Impugnazione rinuncia all'eredità e canoni di locazione di beni del defunto

La citazione per impugnazione alla rinuncia all'eredità di un padre che rinuncia alla stessa comporta, in caso di beni oggetto dell'eredità locati a terzi, al blocco della percezione degli stessi a chi ha accettato per rappresentazione ovvero suo figlio? si bloccano in attesa della sentenza?

La riscossione dei canoni di locazione di un bene ereditario comporta accettazione tacita dell'eredità: ne discende che essi non potrebbero essere, comunque, riscossi dal coerede che intende rinunciare.

Quindi, in attesa della pronuncia giudiziale, i canoni di locazione possono essere riscossi da un coerede che intenda accettare oppure, per garantire il conduttore ed il creditore del rinunciante, fatti accreditare su un conto corrente congiuntamente intestato ai coeredi che intendono accettare ed al soggetto che dovrebbe subentrare per rappresentazione.

Peraltro, il blocco dei canoni di locazione costituirebbe un vulnus inaccettabile per i coeredi che intendono accettare, dal momento che, in ogni caso, al creditore procedente contro il debitore erede rinunciante, spetterebbe solo una quota del canone di locazione. Il giudice adito, su istanza del creditore procedente, potrebbe, al massimo, disporre, nelle more del giudizio, il versamento di parte del canone di locazione su un deposito infruttifero cauzionale.

24 maggio 2019 · Ludmilla Karadzic

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Altre discussioni simili nel forum

eredità e successione
rinuncia eredità

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca