Come si ripartisce fra gli eredi l'immobile di proprietà del defunto nel caso di coniuge superstite e due figli?

Nostro padre, rimasto vedovo, ha acquistato un immobile, intestandoselo come prima casa, e pochi mesi dopo ha contratto un nuovo matrimonio, in regime di comunione dei beni. Nel caso dovesse venire a mancare, come sarebbe ripartita l'eredità dell'immobile tra i due figli ed il coniuge superstite?

Se il de cuius lascia testamento può liberamente assegnare 1/4 a chi vuole (anche al coniuge superstite, ad uno solo dei due figli, o al primo che passa), mentre un quarto tocca al coniuge e a ciascuno dei due figli (quote di legittima).

In questa ipotesi, ad esempio, il coniuge superstite potrebbe ottenere la metà dell'immobile ed un quarto potrebbe andare a ciascuno dei due figli: non ci sarebbe nulla da eccepire.

Se, invece, non c'è testamento, l'immobile viene ripartito con la quota di un terzo a ciascuno degli eredi (coniuge superstite e i due figli).

7 dicembre 2017 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

eredità - quota di legittima e quota disponibile
eredità e successione

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Diritto di abitazione riservato al coniuge superstite - Viene meno in caso di separazione personale
Il diritto reale di abitazione, riservato per legge al coniuge superstite, è condizionato all'effettiva esistenza, al momento dell'apertura della successione, di una casa adibita ad abitazione familiare, evenienza che non ricorre allorché, a seguito della separazione personale, sia cessato lo stato di convivenza tra i coniugi. Infatti, il diritto reale ...
Il diritto di abitazione non spetta al coniuge superstite separato
Al coniuge superstite è riservata, a titolo di legittima, una quota pari alla metà del patrimonio del coniuge defunto, salvo le disposizioni dettate dal concorso con eventuali figli. In breve, nel caso di un solo figlio, al coniuge superstite spetta una quota pari ad un terzo, mentre si arriva ad ...
Al coniuge superstite non può mai essere conferita la qualità di possessore dei beni ereditari in conseguenza dell'esercizio del diritto di abitazione e di uso dei mobili che corredano la casa familiare
La permanenza del coniuge superstite dopo il decesso dell'altro coniuge nell'abitazione familiare appare qualificabile come esercizio del diritto di abitazione e di uso dei mobili che la corredano. Questo vale sia qualora il coniuge superstite sia legatario (successione per testamento) sia nell'ipotesi di successione legittima: pertanto deve escludersi che il ...
Assegno a carico degli eredi dell'ex coniuge defunto a beneficio del coniuge divorziato superstite - Quando può essere richiesto
All'ex coniuge, titolare del diritto di corresponsione periodica di un assegno di divorzio, qualora versi in stato di bisogno, il tribunale, dopo il decesso dell'obbligato, può attribuire un assegno periodico a carico dell'eredità tenendo conto dell'importo di quelle somme, della entità del bisogno, dell'eventuale pensione di reversibilità, delle sostanze ereditarie, ...
Separazione personale - il coniuge superstite perde il diritto di abitazione
Com'è noto, al coniuge è riservata, a titolo di legittima, una quota pari alla metà del patrimonio dell'altro, salve le disposizioni dettate in caso di concorso con i figli, le quali prevedono in favore del coniuge la riserva della quota di un terzo, in caso di un solo figlio, e ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Tassonomie

Cerca