Il recupero delle somme percepite dal pensionato e non dovute

Nei casi in cui l'indebito consegua alla omessa o incompleta segnalazione, da parte dell'interessato, di fatti incidenti sul diritto o sulla misura della pensione, che non siano già a conoscenza dell'Istituto, L'INPS procede al recupero delle somme indebitamente percepite, senza alcuna limitazione temporale, in quanto la omissione viene in sostanza equiparata dal legislatore al dolo, il che ne consente in ogni caso la recuperabilità.

Ed infatti, i termini di prescrizione decennali del credito decorrono, qualora l'indebito sia da ricollegare a situazioni che devono essere comunicate dal pensionato, dalla data della comunicazione stessa.

Vengono ricompresi nel comportamento doloso - oltre ai casi di attività illecita dell'interessato, come tali rilevanti anche in sede penale con conseguente obbligo di denuncia all'Autorità giudiziaria - anche l'indicazione di dati incompleti o l'omissione di denuncia di circostanze incidenti sul diritto o sulla misura della prestazione, purché l'omissione non riguardi atti o fatti già noti all'Istituto.

Il dolo va escluso nei casi in cui l'indebita erogazione sia dovuta ad errore dell'Istituto.

Gli indebiti pensionistici vengono recuperati attraverso una delle seguenti modalità:

  1. compensazione con crediti, relativi a quote di prestazioni pensionistiche o assistenziali, vantati nei confronti dell'Istituto;
  2. recupero mediante trattenute sulle prestazioni pensionistiche;
  3. pagamento, anche rateale, mediante rimesse in denaro.
condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il recupero delle somme percepite dal pensionato e non dovute. Clicca qui.

Stai leggendo Il recupero delle somme percepite dal pensionato e non dovute Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 21 marzo 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 18 luglio 2017 Classificato nella categoria INPS » recupero crediti - trattenute per indebito pagamento - avviso di addebito e cartelle esattoriali Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

  • bender 29 maggio 2015 at 10:47

    ne deduco che l’assegno ordinario di invalidità essendo diverso dall’assegno di invalidità civile (articolo 13, legge 118/1971, che è invece una prestazione assistenziale, slegata dai contributi versati) è soggetto a sanatoria. dico bene?

    • Ornella De Bellis 29 maggio 2015 at 10:57

      Si tratta di una interpretazione possibile, ma sulla quale, onestamente, non siamo in grado di fornire una conferma affidabile.

  • bender 25 maggio 2015 at 18:42

    ultima domanda, ma la sanatoria ex art. 13 legge 412/91 è applicabile in relazione all’assegno ordinario di invalidità?

    • Ludmilla Karadzic 26 maggio 2015 at 04:57

      Non rientrano nella sanatoria le prestazioni di invalidità civile per le quali l’Inps svolge esclusivamente la funzione di Ente erogatore.

  • bender 25 maggio 2015 at 10:13

    Buongiorno, nell’ipotesi di ripetizione indebito da parte dell’inps (assegno ordinario di invalidità/integrazione al minimo non dovuta) chi è competente, il giudice del lavoro o la corte dei conti?

    • Annapaola Ferri 25 maggio 2015 at 13:33

      E’ competente il giudice del lavoro.

  • bender 19 aprile 2015 at 21:38

    A prescindere dalla prescrizione, l’articolo 13 della legge 412/91 è applicabile nelle ipotesi in cui vi è stato un pagamento indebito da parte dell’INPS, nella specie integrazione al minimo non dovuta in assenza di dolo del pensionato?

    • Simone di Saintjust 20 aprile 2015 at 05:04

      In assenza di dolo da parte del pensionato non sono recuperabili, le somme indebitamente erogate. L’INPS si limiterà a rettificare il provvedimento errato.

  • bender 17 aprile 2015 at 16:00

    Ho ricevuto, nel mese di marzo 2015, una comunicazione dall’INPS in cui mi si dice che nel periodo che va dal 1.01.2012 al 31.12.2012 sono stati pagati circa 4.000 euro in più sulla mia pensione (in pratica,non mi spettava l’integrazione al minimo). è prevista una sanatoria in questo caso, visto che la richiesta è pervenuta solo nel 2015? Io ho sempre comunicato i miei redditi, in quanto lavoratore dipendente.

    • Ornella De Bellis 17 aprile 2015 at 16:33

      Purtroppo il credito non è prescritto, cadendo nella finestra temporale che dalla data di notifica della richiesta di restituzione si estende, all’indietro, per cinque anni. Mi spiace.

  • maximax 16 aprile 2015 at 09:07

    Ho ricevuto dall’inps un piano di recupero crediti relativo alla riscossione di pensione di mia suocera morta il 16/10/2000 fino ad aprile 2001 parte di mia moglie morta 23/5/2011, che io non ho concordato con l’inps non essendo a conoscenza del fatto, negli anni successivi fino al 12/2/2015 non è pervenuto nessun avviso di debito. Alla richiesta scritta di prendere visione dei riferimenti e causali tramite raccomandata inviata il 9/3/2015 a tutt’oggi 16/4/2015, non è stata data risposta.

    • Simone di Saintjust 16 aprile 2015 at 12:00

      Deve recarsi personalmente presso la sede territorialmente competente dell’INPS e chiedere informazioni o, direttamente, l’accesso agli atti.

  • felice1941 8 ottobre 2014 at 15:50

    In relazione al recupero da parte dell’Inps delle somme percepite dal pensionato e non dovute e successiva decadenza del debito, vorrei cortesemente sapere la norma di legge che disciplina questo caso di decadenza.

    La cosa mi interessa personalmente perché qualche anno fa l’Inps mi aveva notificato l’indebita percezione degli assegni familiari, per alcuni anni, per aver superato il limite di reddito e mi comunicava che mi avrebbero fatto un addebito rateizzato.

    Tale addebito è avvenuto solo il primo mese successivo alla notifica ricevuta e poi è cessato senza darmi alcuna spiegazione di questo mancato addebito, nonostante successivamente io abbia chiesto spiegazioni in merito.

    Chiarisco che quella notifica risale al maggio 2012 e l’unica rata del credito da recuperare è stata quella addebitatami nella pensione di giugno 2012. Da allora in poi silenzio assoluto.

    • Simone di Saintjust 8 ottobre 2014 at 17:41

      L’articolo 2033 del codice civile stabilisce che chi esegue un pagamento non dovuto ha diritto di ottenere indietro quanto corrisposto indebitamente.

      Per i pagamenti indebiti di pensione effettuati a partire dal 1° gennaio 2001 trova applicazione la disciplina di regime di cui all’articolo 13, legge 412/1991.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca