Revoca emissione assegni – Entro quanto tempo il Prefetto può disporre il divieto?

Il 30 novembre mi è arrivata lettera del prefetto con il divieto di emissione assegni per 24 mesi: ad oggi ancora non risulta il blocco. Vorrei sapere entro quando il prefetto può effettuare il blocco.

Entro cinque anni dalla violazione commessa con l’emissione di assegni privi di copertura in conto corrente, che comporta la conseguente revoca semestrale della facoltà di emissione di assegni bancari e postali nonchè l’iscrizione nella Centrale Rischi Interbancaria (CAI), il Prefetto della provincia in cui è avvenuta la violazione, può disporre, a carico del trasgressore, una sanzione accessoria consistente nell’ulteriore divieto di emettere assegni per un periodo compreso fra i due ai cinque anni.

Naturalmente, non si tratta di blocco del conto corrente ma semplicemente del fatto che se il destinatario del provvedimento prefettizio emette un assegno, anche coperto, questo viene protestato, scatta la recidiva e si incorre in ulteriori sanzioni comminate dal Prefetto. Se quando scrive ad oggi ancora non risulta il blocco intende riferirsi al fatto che, dopo la notifica dell’ingiunzione prefettizia, ha emesso un assegno bancario o postale senza conseguenze oppure ha effettuato una visura in CAI e non ha trovato segnalazioni a suo carico, potrebbe darsi che copia del provvedimento non sia ancora pervenuto alla banca con cui intrattiene il rapporto di conto corrente.

8 Gennaio 2018 · Simonetta Folliero

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Dove mi trovo?