Come si ripartisce fra gli eredi l’immobile di proprietà del defunto nel caso di coniuge superstite e due figli?

Nostro padre, rimasto vedovo, ha acquistato un immobile, intestandoselo come prima casa, e pochi mesi dopo ha contratto un nuovo matrimonio, in regime di comunione dei beni. Nel caso dovesse venire a mancare, come sarebbe ripartita l’eredità dell’immobile tra i due figli ed il coniuge superstite?

Se il de cuius lascia testamento può liberamente assegnare 1/4 a chi vuole (anche al coniuge superstite, ad uno solo dei due figli, o al primo che passa), mentre un quarto tocca al coniuge e a ciascuno dei due figli (quote di legittima).

In questa ipotesi, ad esempio, il coniuge superstite potrebbe ottenere la metà dell’immobile ed un quarto potrebbe andare a ciascuno dei due figli: non ci sarebbe nulla da eccepire.

Se, invece, non c’è testamento, l’immobile viene ripartito con la quota di un terzo a ciascuno degli eredi (coniuge superstite e i due figli).

7 Dicembre 2017 · Patrizio Oliva

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Coniugi legalmente separati - Intervento dei creditori nel caso di eredità e di indebitamento del coniuge superstite
Ho un debito importante nei confronti dell'Agenzia delle Entrate e una banca: sono nullatenente e titolare di una pensione di Euro mille e 400, di cui 700 Euro dovuti al coniuge separato come assegno di separazione legale. Attualmente non vi è nessuna procedura esecutiva nei miei confronti. Qualora dovesse mancare la mia ex moglie, avrei diritto ad una quota della sua eredità (casa di proprietà), insieme ai nostri 2 figli (presumo 1/3 a testa). La mia intenzione sarebbe di rinunciare all'eredità, tuttavia i creditori avrebbero diritto ad impugnare la rinuncia. Vorrei evitare tale situazione, pertanto sto valutando ogni ipotesi che ...

Diritto di abitazione spettante al coniuge superstite in casa coniugale di proprietà di terzi
Mio padre, rimasto vedovo, ha acquistato l'immobile ove risiedeva intestandoselo come prima casa e, pochi mesi dopo, ha contratto un nuovo matrimonio, in regime di comunione dei beni. La nuova moglie, proprietaria di un'altra abitazione, non ha mai trasferito la residenza nella casa acquistata da mio padre. Durante l'anno alternavano la convivenza in una o nell'altra abitazione. Mesi prima di morire, con atto notarile, mio padre decideva di vendere la nuda proprietà dell'immobile, precedentemente acquistato, ai suoi due nipoti con la salvaguardia dell'usufrutto per sè stesso. Dopo la morte di mio padre la moglie vi dimora stabilmente, ma vi ha ...

Assegno a carico degli eredi dell'ex coniuge defunto a beneficio del coniuge divorziato superstite - Quando può essere richiesto
All'ex coniuge, titolare del diritto di corresponsione periodica di un assegno di divorzio, qualora versi in stato di bisogno, il tribunale, dopo il decesso dell'obbligato, può attribuire un assegno periodico a carico dell'eredità tenendo conto dell'importo di quelle somme, della entità del bisogno, dell'eventuale pensione di reversibilità, delle sostanze ereditarie, del numero e della qualità degli eredi e delle loro condizioni economiche. L'assegno non spetta se gli obblighi patrimoniali, relativi all'assegno di divorzio, sono stati soddisfatti in unica soluzione. Il diritto all'assegno si estingue se il beneficiario passa a nuove nozze o viene meno il suo stato di bisogno. Qualora ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Come si ripartisce fra gli eredi l’immobile di proprietà del defunto nel caso di coniuge superstite e due figli?