Eredità e ratei maturati non riscossi – Possibile revocare l’accettazione tacita dell’eredità?

Mio padre è deceduto il 24 luglio 2018: successivamente affidandoci ad un patronato di zona ho provveduto a far presentare istanza di reversibilità a mia madre e, contestualmente, l’addetto del sindacato ci faceva fare fare anche una istanza per percepire cosiddette rate maturate non riscosse, in qualità di eredi, quindi oltre a mia madre anche noi figli (siamo in due).

Somma che l’inps dovrà corrispondere in parti uguali. Sin qui nulla quaestio. Il quesito nasce per quanto concerne i debiti con una finanziaria da parte di mio padre oramai defunto e quindi la possibilità di restarne fuori con espressa rinuncia all’eredità da avanzare nei modi e tempi previsti.

Orbene ho letto da diverse parti, che proprio l’aver avanzato la richiesta di ratei maturati non riscossi (io, mia madre e mia sorella), potrebbe essere considerata una tacita accettazione di eredità.

Almeno che, sempre per come ho avuto modo di leggere, si provveda ad una revoca della richiesta dei ratei maturati e non riscossi ancor prima che questi vengano accreditati. Corrisponde al vero? Cioè, siamo in tempo quindi per revocare questa richiesta e quindi far si che una rinuncia all’eredità che presenteremo subito dopo, ci escluda dal pagamento del debito che consiste in 9 mila euro?

Infine, con quali modalità si deve fare questa revoca/rinuncia dell’istanza dei ratei non maturati e non riscossi? Proprio su questo aspetto (modalità per la revoca) non ho trovato nulla in rete.

L’accettazione si dice tacita quando il chiamato all’eredità compie un atto che presuppone necessariamente la sua volontà di accettare e che non avrebbe il diritto di fare se non nella qualità di erede (articolo 476 del codice civile).

Purtroppo, l’accettazione dell’eredità, non è revocabile.

Pertanto, solo il CAF che ha presentato istanza di accredito dei ratei maturati e non riscossi dal pensionato deceduto a favore degli eredi, può annullare la domanda trasmessa, se vi sono ancora i tempi.

28 Agosto 2018 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Intervenuta prescrizione dei ratei pensionistici maturati e non riscossi
Mio padre è deceduto il 25 aprile 2013, il 13 settembre 2018 ho fatto richiesta all'Inps dei ratei maturati e non riscossi, mi hanno risposto che le domande non sono state accolte in quanto sono trascorsi 5 anni dalla data di morte del titolare della pensione di riferimento. Vorrei sapere a partire da quale data vengono calcolate le prescrizioni di cui all'oggetto. Perchè l'inps non continua ad accreditare in automatico le somme ancora spettanti sul c/c del defunto, visto che la successione è stata fatta nel 2014? ...

Ratei di pensione del de cuius ed accettazione tacita eredità
Mi riallaccio ad una precedente domanda posta nel forum che riguarda i ratei di pensione del de cuius e per la quale ho ancora dei dubbi che non sono riuscito a chiarire. In proposito, desidero chiedervi se i ratei di tredicesima della pensione del defunto rientrano, o meno, nell'asse ereditario del medesimo e se l'istanza per la loro riscossione, da parte degli eredi in linea retta, comporta, quindi, l'accettazione tacita dell'eredità dello stesso de cuius. In caso affermativo, e cioè laddove i suddetti ratei spettino agli eredi in linea retta “iure successionis” e non “iure proprio”, vi chiedo allora se ...

Deceduto il pensionato debitore sottoposto a prelievo per pignoramento - La vedova percepisce ratei di pensione del defunto ma non ha ancora accettato l'eredità
Da maggio 2018 mi venivano accreditati mensilmente su conto corrente euro 67,00 da parte dell'Inps, così come stabilito dal giudice a seguito di una causa da me vinta nei confronti del mio vecchio inquilino e per un ammontare complessivo di 22 mila euro circa. Ad ottobre 2018 il mio debitore (pensionato Inps) è deceduto ed io non ho più percepito nulla. La moglie a novembre 2018 ha fatto domanda di reversibilità e nessuna domanda di successione è stata presentata poiché il de cuius non possedeva nulla. Considerato che per recuperare il mio credito dalla moglie occorre l'accettazione da parte di ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Eredità e ratei maturati non riscossi – Possibile revocare l’accettazione tacita dell’eredità?