procedura di segnalazione in CAI (Centrale Rischi Interbancaria). In tale ipotesi, è ...
Assegni bancari e postali - Non salva dal protesto la revoca di pagamento prima della scadenza dei termini di presentazione
L'articolo 35 del regio decreto 1736 del 1933 stabilisce che l'ordine di non pagare la somma recata dall'assegno bancario ha effetto solo dopo che sia scaduto il termine di presentazione. La norma ha la doppia funzione di garantire la conservazione della provvista, a tutela dell'affidamento del prenditore, quanto meno fino ...
Traente impone all'istituto di credito di non pagare l'assegno » Sussiste rischio di protesto
Nel caso in cui il traente imponga al proprio istituto di credito di non pagare un assegno bancario, esiste il pericolo di protesto. Pensateci due volte prima di ordinare alla vostra banca di non pagare un assegno già emesso. In questa fattispecie si rischia, infatti, di subire un protesto. Il ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca