Debito non pagato e azione giudiziaria bene immobile in cui risiede mia madre

Io e mia moglie ci siamo traferiti negli Stati Uniti nel 2007 per aprire una attività che purtroppo abbiamo chiuso nel 2012. Io e mia moglie ci siamo indebitati negli US per sostenere l'attività e per sopravvivere in quanto famiglia. Chiusa l'attività e impossibilitati di rientrare con i debiti contratti io e mia moglie abbiamo dichiarato fallimento personale, sempre in USA.

In Italia ero dipendente di una banca e in quanto tale ho potuto usufruire di uno scoperto di conto di circa 20 mila euro. Appena trasferitomi negli USA ho dovuto utilizzare questo scoperto per coprire il fabbisogno di circolante. Non sono riuscito e non riesco tutt'ora a ripagare questo scoperto.

Non ho un salario e quello di mia moglie e utilizzato completamente per il nostro sostentamento e il pagamento delle terapie di nostro figlio autistico.

Sono residente negli USA. In Italia sono proprietario di un appartamento, su cui grava un ipoteca di circa 180 euro (il mutuo è intestato a me, mia madre e mia sorella, ma pagato da mia sorella e non ci sono problemi con questo).

Mia madre è residente in questo appartamento, di cui gode a titolo di comodato gratuito (l'atto di comodato non è registrato).

Condivido la proprietà di alcuni piccoli terreni e altre piccole proprietà immobiliari con mia sorella e mio zio.

In Italia non ho fonti di reddito e non possiedo una autovettura. Non sono titolare di titoli o attività finanziarie.

Sono preoccupato che la banca titolare del credito possa intraprendere una azione giudiziaria che abbia ad oggetto l'appartamento (e i relativi beni mobili) in cui risiede mia madre. Non avendo possibilità di ripagare il mio debito con la mia banca, cosa posso fare?

Le modalità espropriative del bene gravato da diritto di abitazione, di usufrutto e di comodato d'uso e la tutela del credito ipotecario fondano sul primo comma dell'articolo 2812 del codice civile: le servitù di cui sia stata trascritta la costituzione dopo l'iscrizione dell'ipoteca non sono opponibili al creditore ipotecario, il quale può vendere la cosa come libera.

Dunque il comodato d'uso (quando è registrato) sarà destinato a gravare il bene solo verso i creditori del proprietario che abbiano trascritto ipoteca successivamente alla registrazione del comodato.

Insomma, il contratto di comodato d'uso a favore di sua madre non sarà in alcun modo opponibile alla banca qualora questa decidesse di espropriare l'immobile.

15 giugno 2016 · Ornella De Bellis

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Mantenimento » Figlia vive sola? Madre perde assegno e casa familiare
In tema di separazione, nel caso il figlio affidato andasse a vivere da solo, la madre affidataria perderebbe l'ex casa familiare e il mantenimento della ragazza corrisposto dall'ex coniuge obbligato. Questo importante principio è stato stabilito dalla Corte di Cassazione la quale, con la pronuncia 24510/2013, ha stabilito che: L'avvenuta ...
Quando il debitore simula la vendita dell'immobile per evitare l'azione esecutiva del creditore
A fronte della vendita da parte del debitore di un immobile di sua proprietà, il creditore può avviare, con successo, un'azione legale finalizzata ad ottenere la declaratoria di nullità per simulazione del contratto, qualora ne ricorrano i presupposti. Come è noto, mentre l'effetto dell'azione revocatoria è quello di sancire l'inefficacia ...
Diritto di abitazione » Alla morte del padre la madre comproprietaria può far cacciare di casa il figlio che non contribuisce alle spese
Diritto di abitazione: morto il padre, la madre comproprietaria può far cacciare di casa la figlia che non contribuisce alle spese. In questi casi scatta, infatti, l'ordine di rilascio dell'immobile: se è intollerabile la convivenza, il diritto del coniuge superstite prevale sul compossesso della figlia che ha già redditi propri. ...
Debiti e responsabilità patrimoniale dei soci sas
In una Sas i soci accomandanti rispondono solo nei limiti della quota conferita (responsabilità limitata), i soci accomandatari, invece, rispondono illimitatamente e solidalmente per i debiti della società. Da quello che riferisce Lei sarebbe una socia accomandante, pertanto, in assenza di eventuali ed ulteriori vincoli o garanzie prestate, al momento ...
Comodato d'uso di un immobile » il proprietario può risolvere il contratto se la destinazione del bene è dubbia
Il proprietario dell'immobile può risolvere il contratto di comodato d'uso se la destinazione del bene non è chiara. Con il contratto di comodato, il proprietario concede gratuitamente a terzi il diritto di uso del bene proprio e, quindi, soprattutto quando si tratti di un immobile, la sussistenza di una effettiva ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca