Equitalia e sentenza di primo grado favorevole a soggetto già esecutato con pignoramento presso il datore di lavoro - Riavrò indietro quanto mi è stato già escusso?

Con una sentenza della Commissione Tributaria, è stato accolto il mio ricorso che mi solleva dal pagamento di circa 100 mila euro (prescrizione-decadenza). Resta qualche piccola cartella per il valore di 600 euro. Dal gennaio del 2016, inoltre, l'ente mi ha pignorato lo stipendio per un decimo presso il mio datore di lavoro. Posso recuperare le quote già versate ad Equitalia, essendo la sentenza di primo grado già esecutiva, magari al netto di quanto ancora dovuto all'ente? E' verosimile che Equitalia impugni la sentenza ricorrendo in appello?

Come è noto, la presentazione di un ricorso tributario non esenta dal versamento, anche se provvisorio, degli importi ormai definitivi portati dalla cartella esattoriale (nel caso in discussione non è stata, infatti, contestata la somma pretesa dall'erario con un avviso di accertamento).

Su tale presupposto Equitalia ha potuto avviare azione esecutiva di pignoramento dello stipendio del debitore presso il datore di lavoro, nonostante l'impugnazione della cartella esattoriale.

Ora, per le sentenze favorevoli al debitore ricorrente, anche non definitive, Equitalia deve attivarsi tempestivamente, e comunque entro 90 giorni dalla notifica della sentenza, per dare attuazione gli obblighi decisi dal giudice tributario; obblighi che, generalmente, prevedono l'annullamento dell'atto impugnato (nella fattispecie la cartella esattoriale) la restituzione degli importi eventualmente già coattivamente riscossi (con il pignoramento presso il datore di lavoro, per quanto ci riguarda) ed il rimborso delle spese sostenute in giudizio.

Se Equitalia non ottempera tempestivamente, la parte vittoriosa può presentare un ulteriore ricorso, per chiedere l'esecuzione della sentenza (giudizio di ottemperanza) alla Commissione tributaria provinciale.

Attenzione però: alcune volte il giudice tributario subordina la restituzione delle somme alla prestazione di idonea garanzia. I costi della garanzia, anticipati dal debitore esecutato, saranno a carico della parte soccombente all'esito definitivo del giudizio: questo per dire che bisogna comunque leggere con attenzione il dispositivo della sentenza.

Resta ferma, per Equitalia (ed il creditore per conto del quale il concessionario agisce) la possibilità di ricorrere in appello alla Commissione Tributaria Regionale (CTR) nel termine di 60 giorni dalla notifica della sentenza (che può essere effettuata dalla controparte vittoriosa in primo grado).

Naturalmente, nulla è possibile argomentare sulla probabilità che Equitalia impugni la sentenza emessa dalla CTP.

16 maggio 2017 · Marzia Ciunfrini


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

giudizio di ottemperanza
pignoramento stipendio

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Omissione contributiva - il datore di lavoro è tenuto anche al versamento della quota a carico del dipendente
Nel caso di omissione del versamento o dell'adempimento tardivo dei contributi previdenziali ed assistenziali dovuti dal datore di lavoro, quest'ultimo resta tenuto al pagamento dei contributi o delle parti di contributi non versate, tanto per la quota a proprio carico che per la quota a carico del lavoratore. Il datore ...
Lavoratore assegnato a mansioni inferiori rispetto a quelle poi riconosciute in sede giudiziale - Il datore di lavoro è tenuto al pagamento anche della quota di adeguamento contributivo a carico del dipendente
Il datore di lavoro è responsabile del pagamento dei contributi anche per la parte a carico del lavoratore; qualunque patto in contrario è nullo. Il contributo a carico del lavoratore è trattenuto dal datore di lavoro sulla retribuzione corrisposta al lavoratore stesso alla scadenza del periodo di paga a cui ...
Recupero del TFR quando il datore di lavoro è fallibile ma non può essere dichiarato il fallimento
La legge prevede il pagamento del TFR da parte dell'INPS qualora il datore di lavoro, non soggetto a fallimento, non adempia, in caso di risoluzione del rapporto di lavoro, a detto pagamento, ma requisito indispensabile è che il lavoratore abbia infruttuosamente esperito l'esecuzione forzata per la realizzazione del credito. Ricordiamo, ...
Omesso versamento ritenuta d'acconto » Datore di lavoro e dipendente responsabili in solido
E' responsabile anche il dipendente nel caso in cui il datore non versi al fisco la ritenuta d'acconto. Il lavoratore e il datore sono responsabili in solido per l'omesso versamento della ritenuta d'acconto. Il rapporto che si costituisce tra il sostituto d'imposta e il sostituito è quello di una obbligazione ...
Invalidità del patto di prova fra lavoratore e datore di lavoro
La causa del patto di prova va individuata nella tutela dell'interesse comune alle due parti del rapporto di lavoro, in quanto diretto ad attuare un esperimento mediante il quale sia il datore di lavoro che il lavoratore possono verificare la reciproca convenienza del contratto, accertando il primo le capacità del ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca