Debito con INPS ereditato da mia madre

Argomenti correlati:

Mia madre è deceduta due anni fa, ed aveva con l’INPS un debito di 1400 euro: circa 4 mesi fa l’INPS mi scrive chiedendomi la restituzione di quella somma entro 30 giorni, dandomi anche la possibilità di presentare ricorso entro il termine di 90 giorni dalla ricezione della raccomandata. Quei 90 giorni non sono neanche trascorsi, che l’INPS mi scrive di nuovo comunicandomi che l’importo dovuto sarà prelevato dalla mia pensione in sei rate. Soluzione molto facile, possono agire così?m Una mia curiosità, se non ero in pensione, cosa potevano fare?

Se lei ha accettato l’eredità di sua madre defunta, ha ereditato anche il debito di mille e 400 euro che l’INPS vantava nei confronti di sua madre. Dopo l’ingiunzione di pagamento, e prima dello scadere del termine concesso per il pagamento, avrebbe potuto presentare ricorso al giudice per chiedere l’annullamento e la sospensione cautelare della pretesa, avendone naturalmente fondati motivi.

Altrimenti, l’INPS era legittimata a procedere, come poi ha fatto, a partire dal 31.mo giorno dalla notifica della raccomandata con cui chiedeva la restituzione del dovuto, alla riscossione del debito, procedendo per compensazione con i ratei di pensione a lei spettanti.

Se non fosse stata pensionata, l’INPS avrebbe chiesto al giudice il pignoramento del suo stipendio o del suo conto corrente.

18 Agosto 2019 · Chiara Nicolai

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Debito con L'INPS di una persona defunta - Io non ho ereditato nulla, perchè l'INPS mi chiede i soldi dovuti da mia madre?
Circa due anni fa mia madre è venuta a mancare e con l'INPS lei aveva un debito che aveva iniziato a restituire: da mia madre non ho ereditato nulla (ad esempio immobili). L'INPS ora mi chiede di pagare la rimanenza di quel debito. Mi possono chiedere i soldi ora? Come mi devo comportare? Un "errore" che penso abbia fatto, dopo il decesso, è di aver dato all'INPS tramite l'assistenza di un patronato, le coordinate di un libretto postale a me intestato su cui accreditare eventuali somme a credito. L'INPS mi ha inviato in seguito la certificazione unica di un importo ...

Recupero indebiti pensionistici INPS a carico degli eredi - Cosa dobbiamo fare?
Ho ricevuto una raccomandata ar da parte dell'inps in qualità di erede: l'inps mi informa che dal 01 giugno 2010 al 30 aprile 2013 sulla pensione di mio padre eliminata per decesso, è stata corrisposta la somma di euro 417,08 non spettante per i seguenti motivi: sono state riscosse rate di prestazione in misura superiore a quella spettante; è stata corrisposta la maggiorazione sociale o l'aumento sociale della pensione non spettante a causa del possesso di redditi di importo superiore ai limiti stabiliti dalla legge. Scrive ancora che l'istituto per legge, deve procedere al recupero della predetta somma rivolgendosi anche ...

Recupero crediti INPS sugli arretrati di pensione tramite compensazione - L'indebito di condotta
Sono vedova da 4 mesi e percepisco pensione ai superstiti di euro 513: mio marito nel 2012, aveva prelevato dal c/c di sua madre, appena deceduta, una somma riguardante arretrati di invalidità e di accompagno della stessa. Naturalmente l'INPS ha preteso la restituzione dell'intero importo, ma non ha mai potuto rivalersi su nulla. Nel 2018, però, mio marito poi deceduto causa leucemia, ricevette arretrati di accompagnamento per un totale di 2067 euro, interamente recuperato dall'INPS. Essendo l'unica fonte di reddito mia e di mio marito, è normale l'atto dell'inps ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Debito con INPS ereditato da mia madre