Debito non pagato e pignoramento presso l'abitazione in cui risiede mia madre

In riferimento a questa discussione, vorrei aggiungere che, personalmente, non vedo come la banca possa avere interesse ad avviare un'azione esecutiva con oggetto la casa per via dell'ipoteca che grava su di essa.

Ma potrebbe farlo in relazione al mobilio. Un contratto di locazione registrato dei beni mobili o un comodato d'uso registrato su casa e mobilio potrebbero aiutare?

Inoltre, esiste il pericolo che la banca agisca sulle altre piccole attività immobiliari di cui condivido la proprietà con mia sorella e mio zio?

Personalmente non vedo come la banca possa avere interesse ad avviare una azione esecutiva con oggetto la casa per via dell'ipoteca che grava su di essa, ma potrebbe farlo in relazione al mobilio. Un contratto di locazione registrato dei beni mobili o un comodato d'uso registrato su casa e mobilio potrebbero aiutare?

Come ribadito in altre occasioni, il pignoramento presso la residenza o il domicilio del debitore (pignoramento del mobilio) è azione esecutiva assai poco efficace: il creditore vi ricorre quando, nella residenza o nel domicilio del debitore, è ragionevolmente presumibile rinvenire beni di valore (quadri d'autore, gioielli, collezioni, mobili di antiquariato).

Quella in cui vive sua madre, in ogni caso, non può essere classificata come residenza del debitore, dal momento che il debitore risiede abitualmente all'estero, mentre nella casa di proprietà del debitore risiede, come risulterebbe dalle certificazioni anagrafiche, la madre del debitore.

Paradossalmente, il contratto di comodato d'uso non registrato (che, comunque, per essere opposto a terzi dovrebbe avere data certa e dunque avrebbe dovuto essere registrato), stipulato tra figlio debitore e madre, potrebbe far presumere la proprietà in capo al debitore anche degli arredi dell'appartamento concesso in comodato: dunque, meglio non fare alcun riferimento ad esso.

Come titolo che giustifica l'occupazione dell'appartamento da parte di sua madre, invece, può essere richiamato il contratto di contitolarità del mutuo, o, volendo, si può ricorrere alla costituzione di un diritto di abitazione a favore di sua madre (beninteso, con atto notarile e non con scrittura privata).

17 giugno 2016 · Loredana Pavolini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento presso residenza debitore e presunzione legale di proprietà – problematiche e possibili precauzioni

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pignoramento dei beni mobili in comodato all'inquilino
Contratto di comodato e debiti dell'affittuario: esiste la possibilità che un ufficiale giudiziario effettui il pignoramento dei beni dell'inquilino, anche se sono di proprietà del padrone di casa? La normativa vigente, avvalorata da giurisprudenza consolidata, ritiene che il creditore possa tranquillamente procedere ad un pignoramento mobiliare anche quando i beni ...
Pignoramento esattoriale da parte dell'ufficiale giudiziario
Vorrei sapere se è vero quanto ho sentito in base al dpr 73/602, e cioè che il pignoramento esattoriale presso la residenza del debitore può essere opposto in base all'oposizione scritta nell'art 58 terzo comma del citato dpr. Allego parte del articolo 58 che interessa: Il coniuge, i parenti e ...
Equitalia e pignoramento presso la residenza del debitore » Una pratica sempre meno usata
Il pignoramento mobiliare presso la residenza del debitore, è difficilmente utilizzato da equitalia: vediamo i motivi. Coloro che vivono in un immobile in regime di affitto in comodato, e non possiedono altro che non i beni mobili che arredano l'appartamento, hanno poco da temere nei confronti di Equitalia. Ciò, perché, ...
Vademecum per non pagare debiti, tasse e cartelle esattoriali
Alcune raccomandazioni per debitori nullatenenti (aspiranti o effettivi) - adottare il regime patrimoniale coniugale di separazione dei beni e farlo annotare sull'atto di matrimonio. Meglio una vera e propria separazione legale (per l'accordo da omologare basta un azzeccagarbugli qualsiasi, a cui offrire, per l'incomodo, cappuccino e cornetto al bar del tribunale); vendere la casa di proprietà prima che Equitalia vi iscriva ipoteca; abitare in affitto con comodato d'uso di arredi, suppellettili ed elettrodomestici. Tutto registrato all'Agenzia delle entrate, con elenco dei beni concessi in comodato puntualmente dettagliato .... ...
Pignoramento presso la residenza del debitore – precauzioni
Per l'Ufficiale Giudiziario, tutto quanto presente nell'appartamento in cui risiede il debitore è pignorabile, a meno che l'effettivo proprietario non riesca a produrre fattura nominativa dell'acquisto del singolo bene. Per risolvere il problema esistono diverse soluzioni. Una soluzione potrebbe consistere nella sottoscrizione di un contratto di locazione dell'appartamento ammobiliato (con ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca