Contratto di comodato fra un terzo e il coniuge del debitore » esiste rischio di falso in atto pubblico?

Mio marito (sposati con separazione dei beni), titolare di un azienda sas , a causa dei debiti ha avuto una notifica di pignoramento dei beni aziendali.

In tale circostanza gli agenti equitalia hanno avvisato mio marito della necessità di pignorare anche i beni mobili di casa e per evitare l'imbarazzo gli hanno chiesto di provvedere a fare un elenco dei beni in suo possesso e consegnarlo loro.

Mio marito ha stilato un piccolo elenco e gli agenti, ricevutolo hanno risposto che a breve avremo ricevuto la notifica a casa. INoltre alla domanda se tutto si sarebbe concluso con la loro prima visita hanno risposto che visto che il debito non si sarebbe estinto, tale visita si sarebbe potuta reiterare nel tempo.

Attualmente non abbiamo ancora ricevuto la notifica.

Per tutelarci dal pignoramento dei beni non presenti nell'elenco da noi fornito e sopratutto per evitare il reiterarsi dei pignoramenti, abbiamo deciso, come consigliato dagli esperti di questo utilissimo sito, di fare redigere ad un avvocato un documento di comodato d'uso di tutto ciò che è presente in casa (ad esclusione di quanto già escluso per legge).

Nel succitato contratto di comodato, mia sorella (vive al piano di sotto) risulterebbe comodante e io comodataria.

Mia sorella è pero molto preoccupata di dover dichiarare che tutto ciò è suo e mi è stato ceduto in comodato. Ha paura di incorrere in sanzioni civili o penali per presunta dichiarazione mendace. Inoltre ha paura che le chiedano i titoli di possesso (fatture/scontrini) di cui non dispone nè lei nè io (son passati oltre 10 anni e allora non si pensava che sarebbe andata così).

Le paure di mia sorella sono infondate?

I timori di sua sorella non sono infondati, trattandosi comunque di dover sottoscrivere e registrare un atto simulato. Questo il motivo per cui, il più delle volte, il ruolo di comodante è assunto dal coniuge del debitore, anche se poi ne scaturisce un contesto inverosimile.

D'altra parte, l'alternativa è quella di subire il pignoramento degli arredi e di quant'altro presente in casa.

Può anche cogliere l'occasione di un eventuale pignoramento presso la residenza del debitore per rinnovare l'arredamento di casa, acquistando da qualche rigattiere mobili del tutto simili a quelli che ha attualmente in casa e di cui è stata (imprudentemente e senza alcun obbligo di legge) fornito l'elenco agli agenti esattoriali (voglio dire, un armadio in noce quattro stagioni può indicare una infinità varietà di mobili): peraltro, il vecchiume oggi fa molto trend. Non dimentichi però di farsi rilasciare fatture descrittive dei beni acquistati che, come ha avuto modo di sperimentare, possono sempre tornare utili e, mi raccomando, attenda prima il pignoramento: faccia trovare all'ufficiale giudiziario i mobili giusti, non quelli vecchi che andrà ad acquistare.

18 agosto 2017 · Marzia Ciunfrini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

contratto di comodato in previsione di pignoramento presso residenza debitore

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pignoramento dei beni mobili in comodato all'inquilino
Contratto di comodato e debiti dell'affittuario: esiste la possibilità che un ufficiale giudiziario effettui il pignoramento dei beni dell'inquilino, anche se sono di proprietà del padrone di casa? La normativa vigente, avvalorata da giurisprudenza consolidata, ritiene che il creditore possa tranquillamente procedere ad un pignoramento mobiliare anche quando i beni ...
Valenza giuridica di un contratto di comodato dei beni presenti presso la residenza del debitore in caso di pignoramento
In occasione di un pignoramento presso la propria residenza, il debitore esibisce all'ufficiale giudiziario un contratto di comodato, registrato in data anteriore al pignoramento, dal quale risulta che tutti i beni mobili, ivi presenti, appartengono ad un terzo. L'ufficiale giudiziario, alla luce della sentenza della Corte di Cassazione numero 23625 ...
Immobile concesso in comodato da un terzo - Successiva separazione dei coniugi ed assegnazione della casa familiare
Il coniuge affidatario della prole minorenne, o maggiorenne non autosufficiente, assegnatario della casa familiare, può opporre al comodante, che chieda il rilascio dell'immobile, l'esistenza di un provvedimento di assegnazione, pronunciato in un giudizio di separazione o divorzio, solo se tra il comodante e almeno uno del coniugi il contratto in ...
Comodato d'uso di un immobile » il proprietario può risolvere il contratto se la destinazione del bene è dubbia
Il proprietario dell'immobile può risolvere il contratto di comodato d'uso se la destinazione del bene non è chiara. Con il contratto di comodato, il proprietario concede gratuitamente a terzi il diritto di uso del bene proprio e, quindi, soprattutto quando si tratti di un immobile, la sussistenza di una effettiva ...
Contratto di comodato di un immobile - Non è opponibile all'acquirente
Il contratto di comodato di un bene stipulato dall'alienante in epoca anteriore al rogito non è opponibile all'acquirente del bene stesso. L'acquirente a titolo particolare del bene concesso in precedenza dal venditore in comodato non può, quindi, risentire alcun pregiudizio dall'esistenza di tale comodato e ha, pertanto, il diritto di ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca