Contenzioso con Agenzia delle entrate, possibile debito futuro sancito per sentenza e rinuncia ad azione di riduzione delle disposizioni testamentarie per il ripristino della propria quota di legittima

Ho alcuni contenziosi tributari in corso con l’Agenzia delle Entrate, attualmente in Cassazione (ho vinto il secondo grado di tutti i contenziosi). Recentemente è mancato mio marito che ha lasciato un testamento olografo nominando mio figlio erede universale (io e mio figlio siamo gli unici 2 eredi). Sono d’accordo con la volontà espressa da mio marito, quindi ho redatto un atto dal notaio in cui dichiaro di rinunciare a qualsiasi pretesa e/o azione nei confronti di mio figlio (avrei infatti avuto diritto come legittima ad 1/3 dell’eredità). Mio marito non ha lasciato alcun debito e neanche mio figlio ha debiti. Io potrei avere debiti nel caso in cui perdessi i contenziosi in Cassazione.

Vi chiedo quindi quanto tempo ha l’Agenzia delle Entrate per richiedere come creditore l’annullamento dell’atto che ho fatto dal notaio di rinuncia a qualsiasi pretesa nei confronti di mio figlio (così poi successivamente l’Agenzia delle Entrate potrebbe richiedere come creditore 1/3 di legittima a mio figlio) e, inoltre, vorrei sapere se in questa situazione potrei anche fare un atto aggiuntivo di rinuncia all’eredità per tutelare maggiormente mio figlio (così l’Agenzia delle Entrate avrebbe solo 5 anni di tempo per richiedere anche l’annullamento di tale atto e potrebbe essere che con i tempi lunghi della Cassazione tale periodo passi in fretta).

Ci sembra di capire che lei si stia riferendo ai contenuti dell’articolo 2900 del codice civile, secondo il quale il creditore, per assicurare che siano soddisfatte o conservate le sue ragioni, può esercitare i diritti e le azioni che spettano verso i terzi al proprio debitore e che questi trascura di esercitare, purché i diritti e le azioni abbiano contenuto patrimoniale e non si tratti di diritti o di azioni che, per loro natura o per disposizione di legge, non possono essere esercitati se non dal loro titolare.

Il presupposto dell’azione prevista dall’articolo 2900 del codice civile, detta surrogatoria, è che vi siano un creditore ed un debitore: pertanto, tale presupposto potrebbe verificarsi solo nel momento in cui la Suprema Corte dovesse riconoscere il credito dell’Agenzia delle Entrate vantato nei suoi confronti.

Ma, per procedere con l’azione surrogatoria, l’Agenzia delle Entrate dovrebbe preliminarmente chiedere la revocatoria (ex articolo 2901 del codice civile) dell’atto notarile in cui il coniuge coerede superstite al de cuius, legittimario leso dalle disposizioni testamentarie, dichiara di rinunciare a qualsiasi pretesa e/o azione nei confronti del figlio nominato, illegittimamente, erede universale.

Ricordiamo che il creditore può domandare al giudice che siano dichiarati inefficaci nei suoi confronti gli atti di disposizione del patrimonio con i quali il debitore rechi pregiudizio alle sue ragioni quando, fra l’altro, anche trattandosi di atto anteriore al sorgere del credito, l’atto fosse dolosamente preordinato al fine di pregiudicarne il soddisfacimento.

La ratio della norma è finalizzata ad evitare a chiunque di porre in essere una consapevole violazione del proprio obbligo di condotta, anche nei confronti di un futuro eventuale creditore, nel mantenere il proprio patrimonio in condizioni tali da garantire il rimborso di un debito, anche futuro.

Tuttavia, l’articolo 2903 del codice civile stabilisce che l’azione revocatoria, specie quando l’atto è anteriore al sorgere del credito (Cassazione sentenza 4296/1997), si prescrive in cinque anni dalla data di perfezionamento dell’atto revocabile.

12 Febbraio 2019 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Eredità di un immobile - Se il defunto lascia al debitore il diritto di abitazione il creditore non può esperire azione revocatoria della rinuncia del debitore a promuovere nei confronti dei coeredi ogni azione di riduzione delle disposizioni testamentarie lesive della quota di legittima
Supponiamo che il debitore accetti il diritto di abitazione, a lui destinato nel testamento, e rinunci a promuovere nei confronti dei coeredi testamentari dello stesso immobile caduto in successione, ogni azione di riduzione delle disposizioni testamentarie lesive della quota di legittima. In questo modo, il debitore preclude al creditore la possibilità di soddisfarsi sui beni che, in caso di esito positivo di una eventuale azione di riduzione delle disposizioni testamentarie lesive della quota di legittima, entrerebbero a far parte del suo patrimonio. La domanda che ci si pone è se possa essere oggetto di revocatoria, da parte del creditore, la ...

Azione di riduzione delle disposizioni testamentarie per eccesso della quota disponibile imputabile al de cuius
Mio nonno è morto, lasciandomi una casa per testamento: mia madre vorrebbe rinunciare all'eredità ed io l'accetterei per rappresentazione (unico figlio), mia zia invece (sorella di mia madre) vorrebbe agire con azione di riduzione contro di me asserendo che le sarebbe lesa la quota di legittima.La mia domanda è la seguente: se mia madre rinuncia ed io accetto, la massa ereditaria da calcolare ai fini di verificare la lesione della quota si fa tenendo conto anche della quota che io erediterò a seguito della rinuncia di mia madre? ...

Riduzione delle donazioni effettuate in vita dal defunto e delle disposizioni testamentarie lesive della quota spettante ai legittimari
Eredità riservata ed eredità disponibile per i legittimari I legittimari sono coniuge, figli e, in assenza di figli, gli ascendenti (padre, madre, nonni) del de cuius: ad essi la legge riserva una quota di eredità o altri diritti nella successione (articolo 536 del codice civile). Legatario è il soggetto non legittimario al quale il de cuius attribuisce, per testamento, una parte del patrimonio (articolo 649 del codice civile) Collazione I figli del de cuius e i loro discendenti ed il coniuge del de cuius che concorrono alla successione devono conferire ai coeredi tutto ciò che hanno ricevuto dal defunto per ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Contenzioso con Agenzia delle entrate, possibile debito futuro sancito per sentenza e rinuncia ad azione di riduzione delle disposizioni testamentarie per il ripristino della propria quota di legittima