Stop definitivo ai libretti di risparmio al portatore - Che cosa bisogna fare?

Sono titolare di un libretto di risparmio al portatore, regalato da mio nonno alla nascita: ho sentito dire che devo chiuderlo entro la fine dell'anno.

Non ho capito bene perché e vorrei me lo spiegaste.

Inoltre, che succede se me ne frego e me lo tengo? Posso farlo?

Già dal 4 Luglio 2017 era stata decretata la fine dell'era dei libretti di risparmio al portatore: potevano essere emessi, infatti, esclusivamente quelli nominativi e trasparenti.

Lo stop definitivo a quelli già posseduti è prevista per fine anno.

Occhio anche alla soglia per il saldo massimo.

Infatti proprio in questa finestra di tempo che va da luglio scorso a dicembre 2018, la cifra massima è di 2.999,99 euro.

Dunque, cosa deve fare chi ne possiede ancora uno o più di uno?

C'è tempo fino al 31 dicembre 2018 per andare in banca o in posta e trasferire i soldi su un conto corrente, oppure chiedere la conversione in un libretto nominativo, o ancora a cambiarlo in contanti.

La restituzione del supporto cartaceo e il cambio, insomma, devono essere effettuati entro fine anno.

E per chi non si allinea alle nove direttive sono previste, pesanti sanzioni, fino a un massimo di 500 euro di multa.

Nel caso di decesso del portatore originario, i libretti di risparmio al portatore entrano a far parte della massa ereditaria.

Pertanto i soggetti legittimati ad estinguerli sono gli eredi.

Fate attenzione alle scadenze.

27 febbraio 2018 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

conto corrente e libretto di deposito

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Vietati i libretti di risparmio al portatore
A far data dal 4 luglio 2017, con l'entrata in vigore del decreto legislativo 90/2017, è ammessa esclusivamente l'emissione di libretti di deposito, bancari o postali, nominativi ed è vietato il trasferimento di libretti di deposito bancari o postali al portatore. I libretti di deposito bancari o postali al portatore ...
Assistenza al familiare portatore di handicap - La convivenza non presuppone la coabitazione
In tema di assistenza al familiare portatore di handicap, il concetto di convivenza non può essere ritenuto coincidente con quello di coabitazione poiché in tal modo si darebbe un'interpretazione restrittiva della disposizione che, oltre che arbitraria, sembra andare contro il fine perseguito dalla norma di agevolare l'assistenza degli handicappati, per ...
Limitazioni all'uso del contante e dei titoli al portatore - La soglia sale a 3 mila euro
Dal 1° gennaio 2016 è vietato il trasferimento di denaro contante o di libretti di deposito bancari o postali al portatore o di titoli al portatore in euro o in valuta estera, effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi, quando il valore oggetto di trasferimento è complessivamente pari o superiore ...
Limitazioni all'uso del contante e dei titoli al portatore - Tutto come prima per quanto riguarda gli assegni
È vietato il trasferimento di denaro contante o di libretti di deposito bancari o postali al portatore o di titoli al portatore in euro o in valuta estera, effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi, quando il valore oggetto di trasferimento è complessivamente pari o superiore a 3.000 euro. Il ...
TASI - domande e risposte
No, la TASI non si applica al possesso dell'abitazione principale classificata in categoria A/1, A/8 e A/9 e relative pertinenze. ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca