Conto corrente del de cuius che non può essere chiuso per problematiche burocratiche - Se va in rosso per spese di gestione, gli eredi possono essere chiamati comunque a risponderne?

A seguito della morte di mia madre, titolare di un conto corrente in banca ho fatto richiesta di estinzione: dalle verifiche effettuate risulta però che mia madre divorziata in francia dal 1962 non ha mai registrato la separazione in Italia pertanto risultando coniugata non possono estinguere il conto.

Preciso che ex marito divorziato si è poi risposato in Francia ed è deceduto nel 2000. Impossibilitati nel produrre e registrare la sentenza di divorzio perché avvenuta in francia nel 62 e siamo senza documenti siamo bloccati e non abbiamo possibilità di estinguere il conto.

Essendo il conto bancario di poca entità che nel tempo verrà ridotto con le sole spese di gestione, finiti i soldi presenti sul conto possono chiederci come eredi di pagare le spese di gestione del conto che non possiamo chiudere?

La risposta è parzialmente affermativa: gli eredi sono comunque tenuti al pagamento, pro quota, dello scoperto di conto corrente del de cuius esistente al momento della morte.

Per quanto riguarda, invece, le spese di gestione del conto corrente, che si temono dovute dopo il decesso dell'intestatario e fino allo scioglimento della comunione ereditaria con l'individuazione degli eredi a cui spettano pro quota attività e passività del conto corrente (fintanto che la comunione non si sciolga mediante una disposizione congiuntamente impartita da tutti i coeredi ovvero mediante un provvedimento giudiziale), c'è da dire che il rapporto di conto corrente intestato esclusivamente al defunto, in quanto riconducibile ad un rapporto di mandato, si estingue ex articolo 1722 del codice civile, con la morte del mandante (cioè del titolare).

Infatti, sebbene la normativa concernente il conto corrente bancario non specifichi gli effetti conseguenti al decesso del titolare, tuttavia, la dottrina e la giurisprudenza prevalenti vedono nel conto corrente bancario un unico contratto innominato misto, con prevalenza delle prestazioni tipiche del contratto di mandato.

La morte del mandante, pertanto, costituisce una delle cause di estinzione del mandato e, quindi, a seguito della morte del titolare il conto corrente si estingue.

Conseguentemente, cessato il rapporto di conto corrente a partire dalla data di decesso del de cuius (ovvero da quella in cui tale decesso sia stato comunicato), la banca deve astenersi dal compiere qualsiasi ulteriore operazione come, ad esempio, l'addebito delle rate del prestito concesso al defunto o l'esecuzione di RID.

Se a seguito dell'estinzione del rapporto residua un debito a carico del titolare defunto, questo comporta l'obbligo degli eredi di corrispondere alla banca quanto residua, mentre la banca ha l'obbligo di comunicare tempestivamente l'importo dovutole, affinché si possa procedere alla chiusura definitiva dei rapporti ancora pendenti.

Queste sono anche le considerazioni svolte dall'Arbitro Bancario Finanziario nella decisione 1931/2014.

24 maggio 2019 · Simonetta Folliero

Altre discussioni simili nel forum

chiusura conto corrente - situazioni particolari
eredità e successione - situazioni particolari
rinuncia eredità

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca