Figlio erede e debitore - Come risolvere quando il de cuius è nonno

Cosa fare quando il debitore ha un genitore proprietario di un immobile in età ormai avanzata e la fortuna di aver generato un figlio (o una figlia, s’intende), ma è anche esposto per debiti ingenti?

Se il padre muore senza lasciare testamento l’immobile viene ereditato dal debitore, il quale, naturalmente, verrà espropriato dal proprio creditore.

Certo, il debitore potrebbe rinunciare all’eredità a favore di suo figlio: purtroppo, però l’articolo 524 del codice civile concede al creditore la possibilità di chiedere la revoca giudiziale della rinuncia. Infatti se taluno rinunzia, benché senza frode, a un’eredità con danno dei suoi creditori, questi possono farsi autorizzare ad accettare l’eredità in nome e luogo del rinunziante, al solo scopo di soddisfarsi sui beni ereditari fino alla concorrenza dei loro crediti.

Se il nonno dona l’immobile al/alla nipote (e questi non lo vende prima) al decesso del nonno il creditore potrebbe invocare l’articolo 2900 del codice civile per promuovere, in nome del proprio debitore, azione giudiziale di riduzione della donazione effettuata in vita dal de cuius, perché sia ripristinata la quota di legittima spettante al proprio debitore, per poi espropriarlo. Infatti il creditore, per assicurare che siano soddisfatte o conservate le sue ragioni, può esercitare i diritti e le azioni che spettano verso i terzi al proprio debitore e che questi trascura di esercitare, purché i diritti e le azioni abbiano contenuto patrimoniale e non si tratti di diritti o di azioni che, per loro natura o per disposizione di legge, non possono essere esercitati se non dal loro titolare.

La situazione appena esposta si verifica anche quando il nonno lascia per testamento l’immobile al/alla nipote ed esclude dall’eredità il figlio debitore: il creditore può avviare, in nome del proprio debitore, azione giudiziale ex articolo 2900 del codice civile finalizzata al ripristino della quota di legittima che al debitore spetta, per poi espropriarlo.

E allora, non c’è scampo? No, esiste una soluzione al problema ed è contenuta proprio nell’ultimo comma dell’articolo 2900 del codice civile, laddove si dispone che il creditore possa esercitare i diritti e le azioni che spettano verso i terzi al proprio debitore purché … non si tratti di diritti o di azioni che, per loro natura o per disposizione di legge, non possono essere esercitati se non dal loro titolare.

Cosa vuol dire? Vuol dire che il nonno può donare in vita, o lasciare per testamento, l’immobile di proprietà al/alla nipote, avendo tuttavia cura rispettivamente di donare, o lasciare per testamento, il diritto di abitazione (personalissimo, privo di contenuti patrimoniali e in quanto tale non espropriabile) al figlio debitore. Messe così le cose, l’azione giudiziale, ex articolo 2900, del codice civile sarebbe subordinata alla rinuncia al diritto di abitazione da parte del debitore.

Ma, e qui casca l’asino, la rinuncia coattiva al diritto di abitazione da parte del debitore non può essere esercitata dal creditore (che si surroga per legge al debitore), ma dovrebbe essere estorta con la forza!

A questa interpretazione ha aderito, peraltro, anche la giurisprudenza di legittimità, con la sentenza della Corte di cassazione 4005/2013.

Naturalmente la strategia è applicabile in presenza di più chiamati all’eredità (di cui uno debitore, anche senza figli) e di un patrimonio costituito da più immobili, escludendo dalle disposizioni testamentarie l’erede legittimo debitore a cui andrà assegnato solo il diritto di abitazione in uno degli immobili della massa ereditaria.

