Accoglimento dell’azione revocatoria promossa dal creditore – Il debitore può essere sottoposto ad azione esecutiva o bisogna attendere il passaggio in giudicato della sentenza?

Vorrei gentilmente sapere se il creditore vincitore in primo grado di un giudizio di revocatoria per dare corso al pignoramento e all’espropriazione forzata deve attendere il terzo grado di giudizio o può farlo immediatamente dopo la sentenza di primo grado.

L’esecuzione può essere anche iniziata immediatamente, sulla base della sentenza che accoglie l’azione revocatoria del creditore e sulla base del titolo esecutivo già detenuto dal creditore: tuttavia, la parte soccombente (il debitore sottoposto ad azione esecutiva) può agevolmente ottenere dal giudice la sospensione dell’esecuzione già iniziata sia con l’opposizione all’esecuzione, sia con il ricorso in appello avverso la sentenza di primo grado.

Nel caso dell’opposizione all’esecuzione, per sospendere il procedimento occorrerà che sussistano gravi ed urgenti motivi, ai sensi dell’articolo 624 del codice di procedura civile: in altre parole occorrerà che sussistano delle ragioni per le quali l’espropriazione forzata potrebbe arrecare un grave, irreparabile danno al soggetto proprietario del bene. Ma, può essere sufficiente, allo scopo, anche la circostanza che il ricorso in appello sia stato eventualmente già incardinato.

Nel caso invece che la sospensione venga richiesta con la proposizione dell’atto di appello alla sentenza di primo grado, occorrerà non solo il pericolo di un grave pregiudizio per la parte soccombente, ma anche il fumus boni iuris (ovvero l’apparenza di un buon diritto) circa la fondatezza dei motivi per i quali è stata impugnata la sentenza.

Peraltro, chi propone l’azione revocatoria può chiedere al giudice, nelle more del passaggio in giudicato della sentenza, il sequestro conservativo del bene oggetto di atto dispositivo da parte del debitore ex articolo 671 del codice di procedura civile.

12 Giugno 2019 · Loredana Pavolini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Azione revocatoria di un atto dispositivo del debitore promossa dal creditore cessionario
Vorrei chiedere se in caso di cessione del credito cambiando il creditore lo stesso può esperire azione revocatoria ma da quale data? Si tiene conto sempre quella del sorgere del credito o da quando è stato ceduto? ...

Ho acquistato casa da mio padre debitore - Posso rivenderla prima di una eventuale azione revocatoria promossa dai creditori?
Ho appena acquistato un immobile da mio padre come mia prima abitazione: l'indotto dato dalla vendita è stato utilizzato all'85% per risanare debiti prioritari della sua società, ad esempio il trattamento di fine rapporto dei dipendenti. Sulla casa non c'era nessuna richiesta di pignoramento. La vendita è stata fatta al corretto prezzo di mercato. Quindi per quanto riportato sommariamente è stato fatto tutto in buona fede. Rimane l'incertezza che un creditore terzo possa impugnare la revocatoria (il giorno dopo l'atto notarile è arrivata una richiesta di pignoramento dell'immobile da me appena acquistato). Potrebbe conferirmi ulteriori tutele da un azione revocatoria ...

Espropriazione di beni assoggettati a vincolo di indisponibilità o alienati a titolo gratuito dal debitore - Quando il creditore può non esperire azione revocatoria per aggredire il bene sottratto all'azione esecutiva
Il creditore che sia pregiudicato da un atto del debitore, di costituzione di vincolo di indisponibilità (fondo patrimoniale) o di alienazione (donazione, trasferimento immobiliare in sede di separazione o divorzio, concessione di ipoteca volontaria) che ha per oggetto beni immobili o mobili iscritti in pubblici registri, compiuto a titolo gratuito successivamente al sorgere del credito, può procedere, munito di titolo esecutivo, a esecuzione forzata, ancorché non abbia preventivamente ottenuto sentenza dichiarativa di inefficacia, se trascrive il pignoramento nel termine di un anno dalla data in cui l'atto è stato trascritto. Tale disposizione si applica anche quando l'atto a titolo gratuito ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Accoglimento dell’azione revocatoria promossa dal creditore – Il debitore può essere sottoposto ad azione esecutiva o bisogna attendere il passaggio in giudicato della sentenza?