Debito non pagato e azione giudiziaria bene immobile in cui risiede mia madre

Io e mia moglie ci siamo traferiti negli Stati Uniti nel 2007 per aprire una attivita’ che purtroppo abbiamo chiuso nel 2012. Io e mia moglie ci siamo indebitati negli US per sostenere l’attività e per sopravvivere in quanto famiglia. Chiusa l’attività e impossibilitati di rientrare con i debiti contratti io e mia moglie abbiamo dichiarato fallimento personale, sempre in USA.

In Italia ero dipendente di una banca e in quanto tale ho potuto usufruire di uno scoperto di conto di circa 20 mila euro. Appena trasferitomi negli USA ho dovuto utilizzare questo scoperto per coprire il fabbisogno di circolante. Non sono riuscito e non riesco tutt’ora a ripagare questo scoperto.

Non ho un salario e quello di mia moglie e utilizzato completamente per il nostro sostentamento e il pagamento delle terapie di nostro figlio autistico.

Sono residente negli USA. In Italia sono proprietario di un appartamento, su cui grava un ipoteca di circa 180 euro (il mutuo e’ intestato a me, mia madre e mia sorella, ma pagato da mia sorella e non ci sono problemi con questo).

Mia madre e’ residente in questo appartamento, di cui gode a titolo di comodato gratuito (l’atto di comodato non e’ registrato).

Condivido la proprietà di alcuni piccoli terreni e altre piccole proprietà immobiliari con mia sorella e mio zio.

In Italia non ho fonti di reddito e non possiedo una autovettura. Non sono titolare di titoli o attivita’ finanziarie.

Sono preoccupato che la banca titolare del credito possa intraprendere una azione giudiziaria che abbia ad oggetto l’appartamento (e i relativi beni mobili) in cui risiede mia madre. Non avendo possibilità di ripagare il mio debito con la mia banca, cosa posso fare?

Le modalita’ espropriative del bene gravato da diritto di abitazione, di usufrutto e di comodato d’uso e la tutela del credito ipotecario fondano sul primo comma dell’articolo 2812 del codice civile: le servitu’ di cui sia stata trascritta la costituzione dopo l’iscrizione dell’ipoteca non sono opponibili al creditore ipotecario, il quale può vendere la cosa come libera.

Dunque il comodato d’uso (quando è registrato) sara’ destinato a gravare il bene solo verso i creditori del proprietario che abbiano trascritto ipoteca successivamente alla registrazione del comodato.

Insomma, il contratto di comodato d’uso a favore di sua madre non sarà in alcun modo opponibile alla banca qualora questa decidesse di espropriare l’immobile.

15 Giugno 2016 · Ornella De Bellis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Debito non pagato e pignoramento presso l'abitazione in cui risiede mia madre
In riferimento a questa discussione, vorrei aggiungere che, personalmente, non vedo come la banca possa avere interesse ad avviare un'azione esecutiva con oggetto la casa per via dell'ipoteca che grava su di essa. Ma potrebbe farlo in relazione al mobilio. Un contratto di locazione registrato dei beni mobili o un comodato d'uso registrato su casa e mobilio potrebbero aiutare? Inoltre, esiste il pericolo che la banca agisca sulle altre piccole attività immobiliari di cui condivido la proprietà con mia sorella e mio zio? ...

Estinzione di un mutuo ipotecario cointestato che grava su un immobile di proprietà di mia madre
Ho un mutuo cointestato (ipoteca sulla casa) con mia sorella dal 2002, di una abitazione con rate pagate da me e mia sorella, dove però ci abita lei con la famiglia e mia madre. La casa è intestata a mia madre per motivi fiscali. Il mutuo è intestato a noi tre (lei, io e nostra madre) scadenza fra 15 anni. Ora che mia mamma è stata ricoverata in ospizio e ho saputo che ha firmato un preliminare di vendita dell'appartamento con opzione di rogitare tra 5 mesi, intanto che ne trova un'altra. Io non sono d'accordo. Può mia sorella, con ...

Mutuo con a garanzia un immobile di mia madre ed altri debiti
Ho un mutuo su un immobile a me intestato: come garante mia madre ha messo a disposizione un suo appartamento. Nel caso debitori terzi (diversi dalla banca con cui ho stipulato il mutuo) dovessero rivalersi su di me, potrebbero pignorare anche l'immobile di mia mamma o essendo debitori che non c'entrano con la banca, l'appartamento di mia madre non verrebbe toccato? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Debito non pagato e azione giudiziaria bene immobile in cui risiede mia madre