Assegno di mantenimento e calcolo quota pignorabile sullo stipendio

Percepisco uno stipendio netto di 2 mila e 400 euro: in seguito a separazione consensuale davanti al giudice, verso un assegno di mantenimento mensile per mia moglie e mio figlio di 600 euro. La domanda: un eventuale pignoramento del quinto dello stipendio da parte di un successivo creditore si calcola sull'intero importo del mio stipendio (2.400 euro, cioè 480 euro) oppure sullo stipendio decurtato dell'assegno di mantenimento? (esempio: 2.400-600=1800, cioè 360 euro)

Il 20% della quota eventualmente pignorata dal creditore procedente, si calcola sul suo stipendio netto di 2400 euro, pari a 480 euro. Il giudice dovrà verificare che tale quota, aggiunta ad eventuali cessioni e pignoramenti in atto, non superi la metà dello stipendio.

Infatti, sono rilevanti ai fini del computo della quota pignorabile solo cessioni del quinto e i prelievi per pignoramenti in corso.

In pratica, se, ad esempio, lei:

  1. non avesse versato quanto concordato in sede di separazione personale consensuale e sua moglie avesse avviato azione esecutiva nei suoi confronti, ottenendo il pignoramento della retribuzione, per 600 euro al mese;
  2. avesse in passato chiesto ed ottenuto un prestito tramite cessione del quinto con un rimborso previsto in 480 euro/mese.

il giudice avrebbe concesso al successivo creditore procedente solo 120 euro e non 480. Questo perché il prelievo in corso della quota pignorata per mantenimento (600 euro) e di quella dovuta per la cessione del quinto (480 euro) insieme all'intervenuto pignoramento non può superare la metà dello stipendio netto del debitore (1.200 euro).

15 luglio 2014 · Loredana Pavolini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento stipendio

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Calcolo della quota effettivamente pignorabile dello stipendio - Esempi pratici
Per comprendere appieno i meccanismi di calcolo della quota effettivamente pignorabile dello stipendio bisogna partire innanzitutto dalla classificazione dei debiti assunti nei confronti del soggetto procedente. Parliamo di debiti ordinari quando il creditore è una banca, un privato o una finanziaria. Siamo quindi nel novero dei prestiti concessi e non ...
Separazione personale » L'importo dell'assegno di mantenimento va calcolato al netto del reddito del coniuge
Nell'ambito di una separazione personale, l'importo dell'assegno di mantenimento va calcolato al netto del reddito del coniuge obbligato. L'assegno di mantenimento da corrispondere al coniuge beneficiario deve essere calcolato dal giudice tenendo in considerazione il reddito netto percepito dal soggetto onerato e non quello lordo. Questo l'orientamento espresso dalla Corte ...
Separazione personale » Anche se il matrimonio è stato breve l'assegno di mantenimento va comunque corrisposto
Nell'ambito di una separazione personale, qualora il matrimonio sia stato particolarmente breve, va comunque corrisposto l'assegno di mantenimento da parte del coniuge obbligato. La breve durata del matrimonio può incidere sul quantum dell'assegno di mantenimento, non sul diritto a riceverlo. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con ...
Assegno di mantenimento » va ridotto se il coniuge obbligato è in precarie condizioni di salute
L'assegno di mantenimento a carico dell'ex coniuge può essere ridotto se l'obbligato è anziano e in precarie condizioni di salute. Ciò in quanto è prevedibile che lo stesso debba andare incontro a crescenti spese di carattere medico e assistenziale (Cassazione, sentenza numero 927/2014). Secondo la Cassazione, infatti, l'importo dell'assegno di ...
Assegno di mantenimento » Non va corrisposto se non si può lavorare a causa della salute precaria
L'assegno di mantenimento non va corrisposto se è impossibile lavorare a causa di condizioni di salute precarie. Salute precaria, difficile lavorare: l'uomo può ancora evitare il mantenimento per i figli. Le condizioni fisiche precarie e la conseguente difficoltà a lavorare possono portare all'azzeramento dell'assegno di mantenimento previsto, dai giudici di ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca

Forum

Domande