Diritto di abitazione assegnato per la casa coniugale - Non è più valido?

Ho il diritto di abitazione su di una casa coniugale assegnatomi in seguito alla separazione: la casa coniugale fu venduta all'asta poiché il mio ex marito non pagò più il mutuo.

La casa fu acquistata da una società nel 2008. Fino ad oggi i giudici hanno fatto valere il mio diritto di abitazione ed io ancora adesso occupo l immobile.

L'acquirente,con la nuova sentenza della cassazione dell aprile 2016, mi cita in tribunale chiedendomi 106 mila euro per tutti gli anni che ho occupato l'immobile, a suo dire, impropriamente.

La mia domanda è: Il mio diritto di abitazione non è più valido?

La sentenza della Corte di cassazione a cui si riferisce è, quasi sicuramente, la 07776/2016 secondo la quale il provvedimento giudiziale di assegnazione della casa familiare al coniuge affidatario, non è opponibile al creditore ipotecario che abbia iscritto la sua ipoteca sull'immobile prima dell'assegnazione.

Questo il motivo per cui la società acquirente le chiede il risarcimento del danno per illegittima occupazione della casa coniugale dal 2008 ad oggi. Purtroppo dovrà prepararsi a lasciare libero l'immobile.

8 gennaio 2018 · Marzia Ciunfrini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

assegnazione casa familiare
casa - pignoramento espropriazione e vendita all'asta

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assegnazione casa coniugale - Si tratta di un atipico diritto personale di godimento e non di un diritto reale
In tema di imposte comunali sugli immobili (ICI, IMU, TASI) il coniuge affidatario dei figli al quale sia assegnata la casa di abitazione posta nell'immobile di proprietà (anche in parte) dell'altro coniuge non è soggetto passivo dell'imposta per la quota dell'immobile stesso sulla quale non vanti il diritto di proprietà ...
Diritto di abitazione della casa coniugale per separazione personale - non opponibile se ottenuto dopo l'iscrizione di ipoteca
Non è fondata l'opponibilità del proprio diritto di abitazione sulla anteriorità della data di assegnazione della casa coniugale rispetto alla data di trascrizione del pignoramento se sul bene oggetto di espropriazione insiste una precedente iscrizione ipotecaria del creditore ipotecario. Il diritto di abitazione conseguito in forza dell'assegnazione della casa coniugale ...
Diritto di abitazione riservato al coniuge superstite - Viene meno in caso di separazione personale
Il diritto reale di abitazione, riservato per legge al coniuge superstite, è condizionato all'effettiva esistenza, al momento dell'apertura della successione, di una casa adibita ad abitazione familiare, evenienza che non ricorre allorché, a seguito della separazione personale, sia cessato lo stato di convivenza tra i coniugi. Infatti, il diritto reale ...
Il coniuge legittimo ha sempre il diritto di abitazione sull'immobile
Dopo il decesso di uno dei due consorti, al coniuge legittimo spetta sempre il diritto di abitazione della casa familiare, anche se concorre con altri eredi. Questo fondamentale concetto è stato sancito dalla Corte di Cassazione la quale, con la pronuncia 20703/2013, ha stabilito che: In tema di successione necessaria, ...
Espropriazione della casa e diritto di abitazione
Il codice civile stabilisce che il diritto di abitazione non può essere ceduto, concesso in locazione, né ipotecato e, dunque, non può essere oggetto di sequestro o di pignoramento: in pratica, il creditore di chi detiene il diritto di abitazione non può sottoporre ad espropriazione forzata il diritto di abitazione ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca