Situazione di temporaneo stallo su un decreto ingiuntivo con un primo pignoramento già azionato – Poi ho cambiato datore di lavoro

Argomenti correlati:

Il 5 dicembre 2017 ho ricevuto un decreto ingiuntivo per 35 mila euro con precetto, per un vecchio prestito del 2005 con plusvalore SPA in liquidazione, di 15 mila euro. Tra interessi, more, e spese legali si è arrivati ai suddetto importo. A febbraio 2018 è arrivato il pignoramento del quinto dello stipendio. Il quale è andato avanti per 5 mesi poi ho cambiato lavoro e ditta e il tutto si è fermato . In totale hanno trattenuto circa 3000 euro pignorando anche 1/5 del TFR. Da circa 6 mesi non ho più avuto notizie del recupero crediti. Nel frattempo ho proposto loro un saldo stralcio ella cifra con raccomandata A/R di € 14 mila euro che insieme ai 3000 già pignorati fanno 17 mila. Nessuna risposta tutto tace.

Cosa devo aspettarmi? Nel frattempo ho trovato un nuovo lavoro con agenzia interinale a tempo indeterminato presso la stessa agenzia. Possiedo auto cointestata con mia moglie del valore di circa 9000 euro e un mutuo casa di ancora 20 anni con ipoteca della banca di primo grado.

Considerata la mancata adesione del creditore alla sua proposta di saldo stralcio, dovrà aspettarsi, purtroppo, un pignoramento dello stipendio presso il nuovo datore di lavoro.

9 Dicembre 2018 · Chiara Nicolai

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Una società di recupero crediti può chiedere direttamente il pignoramento al datore di lavoro senza prima dotarsi di un decreto ingiuntivo?
Avendo vari debiti con banche e finanziarie, vengo contattata dopo mesi di silenzio da un agguerrito (e maleducato) operatore che mi dice che mi contatta prima di inviare decreto ingiuntivo all'Azienda nella quale lavoro, con il quale chiederà il pagamento direttamente al datore di lavoro di quanto da me dovuto. Io gli rispondo che, secondo le mie informazioni il decreto ingiuntivo dev'essere autorizzato da un Giudice e solo dopo che il Giudice autorizzerà il prelevamento di un quinto dello stipendio, il datore di lavoro potrà trattenere la somma. Lui con fare minaccioso e arrogante mi ha fatto molte domande, voleva ...

Pignoramento presso terzi - Come si procede se cambia il datore di lavoro del debitore sottoposto ad azione esecutiva di pignoramento dello stipendio?
Il problema: lavorando in luogo soggetto a gara d'appalto, c'è la concreta possibilità di cambiare datore di lavoro ogni due anni e la relativa conseguenza ogni qual volta di dover far fronte a una nuova azione di pignoramento dello stipendio con relative spese. Infatti, ho un debito verso l'Aler che un anno fa ammontava a 13 mila euro e che ora, dopo due cause e relative spese legali ammonta a quasi 20 mila euro. Ad oggi si sono presi 3 mila euro di liquidazione e stanno già provvedendo a pignorare il quinto dello stipendio. Per chiudere la questione ho proposto ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Situazione di temporaneo stallo su un decreto ingiuntivo con un primo pignoramento già azionato – Poi ho cambiato datore di lavoro