Azione revocatoria risarcitoria – il creditore può ottenere un risarcimento danni dal terzo che rivende il bene sottoposto ad azione revocatoria nelle more del giudizio


Se un creditore avvia un azione revocatoria ma non passata ancora in giudicato, per la vendita di un bene mobile (auto), nel frattempo il terzo può rivenderla?

Il creditore può agire nei confronti del soggetto che, consapevole del pregiudizio arrecato alle sue ragioni, dopo avere acquistato un bene dal proprio debitore, lo abbia rivenduto a terzi, sottraendolo così all’azione revocatoria ordinaria ex articolo 2901 del codice civile: si tratta della cosiddetta azione revocatoria risarcitoria, in base alla quale il creditore che vede accolta l’azione revocatoria ordinaria nei confronti del proprio debitore, potrà chiedere, ed ottenere, un congruo risarcimento danni dal soggetto acquirente che abbia rivenduto a terzi il bene oggetto di revocatoria (Cassazione ordinanza 6702/2018).

Bisogna poi considerare che il creditore, contestualmente all’azione revocatoria ordinaria ex articolo 2901 del codice civile, può operare anche la trascrizione della domanda giudiziale nei pubblici registri (mobiliari o immobiliari), al fine di rendere nota a terzi l’azione revocatoria pendente sul bene, limitando, così, la possibilità che vengano posti in essere, nelle more del giudizio, eventuali ulteriori atti pregiudizievoli (compravendite) sul bene già sottoposto ad azione revocatoria.

15 Giugno 2022 · Marzia Ciunfrini



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Azione revocatoria risarcitoria – il creditore può ottenere un risarcimento danni dal terzo che rivende il bene sottoposto ad azione revocatoria nelle more del giudizio