Diritto di abitazione assegnato per la casa coniugale – Non è più valido?

Ho il diritto di abitazione su di una casa coniugale assegnatomi in seguito alla separazione: la casa coniugale fu venduta all’asta poiché il mio ex marito non pagò più il mutuo.

La casa fu acquistata da una società nel 2008. Fino ad oggi i giudici hanno fatto valere il mio diritto di abitazione ed io ancora adesso occupo l immobile.

L’acquirente,con la nuova sentenza della cassazione dell aprile 2016, mi cita in tribunale chiedendomi 106 mila euro per tutti gli anni che ho occupato l’immobile, a suo dire, impropriamente.

La mia domanda è: Il mio diritto di abitazione non è più valido?

La sentenza della Corte di cassazione a cui si riferisce è, quasi sicuramente, la 07776/2016 secondo la quale il provvedimento giudiziale di assegnazione della casa familiare al coniuge affidatario, non è opponibile al creditore ipotecario che abbia iscritto la sua ipoteca sull’immobile prima dell’assegnazione.

Questo il motivo per cui la società acquirente le chiede il risarcimento del danno per illegittima occupazione della casa coniugale dal 2008 ad oggi. Purtroppo dovrà prepararsi a lasciare libero l’immobile.

8 Gennaio 2018 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Diritto di abitazione della casa coniugale per separazione personale - non opponibile se ottenuto dopo l'iscrizione di ipoteca
Non è fondata l'opponibilità del proprio diritto di abitazione sulla anteriorità della data di assegnazione della casa coniugale rispetto alla data di trascrizione del pignoramento se sul bene oggetto di espropriazione insiste una precedente iscrizione ipotecaria del creditore ipotecario. Il diritto di abitazione conseguito in forza dell'assegnazione della casa coniugale in seguito a separazione personale, se conseguito successivamente all'iscrizione ipotecaria, non è opponibile allo stesso creditore ipotecario e, quindi, all'acquirente dell'immobile in sede esecutiva. Infatti, l'esistenza di un provvedimento di assegnazione non è elemento che possa incidere sulla pignorabilità del bene. È principio consolidato nella giurisprudenza di legittimità che il ...

Assegnazione casa coniugale - Si tratta di un atipico diritto personale di godimento e non di un diritto reale
In tema di imposte comunali sugli immobili (ICI, IMU, TASI) il coniuge affidatario dei figli al quale sia assegnata la casa di abitazione posta nell'immobile di proprietà (anche in parte) dell'altro coniuge non è soggetto passivo dell'imposta per la quota dell'immobile stesso sulla quale non vanti il diritto di proprietà ovvero un qualche diritto reale di godimento (diritto di abitazione, usufrutto, comodato). Con il provvedimento giudiziale di assegnazione della casa coniugale in sede di separazione personale o di divorzio, infatti, viene riconosciuto al coniuge un atipico diritto personale di godimento e non un diritto reale, sicché in capo al coniuge ...

Diritto di abitazione spettante al coniuge superstite in casa coniugale di proprietà di terzi
Mio padre, rimasto vedovo, ha acquistato l'immobile ove risiedeva intestandoselo come prima casa e, pochi mesi dopo, ha contratto un nuovo matrimonio, in regime di comunione dei beni. La nuova moglie, proprietaria di un'altra abitazione, non ha mai trasferito la residenza nella casa acquistata da mio padre. Durante l'anno alternavano la convivenza in una o nell'altra abitazione. Mesi prima di morire, con atto notarile, mio padre decideva di vendere la nuda proprietà dell'immobile, precedentemente acquistato, ai suoi due nipoti con la salvaguardia dell'usufrutto per sè stesso. Dopo la morte di mio padre la moglie vi dimora stabilmente, ma vi ha ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Diritto di abitazione assegnato per la casa coniugale – Non è più valido?