Insolvenza su prestito personale e carta revolving - Conseguenze inadempimento

Vorrei sapere cosa succede, nel tempo, quando si è insolventi su prestito personale o revolving, dopo la Dbt e la cessione del credito e non si arriva a estinguere il debito.

Bisogna innanzitutto considerare che il creditore originario, dopo la DBT e prima della cessione, esperisce tutte le possibili azioni esecutive contro il debitore insolvente che possiede redditi o patrimoni (casa, stipendio, conto corrente).

Se il debitore non è aggredibile, la pratica viene ceduta. Di solito la società di recupero crediti cessionaria è consapevole che il debitore, a meno che, nel frattempo, non abbia trovato lavoro, abbia ricevuto in eredità beni rilevanti o abbia vinto al lotto, non è in grado di rimediare alla propria esposizione.

Il creditore cessionario, di regola (ma possono esserci eccezioni) non è attrezzato per il recupero giudiziale del debito che richiede, necessariamente, di effettuare preventive indagini patrimoniali sul debitore; una tale strategia, peraltro, non rientra nelle politiche aziendali in quanto dispendiosa, dagli esiti incerti e poco redditizia nel breve termine.

E dunque, la società cessionaria si affida esclusivamente al recupero crediti stragiudiziale, attraverso un'assillante ed invasiva pressione psicologica realizzata con la phone collection (contatti periodici via telefono), con le visite non concordate di esattori presso il domicilio del debitore, con le telefonate, in violazione delle più elementari regole di privacy, ad amici, parenti e al datore di lavoro, con proposte di soluzioni cambializzate o a saldo stralcio, con piani di rientro che prevedono comode rate mensili.

In conclusione, possiamo dire che, a meno di situazioni del tutto particolari, per il debitore pressoché nullatenente, dopo la decadenza del beneficio del termine e la cessione del credito da parte del creditore originario, le conseguenze si sostanziano nel dover subire una costante pressione psicologica esercitata dal creditore cessionario (a cui si può mettere fine con diffide al titolare e denunce all'AG) e nella permanenza del proprio nominativo in Centrale Rischi, con l'impossibilità di accedere al circuito del credito per ottenere un nuovo prestito.

11 settembre 2015 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

decadenza dal beneficio del termine (DBT)
recupero crediti

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Carta revolving
Per chi è gia familiare con l'uso delle carte di credito, la carta revolving (o carta di debito) puó rappresentare una semplice evoluzione. Solitamente, con la carta di credito (Visa, Mastercard, American Express e cosi via) tutti gli acquisti effettuati nell'arco di un mese sono addebitati in un'unica somma, il ...
Carta revolving emessa da un esercizio commerciale per finanziare i clienti nell'acquisto di beni e servizi in vendita » Il contratto di prestito è nullo ed il debitore è tenuto a restituire le somme impiegate al solo tasso legale (anche a rate)
Come sappiamo, gli esercizi commerciali (on line o tradizionali) ricorrono spesso a carte prepagate (note anche come gift card o fidelity card) che permettono al cliente di poter fruire di un credito prepagato da utilizzare per l'acquisto dei prodotti in vendita. Ciò è possibile perché la promozione e la conclusione ...
Contratti di prestito – il prestito personale
Il prestito personale è una delle forme più comuni di contratto di prestito. Rientra nelle categorie previste per il credito al consumo e non è sottoposto ad alcun vincolo riguardo le modalità con cui viene impiegato il credito concesso. Con il contratto di prestito personale una somma viene erogata dalla ...
Contratti di prestito - Il prestito delega
Il prestito delega (o delegazione di pagamento), è una forma di prestito personale di cui possono usufruire i lavoratori dipendenti. Tale forma di prestito è regolata dalla legge 180 del 05.01.1950 e dal DPR 895 del 28.07.1950 e successive modifiche. Per capire di cosa si tratta possiamo partire dalla cessione ...
Prestiti per dipendenti » Viaggio alla scoperta di questa particolare tipologia di prestito personale
Oggi vogliamo parlare dei prestiti per dipendenti: affrontiamo, dunque, un piccolo viaggio alla scoperta di questa particolare tipologia di prestito personale. I prestiti per dipendenti sono una tipologia di prestiti personali che vengono destinati ai lavoratori dipendenti pubblici e statali e privati. I prestiti per dipendenti sono finanziamenti non finalizzati: ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca