Revoca emissione assegni - Entro quanto tempo il Prefetto può disporre il divieto?

Il 30 novembre mi è arrivata lettera del prefetto con il divieto di emissione assegni per 24 mesi: ad oggi ancora non risulta il blocco. Vorrei sapere entro quando il prefetto può effettuare il blocco.

Entro cinque anni dalla violazione commessa con l'emissione di assegni privi di copertura in conto corrente, che comporta la conseguente revoca semestrale della facoltà di emissione di assegni bancari e postali nonchè l'iscrizione nella Centrale Rischi Interbancaria (CAI), il Prefetto della provincia in cui è avvenuta la violazione, può disporre, a carico del trasgressore, una sanzione accessoria consistente nell'ulteriore divieto di emettere assegni per un periodo compreso fra i due ai cinque anni.

Naturalmente, non si tratta di blocco del conto corrente ma semplicemente del fatto che se il destinatario del provvedimento prefettizio emette un assegno, anche coperto, questo viene protestato, scatta la recidiva e si incorre in ulteriori sanzioni comminate dal Prefetto. Se quando scrive ad oggi ancora non risulta il blocco intende riferirsi al fatto che, dopo la notifica dell'ingiunzione prefettizia, ha emesso un assegno bancario o postale senza conseguenze oppure ha effettuato una visura in CAI e non ha trovato segnalazioni a suo carico, potrebbe darsi che copia del provvedimento non sia ancora pervenuto alla banca con cui intrattiene il rapporto di conto corrente.

8 gennaio 2018 · Simonetta Folliero

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

assegni a vuoto
assegno scoperto
CAI - segnalazione per assegni privi di copertura

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Emissione di assegni a vuoto e archivio CAI della Banca d'Italia
Cosa è un assegno a vuoto, cosa comporta l'emissione di assegni a vuoto e quali sono le sanzioni comminate dopo la depenalizzazione intervenuta con il decreto legislativo 507/99. Informazioni chiare e concise tali da consentire una scelta consapevole al lettore che si appresta a rilasciare un assegno senza avere la ...
Assegni a vuoto - ricorso al Giudice di Pace contro l'ingiunzione di pagamento del Prefetto
L'emissione di assegni senza autorizzazione e senza provvista (a vuoto) è un illecito amministrativo che viene punito con sanzioni pecuniarie e accessorie. Il Prefetto del luogo di pagamento dell'assegno, alla ricezione del rapporto o dell'informativa da parte del notaio, del segretario comunale o della banca che ha sollevato protesto, provvede ...
Assegni scoperti – niente revoca e iscrizione CAI se si paga entro 60 giorni
Se abbiamo emesso quello che si indica comunemente come assegno "a vuoto" o "scoperto", possiamo in parte rimediare attraverso il pagamento tardivo da effettuarsi entro 60 giorni dalla data di scadenza del termine di presentazione. Eviteremo così le sanzioni pecuniarie e la revoca di sistema, che consiste nell'ulteriore divieto di ...
Assegno postdatato - Quando la revoca di sistema è successiva a quella di compilazione
L'assegno, bancario o postale postdatato, non diversamente da quello regolarmente datato, deve considerarsi venuto ad esistenza come titolo di credito e mezzo di pagamento al momento stesso della sua emissione, che coincide con la data indicata sul titolo. Ne discende che se l'assegno risulta presentato all'incasso dal beneficiario, sulla base ...
Assegni scoperti - termini di presentazione, revoca del pagamento, protesto e iscrizione in cai
L'assegno, se portato all'incasso nei termini di presentazione previsti dalla legge e decorrenti dalla data indicata nel modulo, deve essere sempre pagato dalla banca o dall'ufficio postale. Il termine di presentazione è: 8 giorni, se l'assegno è pagabile nello stesso comune in cui è emesso; 15 giorni, se l'assegno è ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca