Debiti del coniuge in regime di comunione - Si può evitare il pignoramento di un bene eccependo che è stato acquistato con una donazione indiretta al coniuge non debitore?

Devo precisare che, purtroppo, la concessionaria ha già intestato la macchina a mio marito è quindi non è più possibile fare atto di donazione o chiedere la divisione dei beni. Tuttavia, dal momento che comunque è stata acquistata direttamente da mia suocera con bonifico, nell'eventualità che venga fatto un decreto ingiuntivo si può dimostrare che è un bene personale in quanto acquisto con denaro regalato dalla famiglia di mio marito e non da denaro del nostro nucleo familiare?

Il riferimento è a questa domanda.

Naturalmente bisognerà agire non in sede di opposizione al decreto ingiuntivo emesso dal giudice nei confronti del coniuge debitore, dal momento che non sono in discussione l'esistenza dell'obbligazione ed il mancato adempimento.

Ci si potrà opporre dopo l'eventuale pignoramento del veicolo ricadente nella comunione dei beni, ricorrendo al giudice dell'esecuzione ed eccependo che il veicolo è frutto, praticamente, di una donazione indiretta della madre al coniuge non debitore. Avrebbe senz'altro aiutato, in prospettiva, l'indicazione di una causale di bonifico coerente e pertinente.

Il problema pertanto può essere risolto, anche se diventando più complicata la soluzione, ciò comporterà, inevitabilmente l'aumento della parcella dell'avvocato.

Va anche aggiunto, ad onor del vero, che, a meno che non sia stata acquistata una fuori serie, difficilmente il creditore si imbarcherà in un'azione esecutiva finalizzata alla vendita all'asta di una macchina usata, tanto più se deve affrontare le inevitabili complicazioni giuridiche derivanti dall'espropriazione di un bene ricadente in regime di comunione fra coniugi, dei quali uno solo è debitore. E tenendo anche conto che per ricollegare il bene da pignorare al coniuge debitore, il creditore dovrebbe aver svolto una preventiva visura anagrafica dello stato di famiglia del debitore stesso e successivamente una interrogazione al PRA impostata sul codice fiscale del coniuge non debitore.

17 marzo 2018 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

donazione indiretta
pignoramento dei beni ricadenti nel regime coniugale di comunione e separazione

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Donazione indiretta di un immobile » Per dimostrare che il bene ricevuto è escluso dalla comunione legale non basta un atto notarile
In caso di donazione indiretta di un immobile, per dimostrare che il bene donato sia escluso dalla comunione legale, non basta la dichiarazione contenuta nell'atto notarile, ma è necessaria una prova più consistente. In caso di donazione indiretta di un immobile, per verificare se tale bene rientri o meno nella ...
Donazione indiretta ad uno dei coniugi - il bene donato è escluso dalla comunione legale
Secondo giurisprudenza consolidata, l'intestazione in nome del figlio di un bene immobile acquistato dai genitori configura una donazione indiretta dell'immobile, sia nel caso di acquisto da parte del figlio con il denaro appositamente fornito dai genitori, sia nel caso di pagamento contestuale da parte dei genitori, sia nel caso di ...
Separazione personale » Stop all'assegno di mantenimento se coniuge obbligato è disoccupato e coniuge beneficiario ha nuovo partner
In tema di separazione personale tra due coniugi, non deve essere corrisposto l'assegno di mantenimento, da parte del coniuge obbligato, se lo stesso è disoccupato e il coniuge beneficiario ha intrapreso una nuova convivenza. Alla moglie non può essere riconosciuto il mantenimento qualora il marito si trovi disoccupato e la ...
Mancata corresponsione assegno di mantenimento » E' reato anche se coniuge beneficiario non versa in stato di bisogno
La mancata corresponsione dell'assegno di mantenimento configura un reato anche se il coniuge beneficiario non è in stato di bisogno. Per l'integrazione della fattispecie delittuosa di violazione degli obblighi di assistenza familiare, non è necessaria la determinazione di uno stato di bisogno della persona avente diritto quale conseguenza della condotta ...
La maggiore capacità contributiva per donazione indiretta va comunque documentata al fisco
Può accadere che l'Agenzia delle entrate accerti una maggiore capacità contributiva, vale a dire redditi netti superiori a quelli dichiarati, dopo l'acquisto di un immobile ed alla luce delle spese necessarie alla manutenzione dello stesso. E potrebbe succedere che, conclusosi con esito negativo l'accertamento con adesione, il contribuente proponga ricorso ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti