Come posso tutelarmi per evitare un'azione revocatoria su atto di compravendita

Chiedo come posso tutelarmi per evitare un'azione revocatoria su un atto notarile.

Il venditore è un libero professionista, so che ho avuto diverse avventure finanziarie ma l'immobile attualmente è esente da ipoteche.

Sto acquistando ad un prezzo di mercato, ovvero ad un valore che oscilla tra +- 10% tra il massimo e il minimo. Questa perizia è stata eseguita dall'agenzia immobiliare tant'è che ha suggerito al venditore quel prezzo proprio per evitare perdite di tempo visti i tempi di crisi.

L'unico sospetto che ho è dovuto ai pregressi del venditore ma nulla fa evincere che ci sia qualcosa in ballo, non sono un veggente però vorrei sapere se ci sono i mezzi per tutelarmi, ovvero che domani qualcuno venga a chiedermi di saldare qualche debito del venditore.

Mi sembra che la questione sia stata ampiamente dibattuta. Si è detto che le condizioni, per cui l'eventuale azione revocatoria dell'atto di alienazione dell'immobile di proprietà del debitore abbia ragionevoli probabilità di essere dichiarata inammissibile dal giudice adito dal creditore, ricorrono quando l'acquirente non è parente o affine del venditore, quando il prezzo pagato è tracciabile ed assimilabile a quello di mercato, quando l'immobile è destinato dall'acquirente a propria abitazione principale.

All'infuori di un tale contesto, non c'è modo di pianificare una tutela preventiva, se non quello di rinunciare alla transazione. Nessun creditore potrà chiederle di saldare i debiti del precedente proprietario dell'immobile, ma l'atto di acquisto potrebbe essere dichiarato inefficace e lei sarebbe costretto a citare in giudizio il venditore per il risarcimento dei danni patiti.

E' vero che lei non è un veggente, ma qualche campanello d'allarme ha avuto modo di ascoltarlo: ad esempio leggo, nei precedenti topic, della richiesta del promittente venditore di anticipare la data del rogito per scongiurare una imminente iscrizione ipotecaria ...

25 maggio 2015 · Giorgio Valli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

revocatoria di atti dispositivi del debitore (alienazione immobile donazione costituzione fondo patrimoniale)

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Azione revocatoria di compravendita » Sono sufficienti semplici elementi indiziari
In merito all'azione revocatoria, nella compravendita di un immobile, sono sufficienti anche meri elementi indiziari per provare la vendita fittizia dell'edificio. Nell'ambito dell'azione revocatoria ordinaria di un atto di compravendita, infatti, la partecipatio fraudis è provata da un quadro di elementi indiziari che valorizzano l'anomalia del comportamento delle parti, costituita ...
Vizi della cosa venduta - Lo scontrino fiscale è prova dell'avvenuto acquisto
A fronte dell'acquisto al dettaglio di beni di consumo, acquisto che normalmente avviene verbalmente e attraverso lo scambio reale della cosa e del prezzo, non si può esigere dall'acquirente consumatore prova più specifica e dettagliata dell'acquisto che la produzione dello scontrino fiscale rilasciato dal negoziante: documento che è da ritenere ...
Preliminare di compravendita - i termini di prescrizione per la denuncia di vizi non decorrono dalla data di immissione anticipata
in caso di preliminare di compravendita, la consegna anticipata dell'immobile oggetto dell'accordo effettuata prima della stipula del rogito non determina la decorrenza del termine di decadenza per opporre i vizi noti, né comunque di quello di prescrizione, perché l'onere della tempestiva denuncia presuppone che sia avvenuto il trasferimento del diritto. ...
Risoluzione del preliminare di compravendita per inadempimento del promissario acquirente - Il promittente venditore ha diritto al risarcimento del danno per il mancato pagamento del prezzo e per l'eventuale illegittima occupazione dell'immobile
La somma di denaro che, all'atto della conclusione di un contratto preliminare di compravendita, l'acquirente consegna al venditore a titolo di caparra confirmatoria, assolve la funzione, in caso di successiva risoluzione del contratto per inadempimento, di preventiva liquidazione del danno per il mancato pagamento del prezzo, mentre il danno da ...
Azione revocatoria di compravendita immobiliare - Un caso di riconosciuta consapevolezza del pregiudizio arrecato al creditore da parte del terzo acquirente
La giurisprudenza di legittimità ha da tempo affermato che la prova del requisito della consapevolezza, da parte del terzo acquirente, del pregiudizio arrecato agli interessi del creditore, prevista quale condizione dell'azione revocatoria, può essere data con ogni mezzo e, quindi, anche con presunzioni. Nel caso specifico era stato accertato che ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca