Debiti con Camera di Commercio e Inps – Atto 2

Nel ringraziarvi per la celerità e l’estrema competenza usata nel rispondere alle mie precedenti domande postate qui, vi aggiorno sulla situazione sperando di essere d’aiuto a qualche altro malcapitato come me.

Ho provveduto (su indicazione della Camera di Commercio) a farmi rilasciare certificato dell’Agenzia delle Entrate attestante che da 1992 mio padre aveva proceduto a chiudere anche la Partita Iva, questo mi ha permesso di poter chiedere la cancellazione di tutti i ruoli.

Ma, attenzione, fino all’anno 2000 perchè l’impiegato mi ha spiegato che dal 2001 è intervenuta una nuova legge che prevede comunque i pagamenti anche in casi come il mio.

Per fortuna non sarà così per le relative spettanze INPS che si cancelleranno tutte.

Ora vi chiedo:

1- di chi è la responsabilità per cui mio padre risultava ancora iscritto alla sezione “commercio” della Camera di commercio pur non avendo più Partita Iva e non essendo + iscritto (con stessa data!) all’artigianato? (l’impiegata mi ha lasciato intuire che è del comune dove esercitava che non ha comunicato tutto all’epoca, difatti mi ha chiesto di farmi rilasciare un certificato che attesti che dal 1993 mio padre non esercitava più nulla);

2- se la responsabilità fosse del comune o di chiunque altro perchè devo pagare le spettanze alla camera di commercio dal 2001 (per un totale di quasi 1.000 euro sanzioni escluse)?

3- è vero che le operazioni di cancellazione le può fare solo un ragioniere o commercialista e solo ed esclusivamente on-line?

Siamo noi a doverla ringraziare per il suo prezioso feedback.

Questo stato ormai è abituato a vessare i suoi cittadini, non solo con un’imposizione fiscale eccessiva, odiosa e non equa. Ma anche chiedendo al cittadino di esibire o dare effetto a dati che già possiede e costringendolo a seguire procedure complesse che neanche Kafka sarebbe riuscito ad immaginare.

Per la chiusura della partita IVA basta compilare il modello modello AA9/11 e presentarlo ad un qualsiasi ufficio entro 30 giorni dalla data di cessazione dell’attività.

4 Luglio 2012 · Rosaria Proietti

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Multa camera di commercio
Multa camera di commercio anno 2014 notificata 2016, dimenticata di pagare: deve risultare all'agenzia delle entrate ? ...

Prescrizione per: Bollo auto,Tributi Locali,Diritto annuale Camera di Commercio
Grazie ancora per l'aiuto, al fine di avere estremamente chiare le idee e magari essere d'aiuto a chi come me si trova nella stessa situazione vorrei elencare i periodi di prescrizione delle cartelle esattoriali a seconda delle tasse/tributi come elencati nel titolo ed averne conferma da voi: 1- Cartella Esattoriale Bollo auto ... prescrizione 5 anni dall'ultima notifica xchè tributo locale; 2- Cartella Esattoriale Tributi Locali (Ici, Tarsu, ecc.)...prescrizione 5 anni dall'ultima notifica xchè tributo locale; 3- Cartella Esattoriale Diritto annuale Camera di Commercio...prescrizione 5 anni dall'ultima notifica xchè tributo locale. Ho commesso qualche errore? Spero vivamente di no... :) ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Debiti con Camera di Commercio e Inps – Atto 2