Spese di giudizio per azione revocatoria di donazione fra coniugi – Possibilità per il debitore di continuare ad occupare l’appartamento donato in caso di sentenza sfavorevole


Azione revocatoria ordinaria di atti dispositivi del debitore (alienazione immobile donazione costituzione fondo patrimoniale), donazione

Coniugi citati in revocatoria per immobile donato dal marito debitore alla moglie, se dovessero perdere il primo grado di giudizio, le spese processuali e legali chi le pagherebbe il marito debitore o la moglie?

E vista la immediata esecutività della sentenza di primo grado, in attesa del passato in giudicato gli stessi dovrebbero lasciare l’abitazione?

Nell’eventualità di accoglimento dell’azione revocatoria promossa dal debitore, le spese di giudizio, di solito, seguono la soccombenza: il debitore disponente del bene immobile di cui è proprietario è obbligato a corrisponderle.

Il bene immobile donato torna nella disponibilità del debitore, in conseguenza della declaratoria di inefficacia dell’atto donativo: il creditore potrà così, appena la sentenza sarà passata in giudicato, procedere al pignoramento dell’immobile per escutere il credito originario gravato dalle spese di giudizio per cui avesse ottenuto ristoro dal giudicante.

Va aggiunto, tuttavia, che solo qualora l’applicazione della revocatoria risulti giuridicamente incontrovertibile e la sentenza non riformabile (come nella fattispecie di trasferimento a titolo gratuito della proprietà ad un congiunto) il creditore si spinge a pignorare il bene dopo il passato in giudicato della sentenza di merito, di solito attendendo, invece, gli ulteriori eventuali gradi di giudizio per evitare una condanna a congruo risarcimento del danno procurato con l’alienazione coattiva del bene oggetto di contenzioso.

Per quanto attiene il quesito circa la possibilità degli occupanti di essere obbligati a lasciare l’abitazione occupata, ciò riguarderà la vicenda successiva di espropriazione dell’immobile, con la possibilità di ottenere, da parte dell’attuale proprietario, la nomina a custode del bene oggetto di pignoramento fino al decreto di assegnazione dello stesso al terzo acquirente.

5 Dicembre 2020 · Marzia Ciunfrini

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui

Altre sezioni che trattano argomenti simili: ,


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza 140 voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Debiti e recupero crediti » Spese di giudizio per azione revocatoria di donazione fra coniugi – Possibilità per il debitore di continuare ad occupare l’appartamento donato in caso di sentenza sfavorevole. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.