Diritto di abitazione spettante al coniuge superstite in casa coniugale di proprietà di terzi

Mio padre, rimasto vedovo, ha acquistato l’immobile ove risiedeva intestandoselo come prima casa e, pochi mesi dopo, ha contratto un nuovo matrimonio, in regime di comunione dei beni.

La nuova moglie, proprietaria di un’altra abitazione, non ha mai trasferito la residenza nella casa acquistata da mio padre. Durante l’anno alternavano la convivenza in una o nell’altra abitazione.

Mesi prima di morire, con atto notarile, mio padre decideva di vendere la nuda proprietà dell’immobile, precedentemente acquistato, ai suoi due nipoti con la salvaguardia dell’usufrutto per sè stesso.

Dopo la morte di mio padre la moglie vi dimora stabilmente, ma vi ha diritto ad abitare, considerando che non provvede a pagare le utenze domestiche (ancora intestate al de cuius) e le altre spese?

Con il decesso del titolare, il diritto di abitazione si estingue ex articolo 979 del codice civile e si ha riunione dell’usufrutto e della nuda proprietà nello stesso soggetto, in questo caso i due nipoti del de cuius.

I diritti di uso e di abitazione sorgono in capo al coniuge superstite solo se la casa coniugale risulta essere di proprietà esclusiva del de cuius o in comunione tra il de cuius e il coniuge superstite, con esclusione perciò di terzi. Pertanto, l’eventuale permanenza del coniuge superstite nella casa coniugale, sancita dall’articolo 540 del codice civile, non è garantita nella fattispecie, soprattutto in considerazione della circostanza che la norma citata mira a tutelate interessi morali, e non patrimoniali.

In ogni caso, si tratta di questione che riguarda esclusivamente il coniuge superstite ed i nipoti del defunto, titolari della proprietà dell’immobile.

Per quanto riguarda le eventuali morosità del de cuius rispetto alle spese condominiali e alle bollette per la fornitura di gas, luce ed acqua, al loro pagamento sono tenuti, pro quota, gli eredi del defunto fino alla data del decesso. Dalla data del decesso in poi, tali spese sono dovute dai nipoti del de cuius (in quanto proprietari dell’immobile) o, comunque, da coloro che hanno titolo ad occupare l’appartamento.

22 Dicembre 2019 · Carla Benvenuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Se la casa di mia proprietà viene espropriata che fine fa il diritto di abitazione che ho concesso a mia moglie?
La mia casa rischia di subire la demolizione di un piano per un problema di servitù di veduta. Mia moglie ha il diritto di abitazione sull'immobile. Se non svolgessi i lavori e di conseguenza provvedesse la controparte (con conseguente pignoramento), il diritto di abitazione di mia moglie (già consolidato) sarebbe pignorabile? Premetto che la casa è soggetta a domanda giudiziale trascritta a favore della controparte, fatta anteriormente al diritto di abitazione. ...

Separazione e divorzio » Se il coniuge obbligato muore e la casa passa di proprietà, si estingue il diritto di abitazione derivante del provvedimento giudiziale di assegnazione della casa coniugale?
L'assegnazione della casa coniugale, intervenuta con il provvedimento giudiziale di separazione o divorzio, e di cui il coniuge obbligato è proprietario, comproprietario, anche in comunione con altri è, secondo le norme vigenti, espressamente condizionata soltanto all'interesse dei figli. La Corte di cassazione, già con la sentenza 23591/2010, ha infatti ribadito che la scelta cui il giudice è chiamato non può prescindere dall'affidamento dei figli minori o dalla convivenza con i figli maggiorenni non ancora autosufficienti che funge da presupposto inderogabile dell'assegnazione. L'assegnazione della casa familiare è, in definitiva uno strumento di protezione della prole e non può conseguire altre e ...

Come si ripartisce fra gli eredi l'immobile di proprietà del defunto nel caso di coniuge superstite e due figli?
Nostro padre, rimasto vedovo, ha acquistato un immobile, intestandoselo come prima casa, e pochi mesi dopo ha contratto un nuovo matrimonio, in regime di comunione dei beni. Nel caso dovesse venire a mancare, come sarebbe ripartita l'eredità dell'immobile tra i due figli ed il coniuge superstite? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Diritto di abitazione spettante al coniuge superstite in casa coniugale di proprietà di terzi