Iscrizione al cai - Il fornitore ha incautamente versato in banca un mio assegno scoperto ma era stato già saldato

Vorrei farvi una domanda per quanto riguarda l'iscrizione al CAi: la mia banca mi ha iscritto al cai per un assegno che è entrato e subito ritirato perchè il conto era chiuso. Io ho saldato il mio fornitore e mi sono fatta fare anche la liberatoria, in banca il direttore mi dice che non riesce a capire la mia iscrizione al cai, ma informandosi presso l'ufficio legale della banca gli dicono che la procedura nuova funziona così anche se non è mai arrivata la lettera di revoca.

Mi è arrivata la lettera dalla prefettura con l'articolo 1 e la somma per la multa da pagare: io ho mandato alla prefettura sia la liberatoria e le mie memorie difensive dove dice che l'assegno è stato dato al fornitore molto tempo prima, il fornitore si è scordato di non versare l'assegno anche se era stato pagato.

Vi chiedo è una giusta procedura l'iscrizione al cai?

Strano che il direttore di filiale, come lei riferisce, non comprenda la motivazione della sua iscrizione alla Centrale di Allarme Interbancaria (CAI), dal momento che la banca è obbligata, per legge (e non a discrezione) ad inoltrare la segnalazione ogni qualvolta si verifica la presentazione allo sportello di un assegno non pagabile (perché scoperto o perché il conto corrente di traenza è già stato chiuso) cui non segua il pagamento tardivo, effettuato secondo le procedure previste dalla legge e non secondo le modalità concordate fra creditore e debitore.

Infatti, una volta immesso nel circuito interbancario un assegno non pagabile, l'allarme è pubblico e pubblicamente vi deve essere posto rimedio, non con una transazione circoscritta a traente e beneficiario: in pratica, cioè, non conta che lei avesse già pagato la fornitura in contanti, con cambiali o in natura.

Peraltro anche le giustificazioni presentate nella memoria al Prefetto non si prestano ad essere accolte: primo, perchè, dopo aver saldato il conto in sospeso con il fornitore, andava pretesa la restituzione dell'assegno ancora in circolazione; secondo, perchè, quando si chiude un conto corrente vanno revocati (nel senso di annullati, da non confondere con la revoca di sistema) tutti gli assegni ancora in circolazione e distrutti i moduli residui disponibili ancora nel carnet.

L'unico vizio a cui potrebbe appigliarsi è la mancata comunicazione sulla revoca di sistema (preavviso). Tuttavia la circostanza andrebbe accertata: infatti, il preavviso di revoca di sistema potrebbe essere stato notificato per compiuta giacenza.

24 agosto 2016 · Simonetta Folliero

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

CAI - segnalazione per assegni privi di copertura

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Iscrizione in CAI - Illegittima se il pagamento tardivo dell'assegno viene comunicato oltre i termini di legge ma prima che sia stata attivata la procedura di segnalazione
Può accadere che il pagamento tardivo di un assegno scoperto avvenga entro i 60 giorni previsti e che la comunicazione dell'avvenuta regolarizzazione (quietanza liberatoria) giunga alla banca dopo tale termine, ma prima che sia stato dato avvio alla procedura di segnalazione in CAI (Centrale Rischi Interbancaria). In tale ipotesi, è ...
Assegno scoperto - Il preavviso di iscrizione in CAI va notificato anche al soggetto eventualmente delegato all'emissione
Nel caso di mancato pagamento, in tutto o in parte, di un assegno per difetto di provvista, la legge 386/1990 (articolo 9 bis) dispone che la banca comunichi al traente (il titolare del conto corrente da cui è stato emesso l'assegno) che, decorso il termine di sessanta giorni dalla data ...
Credito al consumo e inadempimento del fornitore - Come si risolve il contratto di credito
Nei contratti di credito a consumo collegati, in caso di inadempimento da parte del fornitore di beni o servizi, il cliente, dopo aver inutilmente effettuato la costituzione in mora del fornitore, ha diritto alla risoluzione del contratto di credito, se con riferimento al contratto di fornitura di beni o servizi ...
Il fornitore di acqua luce e gas non può procedere al distacco se nel frattempo il cliente moroso ha saldato il debito
Il contratto di utenza di energia elettrica è inquadrabile nello schema del contratto di fornitura e pertanto la clausola contrattuale che prevede la facoltà del fornitore di sospendere l'erogazione di energia elettrica nel caso di ritardato pagamento, anche di una sola bolletta, rappresenta una specificazione contrattuale e costituisce quindi una ...
Esclusiva per la concessione di credito al consumo ai clienti e inadempimento del fornitore
Nei contratti di credito collegati, in caso di inadempimento da parte del fornitore di beni o servizi il consumatore, dopo aver inutilmente effettuato la costituzione in mora del fornitore, ha diritto alla risoluzione del contratto di credito, se con riferimento al contratto di fornitura di beni o servizi, l'inadempimento del ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca