Nel caso di pignoramento presso terzi è possibile presentare una proposta di transazione quando si è davanti al giudice?

Nel caso di pignoramento presso terzi è possibile presentare una proposta di pagamento quando si è davanti al giudice?

I creditori non hanno mai dato riscontro alle proposte di pagamento/transazione fatte del legale del debitore.

Se il creditore è costretto a percorrere la via giudiziale, anticipando le spese di procedura (che poi saranno addebitate comunque all’esecutato) e chiedendo un’ingiunzione nei confronti del debitore, è ben difficile che possa poi transigere in sede di accertamento del credito nella fase successiva di pignoramento presso il datore di lavoro.

Quello che certamente, per legge, il debitore può ottenere è la conversione del pignoramento. procedura regolata dall’articolo 495 del codice di procedura civile.

In pratica, il debitore può chiedere di sostituire alle cose o ai crediti pignorati una somma di denaro pari, oltre alle spese di esecuzione, all’importo dovuto al creditore pignorante e ai creditori intervenuti, comprensivo del capitale, degli interessi e delle spese.

Il giudice può anche disporre, se ricorrono giustificati motivi, che il debitore versi con rateizzazioni mensili entro il termine massimo di trentasei mesi la somma dovuta, maggiorata degli interessi scalari al tasso convenzionale pattuito ovvero, in difetto, al tasso legale. Ogni sei mesi è il giudice stesso (tramite l’ufficio di cancelleria) a provvedere al pagamento al creditore pignorante o alla distribuzione tra i creditori delle somme versate dal debitore.

Si tratta, tuttavia, di una procedura molto rigida: qualora il debitore ometta il versamento dell’importo determinato, ovvero ometta o ritardi di oltre 15 giorni il versamento anche di una sola delle rate previste, il giudice dell’esecuzione, su richiesta del creditore procedente, disporrà, immediatamente, il pignoramento dello stipendio.

25 Maggio 2017 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Il piano di ristrutturazione che il debitore può presentare al giudice per pagare il possibile ed ottenere l'esdebitazione del residuo
Molti debitori, pur avendo la volontà di mettere disposizione dei creditori l'intero patrimonio e le risorse reddituali non strettamente connesse alla sopravvivenza del proprio nucleo familiare, non possono liberarsi dei debiti accumulati nel tempo. Peraltro, le azioni esecutive avviate nei confronti del debitore sovraindebitato risultano, quasi sempre, inefficienti in termini di realizzo e di rimborso dei creditori. La legge, oggi, offre a tutti i debitori l'opportunità di sottoporre al giudice un piano di risanamento (ristrutturazione) del debito. Presupposto per l'omologazione del piano di ristrutturazione è che il debitore non abbia assunto obbligazioni senza la ragionevole prospettiva di poterle adempiere o ...

Transazione stragiudiziale ed obbligazione solidale per le parti al pagamento delle parcelle degli avvocati intervenuti nell'accordo
Quando un giudizio è definito con transazione, tutte le parti che hanno transatto sono solidalmente obbligate al pagamento degli onorari e al rimborso delle spese di cui gli avvocati ed i procuratori che hanno partecipato al giudizio negli ultimi tre anni fossero tuttora creditori per il giudizio stesso (articolo 68 regio DL 1578/1933). E' evidente che la norma si riferisce ad ogni accordo mediante il quale le parti facciano cessare, senza la pronuncia del giudice, una lite già cominciata: in pratica, affinché possa sussistere l'obbligazione solidale prevista dalla citata norma e il difensore possa richiedere il pagamento degli onorari ed ...

Opposizione al pignoramento presso terzi per crediti di natura tributaria - Giudice competente
La domanda: per debiti di natura tributaria, qual è il giudice competente sull'opposizione al pignoramento presso terzi del debitore? La giurisdizione tributaria si estende fino all'impugnazione degli atti prodromici all'esecuzione, quali la cartella esattoriale e l'avviso di mora, ma si arresta davanti alle controversie riguardanti l'esecuzione forzata, per le quali la giurisdizione spetta al giudice ordinario. In pratica, appartengono alla giurisdizione tributaria tutte le controversie aventi ad oggetto i tributi di ogni genere e specie comunque denominati, compresi quelli regionali, provinciali e comunali e il contributo per il Servizio sanitario nazionale, nonché le sovrimposte e le addizionali, le sanzioni amministrative ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Nel caso di pignoramento presso terzi è possibile presentare una proposta di transazione quando si è davanti al giudice?