10 Novembre 2017 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Eredità di un immobile - Se il defunto lascia al debitore il diritto di abitazione il creditore non può esperire azione revocatoria della rinuncia del debitore a promuovere nei confronti dei coeredi ogni azione di riduzione delle disposizioni testamentarie lesive della quota di legittima
Supponiamo che il debitore accetti il diritto di abitazione, a lui destinato nel testamento, e rinunci a promuovere nei confronti dei coeredi testamentari dello stesso immobile caduto in successione, ogni azione di riduzione delle disposizioni testamentarie lesive della quota di legittima. In questo modo, il debitore preclude al creditore la possibilità di soddisfarsi sui beni che, in caso di esito positivo di una eventuale azione di riduzione delle disposizioni testamentarie lesive della quota di legittima, entrerebbero a far parte del suo patrimonio. La domanda che ci si pone è se possa essere oggetto di revocatoria, da parte del creditore, la ...

Il creditore non può sostituirsi al debitore, che ha ereditato per testamento il diritto di abitazione, per rivendicare la lesione della quota di legittima
Tanto per semplificare le idee, supponiamo che il de cuius non abbia fatto testamento ed abbia lasciato in eredità ai suoi due figli un immobile ciascuno, di uguale valore commerciale. Supponiamo che dei due figli uno sia debitore e rinunci all'eredità. Il creditore del figlio debitore, in base all'articolo 524 del codice civile, può impugnare la rinuncia, o meglio esercitare azione revocatoria dell'atto di rinuncia. Infatti, se taluno rinuncia a un'eredità con danno dei suoi creditori, questi possono farsi autorizzare ad accettare l'eredità in nome e luogo del rinunziante, al solo scopo di soddisfarsi sui beni ereditari fino alla concorrenza ...

Il creditore può surrogarsi anche al debitore legittimario completamente pretermesso che non esercita azione di riduzione delle disposizioni testamentarie
L'articolo 557 del codice civile, comma 1, nell'occuparsi dei soggetti che possono chiedere la riduzione delle donazioni e delle disposizioni testamentarie lesive della porzione di legittima (quota riservata), stabilisce che la riduzione non può essere domandata che dai legittimari e dai loro eredi o aventi causa. Per giurisprudenza consolidata sappiamo che il creditore del legittimario che accetta l'eredità (pura e semplice) può essere senz'altro incluso, in riferimento all'articolo 557 del codice civile, fra gli aventi causa e al creditore deve, pertanto, riconoscersi la titolarità dell'esercizio, in via surrogatoria, dell'azione di riduzione delle disposizioni lesive della quota riservata ai legittimari, che ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su figlio erede e debitore - come risolvere quando il de cuius è nonno. Clicca qui.

Stai leggendo Figlio erede e debitore - Come risolvere quando il de cuius è nonno Autore Marzia Ciunfrini Articolo pubblicato il giorno 10 Novembre 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 9 Febbraio 2019 Classificato nella categoria sentenze e ordinanze della Corte di cassazione in tema di eredità successione e donazioni Inserito nella sezione successione donazione rinuncia eredità

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anonimo 12 Febbraio 2018 at 14:33

    Buongiorno, ho una situazione simile a quella descritta: genitori con liquidità e una casa in cui abitano. Ci sono tre figli di cui due con debiti nei confronti di equitalia. La domanda è: perchè per poter testare con istituzione del legato è necessario che vi siano più immobili? Nel mio caso invece vi è solo un immobile, è ugualmente percorribile questa soluzione? Grazie. Michele

    • Simone di Saintjust 12 Febbraio 2018 at 15:28

      Abbiamo concluso l’articolo precisando che la strategia è applicabile in presenza di più chiamati all’eredità (di cui uno debitore, anche senza figli) e di un patrimonio costituito da più immobili, escludendo dalle disposizioni testamentarie l’erede legittimo debitore a cui andrà assegnato solo il diritto di abitazione in uno degli immobili della massa ereditaria.

      Ma il contesto di riferimento rispondeva proprio alla domanda: cosa fare quando il debitore ha un genitore proprietario di un immobile in età ormai avanzata e la fortuna di aver generato un figlio (o una figlia, s’intende), ma è anche esposto per debiti ingenti?