Violazione Articolo 614 del codice penale

In un paese vi è una strada lunga 200 metri circa che termina su di un fondo agricolo diramazione di una strada comunale con parcheggi a pagamento (strisce blù), ai lati della suddetta traversa vi sono 3 condomini ognuno composto da almeno 3 grandi palazzoni.

Ebbene all'ingresso della stessa sono stati posti dei cartelli con indicazioni tipo: Strada Privata - Sosta consentita ai soli condomini autorizzati" e un'altro "Gli inadempienti saranno denunciati a norma di Legge Art. 614 C.P.".

La mia domanda è questa: è possibile apporre tali avvisi e soprattutto minacciare eventuali sanzioni a persone che per semplici esigenze di circolazione o/e per visite a familiari/amici che si trovano ad abitare in questa strada, si trovassero ad impegnare tale strada?

E ancora, in caso di incidente quale sarebbe la procedura da seguire. Si potrebbe essere condannati e quindi pagare le spese in toto anche in caso di ragione sul sinistro?

A precisazione di quanto sopra, la questione è che sono stato minacciato personalmente da un signore che tra l'altro mi ha mostrato un tesserino da me non ben identificato, perchè il tutto è avvenuto senza che l'individuo scendesse dalla sua auto e minacciando di chiamare dei fantomatici "colleghi", ed ancora al mio tentativo di allontanarmi non prima di aver chiesto scusa.... lui mi urtava ripetutamente con la sua auto sul mio paraurti posteriore..... e alle mie rimostranze con fare scorbutico, mi diceva "si prenda il mio numero di targa".

Ebbene io tra l'altro ho avuto danni all'auto.... chiedevo quindi un consiglio su come muovermi e sopratutto come capire se la traversa in questione sia veramente e interamente suolo privato .... puntualizzo ancora che tutti i parchi che insistono sulla strada sono recitati e chiusi.

Vanno affrontati due aspetti differenti: il primo attiene alla presunta violazione di domicilio (l'applicazione dell'articolo 614 del codice penale presuppone l'ingresso non autorizzato in una dimora privata o nelle sue pertinenze) e l'altra alla violenza subita dal reo in virtù della violazione.

La presunta violazione di domicilio può essere perseguita con una denuncia all'Autorità Giudiziaria ma non può giustificare l'esercizio della violenza nei confronti del reo.

Il suggerimento è quello di consultare un avvocato penalista e valutare la possibilità di denunciare all'AG, per violenza, il soggetto che ha tamponato il veicolo, al fine di procedere successivamente alla richiesta di risarcimento danni (è ovvio che non stiamo parlando di rimborso da assicurazione per la responsabilità civile auto); questo dal momento che, almeno da quanto lei riporta, appare decisamente surreale applicare l'articolo 614 cp a chi si introduce occasionalmente in uno spazio aperto e non recintato, anche se privato e provvisto di segnaletica esplicativa in tal senso.

16 marzo 2016 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

multa

Approfondimenti e integrazioni dal blog

La regolamentazione dei posti auto nel cortile condominiale può essere richiesta al giudice
L'assegnazione dei posti-auto nel cortile comune costituisce manifestazione del potere di regolamentazione dell'uso della cosa comune, consentito all'assemblea del condominio; né tale regolamentazione con relativa assegnazione di singoli posti-auto ai vari condomini determina la divisione del bene comune o la nascita di una nuova figura di diritto reale, limitandosi solo ...
Le parti comuni si presumono in comproprietà fra i condomini a meno che non sia prevista la totale esenzione dalla contribuzione delle spese di manutenzione e conservazione per alcune di esse
La proprietà dell'ascensore è comune a tutti i condomini: il criterio di ripartizione delle relative spese non incide sul regime di proprietà. Infatti, deve ritenersi legittima non solo una convenzione che ripartisca le spese per l'ascensore tra i condomini in misura diversa da quella legale, ma anche quella che preveda ...
Anche al condominio spetta la qualifica di consumatore
Pur avendo affermato a più riprese che la qualifica di consumatore spetta alle sole persone fisiche, la Corte di cassazione (sentenze 10086/01 e 452/04) ha tuttavia ritenuto estensibili al condominio le norme poste a tutela dei consumatori, sul rilievo che si tratterebbe di un ente di gestione privo di personalità ...
Il condomino risponde dei debiti condominiali solo in relazione alla propria quota millesimale
Il titolo esecutivo formatosi nei confronti del condominio è azionabile anche contro i singoli condomini sia pure in proporzione delle rispettive quote. E' quanto stabilito dalla Corte di Cassazione nella sentenza numero 4238 del 20 febbraio 2013. Pertanto, non trova più applicazione il principio di solidarietà passiva fra tutti i ...
Multa per violazione del codice della strada – il ricorso al giudice di pace
E' sempre possibile, in alternativa al ricorso al Prefetto, il ricorso al Giudice di pace del luogo in cui è stata commessa la violazione al Codice della Strada. Il ricorso va presentato entro 30 giorni dalla contestazione su strada o dalla notifica della multa, sempre che non sia stato effettuato ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca