Pignoramento Equitalia » Contratto di comodato d'uso o mero elenco di proprietà?

Avevo un azienda di informatica e nel corso degli anni, per una serie di mancate riscossioni di crediti dei miei clienti ho iniziato il declino e l'accumulo di debiti. Attualmente ho chiuso l'azienda (sas) e Equitalia ha predisposto il pignoramento dei beni aziendali.

Gli agenti mi hanno risparmiato la visita a casa e mi hanno chiesto di redigere l'elenco dei beni a me intestati. Nonostante non avessi nulla a mio nome mi hanno consigliato comunque di far risultare qualcosa e così ho redatto un elenco e glielo ho fornito.

Quando però mi hanno confermato che avrebbero potuto reiterare di anno in anno un nuovo pignoramento ho capito che avrei dovuto far qualcosa per BLOCCARE questa processo.

Attualmente non hanno ancora redatto l'atto di pignoramento per i beni personali di casa, ma telefonicamente mi hanno detto che presumibilmente lo faranno e me lo notificheranno entro il mese corrente (agosto).

Ho letto sul vari forum che posso far redigere a nome di mia moglie un documento di comodato d'uso gratuito per me dove elenca tutti i beni di sua proprietà. Poi tale documento dovrà essere registrato all'agenzia delle entrate.

Le mie domande sono le seguenti :

1) - tutto ciò deve essere fatto necessariamente prima che mi venga notificato il pignoramento dei beni a casa?

2) - il solo documento, debitamente redatto e registrato, è sufficiente o necessita a supporto di scontrini, fatture, e quant'altro?

3) - Nel caso, oltre al documento, fossero necessarie le prove d'acquisto , come potrei risolvere la mia personale situazione in merito a :
- camera da letto regalata dai miei suoceri 10 anni fa, appena sposati.
- camera delle bambine regalata dai miei suoceri 9 anni fa.
- cucina e salotto acquistati con finanziaria da mia moglie (abbiamo i dati della finanziaria, ma non la fattura e comunque non viene descritta in alcuna misura l'aspetto estetico dei mobili o il modello.)

4) Un avvocato col quale ho parlato e che dovrebbe occuparsi del mio caso in merito alla redazione del documento, non pensa di fare un contratto di comodato gratuito, ma pensa di fare una mera dichiarazione di mia moglie con l'elenco dei beni che lei dichiara essere suoi. Dichiarazione che poi sarà firmata anche da mia cognata (sorella di mia moglie). E' un giusto approccio (elenco di proprietà) o è invece fondamentale che sia un contratto di COMODATO GRATUITO? Potete darmi un riferimento legale in merito affinché possa rigirarlo al mio legale?

L'avvocato che l'assiste conoscerà, sicuramente meglio di noi, l'evoluzione giurisprudenziale più recente sul tema proposto e saprà consigliarla adeguatamente nel merito.

Noi ci limitiamo a richiamare, ai debitori prossimi all'esecuzione tramite pignoramento presso residenza o domicilio, la risalente sentenza di Corte di cassazione 4811/1979 secondo la quale nell'opposizione di terzo all'esecuzione, qualora l'opponente produca in giudizio una scrittura privata registrata dalla quale risulti che i mobili pignorati sono stati da lui affidati in comodato al debitore, tale scrittura, provenendo da due parti in causa, se non sia stata disconosciuta, fa piena prova anche nei confronti del creditore procedente.

Consigliamo anche di evitare che il contratto di comodato (o altra attestazione) sia perfezionato fra coniugi, dal momento che una tale soluzione potrebbe introdurre ulteriori, rilevanti complicazioni: qualora, infatti, il regime patrimoniale adottato è quello di separazione dei beni, laddove il coniuge comodante non sia in grado di dimostrare la proprietà esclusiva del bene, il creditore procedente potrebbe invocare la presunzione di comproprietà dello stesso. Analogo problema nasce se il regime patrimoniale adottato è quello di comunione legale: il creditore procedente potrebbe chiedere al giudice dell'esecuzione di accertare se i beni oggetto del contratto di comodato siano stati acquisiti dal coniuge comodante prima del matrimonio (in difetto i beni sarebbero ugualmente pignorabili, anche con il contratto di comodato, dal momento che nella comunione legale i coniugi non sono individualmente titolari di un diritto di quota, bensì solidalmente titolari).

Quindi, a nostro parere, al giudice delle esecuzioni va esibito un contratto di comodato, registrato all'Agenzia delle entrate in data antecedente a quella di notifica dell'atto di pignoramento e sottoscritto dal debitore e da un terzo (sicuramente non coniuge del debitore, ma possibilmente nemmeno parente o affine).

E' stato scritto che la documentazione va esibita al giudice dell'esecuzione, da parte del terzo, proprietario dei beni pignorati, semplicemente perché non è concesso all'ufficiale giudiziario decidere sulla conformità e sull'efficacia degli atti esibiti in sede di pignoramento. Tale valutazione spetta esclusivamente al giudice dell'esecuzione presso il Tribunale territorialmente competente, a cui l'effettivo proprietario dei beni pignorati si rivolge per ottenerne la liberazione.

L'ufficiale giudiziario deve limitarsi a pignorare i beni rinvenuti nella casa del debitore con la sola esclusione delle cose mobili tassativamente elencate all'articolo 514 del Codice di procedura civile (cose mobili assolutamente impignorabili - si veda Cassazione 23625/2012).

E' pur vero che trattandosi di esecuzione mobiliare di tipo esattoriale, l'articolo 63 del dpr 602/1973 dispone che l'ufficiale della riscossione deve astenersi dal pignoramento o desistere dal procedimento quando è dimostrato che i beni [pignorandi ndr] appartengano a persona diversa dal debitore iscritto a ruolo ma, a parere dei giudici di legittimità, estensori della sentenza 23625/2012, la circostanza è da ritenersi un'eccezione limitata all'esecuzione affidata ad un ufficiale della riscossione (figura diversa dall'ufficiale giudiziario): insomma, la norma non può ritenersi di portata generale nell'espropriazione mobiliare.

Infine, nel corso dell'esperienza acquisita in circostanze simili a quelle in cui versa il nostro lettore, abbiamo anche visto amici e parenti del debitore esecutato procedere all'acquisto, presso rigattieri e negozi di mobili usati, di arredi del tutto simili, per descrizione, a quelli posizionati nella di lui abitazione, dietro, naturalmente, emissione di regolare fattura, a volte pure retrodatata.

3 agosto 2017 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

contratto di comodato in previsione di pignoramento presso residenza debitore

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Comodato d'uso di un immobile » il proprietario può risolvere il contratto se la destinazione del bene è dubbia
Il proprietario dell'immobile può risolvere il contratto di comodato d'uso se la destinazione del bene non è chiara. Con il contratto di comodato, il proprietario concede gratuitamente a terzi il diritto di uso del bene proprio e, quindi, soprattutto quando si tratti di un immobile, la sussistenza di una effettiva ...
Pignoramento dei beni mobili in comodato all'inquilino
Contratto di comodato e debiti dell'affittuario: esiste la possibilità che un ufficiale giudiziario effettui il pignoramento dei beni dell'inquilino, anche se sono di proprietà del padrone di casa? La normativa vigente, avvalorata da giurisprudenza consolidata, ritiene che il creditore possa tranquillamente procedere ad un pignoramento mobiliare anche quando i beni ...
Contratto di comodato di un immobile - Non è opponibile all'acquirente
Il contratto di comodato di un bene stipulato dall'alienante in epoca anteriore al rogito non è opponibile all'acquirente del bene stesso. L'acquirente a titolo particolare del bene concesso in precedenza dal venditore in comodato non può, quindi, risentire alcun pregiudizio dall'esistenza di tale comodato e ha, pertanto, il diritto di ...
Il comodato a tempo determinato, a tempo determinabile ed il comodato precario senza determinazione di durata
Il codice civile disciplina due forme del comodato, quello propriamente detto, regolato dagli articoli 1803 e 1809 e il cosiddetto comodato precario, al quale si riferisce l'articolo 1810 del codice civile, rubricato come comodato senza determinazione di durata. Nel caso di comodato precario, connotato dalla mancata pattuizione di un termine ...
Valenza giuridica di un contratto di comodato dei beni presenti presso la residenza del debitore in caso di pignoramento
In occasione di un pignoramento presso la propria residenza, il debitore esibisce all'ufficiale giudiziario un contratto di comodato, registrato in data anteriore al pignoramento, dal quale risulta che tutti i beni mobili, ivi presenti, appartengono ad un terzo. L'ufficiale giudiziario, alla luce della sentenza della Corte di Cassazione numero 23625 ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca