Clausole per evitare l'azione revocatoria dell'atto notarile

Una delle clausole che evitano l'azione revocatoria sull'atto notarile è il valore commerciale del bene che si sta acquistando rispetto a quanto è riportato nel rogito.

Può un perito, abilitato a valorizzare gli immobili per conto delle banche prima della concessione del mutuo, emettere un documento (quello che normalmente emette per le banche, ovvero una perizia) valido ai fini giuridici, ovvero che attesti che l'acquirente sta acquistando l'immobile al valore giusto di mercato?

Un'altra riguarda la destinazione dell'immobile che deve essere ad uso abitazione principale per sé o parenti fino al terzo grado. Nel mio caso sto acquistando un immobile come seconda casa ma lo sto facendo non per fini speculativi ma per destinarlo a mio figlio, attualmente privo di reddito e proprietà, in che modo posso dimostrarlo?

Una eventuale azione revocatoria dell'atto con cui il debitore aliena un proprio bene è promossa dal creditore e si fonda sul presupposto che la vendita sia stata finalizzata, con la partecipazione del terzo acquirente, esclusivamente a sottrarre il bene all'iscrizione di ipoteca o all'espropriazione.

Il giudice deve valutare se vi sono le condizioni per procedere senza penalizzare il terzo acquirente inconsapevole.

Per la valutazione della congruità del corrispettivo in base ai valori di mercato egli si avvale di una Consulenza tecnica d'ufficio (CTU), non essendo certamente sufficiente la perizia di parte.

Per dimostrare che l'acquisto non è speculativo ed è destinato a fungere da abitazione principale per suo figlio, sarebbe necessaria una donazione con vincolo di destinazione.

Si tratta comunque solo di precauzioni che non garantiscono l'inammissibilità dell'azione revocatoria.

25 maggio 2015 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

revocatoria di atti dispositivi del debitore (alienazione immobile donazione costituzione fondo patrimoniale)

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Il concetto di comoda divisibilità di un immobile in ambito giudiziale
Il concetto di comoda divisibilità di un immobile postula, sotto l'aspetto strutturale, che il frazionamento del bene sia attuabile mediante determinazione di quote concrete suscettibili di autonomo e libero godimento, che possano formarsi senza dover fronteggiare problemi tecnici eccessivamente costosi e, sotto l'aspetto economico - funzionale, che la divisione non ...
Il concetto giuridico di comoda divisibilità di un immobile
Il concetto di comoda divisibilità di un immobile (detenuto in comproprietà o in comunione fra più soggetti) a cui fa riferimento il codice civile (articolo 720) postula, sotto l'aspetto strutturale, che il frazionamento del bene sia attuabile mediante determinazione di quote concrete suscettibili di autonomo e libero godimento che possano ...
Il convivente more uxorio affidatario dei figli avuti con il proprietario ha diritto ad opporsi alla vendita della casa familiare ed ottenere la revocatoria dell'atto
In tema di famiglia di fatto e nella ipotesi di cessazione della convivenza more uxorio, l'attribuzione giudiziale del diritto di continuare ad abitare nella casa familiare al convivente, cui sono affidati i figli minorenni o che conviva con figli maggiorenni non ancora economicamente autosufficienti (per motivi indipendenti dalla loro volontà), ...
Fallimento e fondo patrimoniale
La costituzione di un bene in fondo patrimoniale non comporta il trasferimento della proprietà o del possesso del bene a terzi, ma soltanto l'assoggettamento del bene a un vincolo di destinazione (articolo 167, primo comma, codice civile). Se la proprietà e il possesso dell'immobile risultano in capo ad un soggetto ...
Comodato d'uso di un immobile » il proprietario può risolvere il contratto se la destinazione del bene è dubbia
Il proprietario dell'immobile può risolvere il contratto di comodato d'uso se la destinazione del bene non è chiara. Con il contratto di comodato, il proprietario concede gratuitamente a terzi il diritto di uso del bene proprio e, quindi, soprattutto quando si tratti di un immobile, la sussistenza di una effettiva ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca