Come si ripartisce fra gli eredi l'immobile di proprietà del defunto nel caso di coniuge superstite e due figli?

Nostro padre, rimasto vedovo, ha acquistato un immobile, intestandoselo come prima casa, e pochi mesi dopo ha contratto un nuovo matrimonio, in regime di comunione dei beni. Nel caso dovesse venire a mancare, come sarebbe ripartita l'eredità dell'immobile tra i due figli ed il coniuge superstite?

Se il de cuius lascia testamento può liberamente assegnare 1/4 a chi vuole (anche al coniuge superstite, ad uno solo dei due figli, o al primo che passa), mentre un quarto tocca al coniuge e a ciascuno dei due figli (quote di legittima).

In questa ipotesi, ad esempio, il coniuge superstite potrebbe ottenere la metà dell'immobile ed un quarto potrebbe andare a ciascuno dei due figli: non ci sarebbe nulla da eccepire.

Se, invece, non c'è testamento, l'immobile viene ripartito con la quota di un terzo a ciascuno degli eredi (coniuge superstite e i due figli).

7 dicembre 2017 · Patrizio Oliva

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Altre discussioni simili nel forum

eredità - quota di legittima e quota disponibile
eredità e successione

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca