Assegno di ricerca e Pignoramento presso terzi

Domanda di Autonomo92
2 febbraio 2014 at 17:08

Spettabile redazione, dopo aver condotto svariate ricerche in merito ed aver consultato diversi avvocati, senza avere una risposta chiara al mio problema, ho deciso di porvi il mio quesito.

Ho ricevuto un precetto con richiesta di pagamento di un debito (inferiore ai 1500 euro spese incluse) scaturito dall'ingiunzione per il pagamento di spese legali per una causa in cui sono stato giudicato soccombente.

Attualmente, come unica fonte di reddito, percepisco un assegno di ricerca, erogato da un istituto di ricerca pubblico, finanziato con fondi comunitari, per lo svolgimento in modo esclusivo dell'attività di ricerca.

Dato che il debitore è a conoscenza del mio rapporto con questa struttura, ha minacciato un pignoramento presso terzi.

Sono iscritto presso il centro per l'impiego con lo status di Disoccupato (ho anche un certificato rilasciato dallo stesso centro per l'impiego). Lo stato di disoccupazione deve essere mantenuto pena la decadenza dell'assegno di ricerca, quindi non posso percepire altri redditi.

Ecco la mia Domanda: gli assegni di ricerca possono essere sottoposti a pignoramento presso terzi? Se si, in quale misura?

Non voglio sottrarmi al pagamento, tuttavia i tempi richiesti per il pagamento sono troppo brevi (10 gg.) e non dispongo dell'intera cifra. Ho paura che per pure finalità speculative, l'avvocato che mi ha comminato il precetto possa dolosamente andare avanti con il pignoramento presso terzi per aumentare in tal modo le spese legali (e quindi i suoi profitti) a mio danno.

Spero di ricevere al più presto una risposta. Grazie.

Risposta di Ludmilla Karadzic
2 febbraio 2014 at 17:18

L'assegno che lei percepisce è purtroppo completamente pignorabile, non essendo il suo inquadrabile come un rapporto di lavoro dipendente.